Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Tg “felpati”

tg

I Tg di martedì 14 aprile – Tg1 e Tg5 aprono sulle migliaia di profughi raccolti negli ultimi giorni e sulle probabili 400 vittime dell’ennesimo barcone ribaltato a largo della Libia. Scene già viste, cui si aggiungono gli spari degli scafisti che “reclamano” la restituzione dei gommoni usati per trasportare merce umana. Già ieri Tg2 aveva aperto sull’intensificarsi dei viaggi della disperazione, assai lucrosi per i mercanti di morte, e questa sera anche le altre testate affrontano la nuova emergenza, che emergenza oramai non è più. Sempre Tg2 segnala che da Bruxelles giungono pallidi inviti ad aiutare l’Italia nello sforzo d’assistenza ai profughi. Tg4 fa un capolavoro collegando nel titolo le minacce “in italiano” contenute nell’ennesimo video dell’Isis con l’emergenza immigrati e la sollevazione dei sindaci che “non ne possono più”. In realtà questo è uno slogan di Salvini, ma oramai è certo: Mario Giordano ha “sposato” la campagna elettorale e sottoculturale della Lega. Non potendo supportare gli slogan di una Forza Italia – che non esistono perché il partito è dilaniato dalle faide interne – il Tg di Rete4 ha eletto Salvini a Campione Politico, e prepara per lui il menù più congeniale, a base di istanze securitarie, lotta all’immigrazione e messa in croce dei rom (anche stasera abbondantemente presenti e messi all’angolo). Mancano, oramai, solo i conduttori con la felpa.

Per Tg2, Tg3 e Tg La7 l’apertura è sulla politica, ed in particolare sui soliti sommovimenti in area Pd intorno al nodo dell’Italicum che, in un modo o nell’altro la Camera dovrà sciogliere entro fine mese. Renzi il nodo lo vuole semplicemente tagliare, e tutti riprendono il suo odierno intervento che non lascerebbe spazio a mediazioni interne. Per il centrodestra vale quello che più volte l’Osservatorio ha segnalato: gli stracci che volano in Puglia vengono abbondantemente stesi su Rai e La7, e lasciati in lavatrice da Mediaset. Presente su tutti – come è giusto – la riacquistata libertà a 360 gradi per Silvio Berlusconi che “ha chiuso i suoi conti con lo Stato”, ma rimane incandidabile fino al 2019 per la legge Severino.
Il viadotto della Palermo-Catania franato a metà e che – dichiarazioni odierne del neo ministro Delrio – dovrà esser buttato giù completamente, introduce su tutti i riflessi delle polemiche sui lavori pubblici e sul soffitto crollato nella scuola di Ostuni.
Le immagini paradossali degli avvocati napoletani che “sfondano” l’unico accesso con metal detector al Tribunale partenopeo campeggiano su tutte le testate. Le assurde ma sintomatiche frasi sul web del poliziotto romano che 14 anni fa partecipò allo scempio della Diaz – e che lo ripeterebbe “mille volte” – risaltano su Rai e su La7, ma sembra non siano pervenute a Mediaset.
La tensione che cresce tra Turchia e Vaticano dopo le parole del Papa sul genocidio degli armeni del 1915, è “alta” sulle maggiori testate. Erdogan è apparso minaccioso nell’intimare a papa Francesco di non azzardarsi a ripetere le frasi sul “primo genocidio del ’900”. Tg5 propone una ricostruzione storica con interessanti documenti fotografici. La limitata solidarietà che Francesco sta ricevendo nello scontro in corso, per il Tg di Clemente Mimun si spiega con le consuete interessenze economiche che i maggiori paesi hanno in essere con Erdogan.
Da qualche giorno si parla meno di Grecia e del braccio di ferro Atene-Bruxelles, ma le divergenze sono tutt’altro che appianate e le emergenze avanzano. Questa sera se ne occupa il solo Mentana.

Dati auditel dei Tg di lunedì 13 aprile 2015

Tg1 – ore 13:30 3.627.000, 22,43% ore 20:00 5.841.000, 24,98%.
Tg2 – ore 13:00 2.522.000, 17,07% ore 20:30 2.143.000, 8,15%.
Tg3 – ore 14:30 1.606.000, 10,75% ore 19:00 1.558.000, 10,23%.
Tg5 – ore 13:00 3.294.000, 22,01% ore 20:00 4.605.000, 19,28%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.833.000, 15,68% ore 18:30 648.000, 5,47%.
Tg4 – ore 11:30 454.000, 7,42% ore 18:55 684.000, 4,71%.
Tg La7 – ore 13:30 540.000, 3,33% ore 20:00 1.312.000, 5,56%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica