Osservatorio TG

Tra Genova e DEF

genova

I Tg di martedì 7 aprile – La scelta è obbligata: aperture sul Def presentato da Renzi e Padoan ( senza slides!) o, in alternativa, sulla condanna della Corte di Strasburgo all’Italia per tortura nel caso della “macelleria messicana” alla caserma Diaz di Genova, 14 anni fa. Verdetto atteso, ma l’enfasi maggiore sul comportamento inqualificabile delle forze dell’ordine al G8 del 2001 è su Mediaset, con Tg5 che dedica addirittura la copertina, oltre ad ampi servizi. Il tutto non indenne da qualche contraddizione e molta confusione tra un servizio e l’altro, ma va notato che 2 o 3 lustri fa i Tg “di famiglia” avevano atteggiamenti e approcci diversi, visto che eravamo sotto il governo Berlusconi.

Passando al Def (apertura per Tg La7 E Tg1), su Tg4 “esplode” lo scetticismo: meno tasse? Ma va! Sugli altri molto rispetto istituzionale, ma anche doveroso spazio alle opposizioni e ai sindaci che contestano numeri e strategie. La critica più dura viene però da Fassina che (su Tg1) afferma che la politica economica del (suo?) governo è completamente sbagliata. Nella presentazione di Renzi mancano le slides, ma non le consuete battute.
La lotta all’ultimo sangue tra Fitto e cerchio magico è molto presente su Rai e La7, totalmente assente su Mediaset, ma questa non è una novità. Mentana nel titolo arriva a suggerire che Fitto “spinga” per farsi cacciare. L’arrivo domani alla Camera dell’Italicum ripropone il consueto balletto all’interno del Pd, ma questa è storia ormai vecchia; solo le battute finali sono ancora state scritte.

Complimenti a TgLa7, e spieghiamo subito perché. Tra sabato e oggi Il Fatto Quotidiano e La Repubblica hanno parlato di nomi vicino a Renzi che emergono, seppure in maniera “soft” dall’indagine napoletana sulla CPL Concordia. Nessun Tg, escluso quello di Mentana, se ne accorge o ha il coraggio di occuparsene. Tgla7, che certo non è “nemico giurato” del governo Renzi, lo mette nei titoli, seppure con la massima cautela.

Le psicosi sono contagiose. Visti i drammatici fatti del volo Germanwings, nessun Tg resiste alla tentazione di “pompare” la notizia del pilota Alitalia che ha sparato dei colpi contro un muro (senza colpire nessuno) durante un litigio familiare. Fatto grave, ma poco significativo per un Tg nazionale, se non fosse che proprio quel pilota ha comandato il volo di linea che portò un Mattarella appena eletto nella sua Palermo, con tanto di foto a cura dell’ufficio stampa Alitalia. Il pilota è stato sospeso, ma noi (che non dirigiamo nessun Tg) ce la saremmo cavata con una breve da studio.

Dati auditel dei Tg di lunedì 6 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.231.000, 22,99% ore 20:00 5.274.000, 23,92%.
Tg2 – ore 13:00 2.461.000, 17,71% ore 20:30 1.965.000, 8,17%.
Tg3 – ore 14:30 1.618.000, 12,64% ore 19:00 1.811.000, 10,44%.
Tg5 – ore 13:00 2.689.000, 19,30% ore 20:00 4.141.000, 18,51%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.795.000, 14,20% ore 18:30 1.007.000, 6,91%.
Tg4 – ore 11:30 593.000, 6,12% ore 18:55 926.000, 5,52%.
Tg La7 – ore 13:30 448.000, 3,19% ore 20:00 1.037.000, 4,65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa