Tra Genova e DEF

genova

I Tg di martedì 7 aprile – La scelta è obbligata: aperture sul Def presentato da Renzi e Padoan ( senza slides!) o, in alternativa, sulla condanna della Corte di Strasburgo all’Italia per tortura nel caso della “macelleria messicana” alla caserma Diaz di Genova, 14 anni fa. Verdetto atteso, ma l’enfasi maggiore sul comportamento inqualificabile delle forze dell’ordine al G8 del 2001 è su Mediaset, con Tg5 che dedica addirittura la copertina, oltre ad ampi servizi. Il tutto non indenne da qualche contraddizione e molta confusione tra un servizio e l’altro, ma va notato che 2 o 3 lustri fa i Tg “di famiglia” avevano atteggiamenti e approcci diversi, visto che eravamo sotto il governo Berlusconi.

Passando al Def (apertura per Tg La7 E Tg1), su Tg4 “esplode” lo scetticismo: meno tasse? Ma va! Sugli altri molto rispetto istituzionale, ma anche doveroso spazio alle opposizioni e ai sindaci che contestano numeri e strategie. La critica più dura viene però da Fassina che (su Tg1) afferma che la politica economica del (suo?) governo è completamente sbagliata. Nella presentazione di Renzi mancano le slides, ma non le consuete battute.
La lotta all’ultimo sangue tra Fitto e cerchio magico è molto presente su Rai e La7, totalmente assente su Mediaset, ma questa non è una novità. Mentana nel titolo arriva a suggerire che Fitto “spinga” per farsi cacciare. L’arrivo domani alla Camera dell’Italicum ripropone il consueto balletto all’interno del Pd, ma questa è storia ormai vecchia; solo le battute finali sono ancora state scritte.

Complimenti a TgLa7, e spieghiamo subito perché. Tra sabato e oggi Il Fatto Quotidiano e La Repubblica hanno parlato di nomi vicino a Renzi che emergono, seppure in maniera “soft” dall’indagine napoletana sulla CPL Concordia. Nessun Tg, escluso quello di Mentana, se ne accorge o ha il coraggio di occuparsene. Tgla7, che certo non è “nemico giurato” del governo Renzi, lo mette nei titoli, seppure con la massima cautela.

Le psicosi sono contagiose. Visti i drammatici fatti del volo Germanwings, nessun Tg resiste alla tentazione di “pompare” la notizia del pilota Alitalia che ha sparato dei colpi contro un muro (senza colpire nessuno) durante un litigio familiare. Fatto grave, ma poco significativo per un Tg nazionale, se non fosse che proprio quel pilota ha comandato il volo di linea che portò un Mattarella appena eletto nella sua Palermo, con tanto di foto a cura dell’ufficio stampa Alitalia. Il pilota è stato sospeso, ma noi (che non dirigiamo nessun Tg) ce la saremmo cavata con una breve da studio.

Dati auditel dei Tg di lunedì 6 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.231.000, 22,99% ore 20:00 5.274.000, 23,92%.
Tg2 – ore 13:00 2.461.000, 17,71% ore 20:30 1.965.000, 8,17%.
Tg3 – ore 14:30 1.618.000, 12,64% ore 19:00 1.811.000, 10,44%.
Tg5 – ore 13:00 2.689.000, 19,30% ore 20:00 4.141.000, 18,51%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.795.000, 14,20% ore 18:30 1.007.000, 6,91%.
Tg4 – ore 11:30 593.000, 6,12% ore 18:55 926.000, 5,52%.
Tg La7 – ore 13:30 448.000, 3,19% ore 20:00 1.037.000, 4,65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili