Tra Genova e DEF

genova

I Tg di martedì 7 aprile – La scelta è obbligata: aperture sul Def presentato da Renzi e Padoan ( senza slides!) o, in alternativa, sulla condanna della Corte di Strasburgo all’Italia per tortura nel caso della “macelleria messicana” alla caserma Diaz di Genova, 14 anni fa. Verdetto atteso, ma l’enfasi maggiore sul comportamento inqualificabile delle forze dell’ordine al G8 del 2001 è su Mediaset, con Tg5 che dedica addirittura la copertina, oltre ad ampi servizi. Il tutto non indenne da qualche contraddizione e molta confusione tra un servizio e l’altro, ma va notato che 2 o 3 lustri fa i Tg “di famiglia” avevano atteggiamenti e approcci diversi, visto che eravamo sotto il governo Berlusconi.

Passando al Def (apertura per Tg La7 E Tg1), su Tg4 “esplode” lo scetticismo: meno tasse? Ma va! Sugli altri molto rispetto istituzionale, ma anche doveroso spazio alle opposizioni e ai sindaci che contestano numeri e strategie. La critica più dura viene però da Fassina che (su Tg1) afferma che la politica economica del (suo?) governo è completamente sbagliata. Nella presentazione di Renzi mancano le slides, ma non le consuete battute.
La lotta all’ultimo sangue tra Fitto e cerchio magico è molto presente su Rai e La7, totalmente assente su Mediaset, ma questa non è una novità. Mentana nel titolo arriva a suggerire che Fitto “spinga” per farsi cacciare. L’arrivo domani alla Camera dell’Italicum ripropone il consueto balletto all’interno del Pd, ma questa è storia ormai vecchia; solo le battute finali sono ancora state scritte.

Complimenti a TgLa7, e spieghiamo subito perché. Tra sabato e oggi Il Fatto Quotidiano e La Repubblica hanno parlato di nomi vicino a Renzi che emergono, seppure in maniera “soft” dall’indagine napoletana sulla CPL Concordia. Nessun Tg, escluso quello di Mentana, se ne accorge o ha il coraggio di occuparsene. Tgla7, che certo non è “nemico giurato” del governo Renzi, lo mette nei titoli, seppure con la massima cautela.

Le psicosi sono contagiose. Visti i drammatici fatti del volo Germanwings, nessun Tg resiste alla tentazione di “pompare” la notizia del pilota Alitalia che ha sparato dei colpi contro un muro (senza colpire nessuno) durante un litigio familiare. Fatto grave, ma poco significativo per un Tg nazionale, se non fosse che proprio quel pilota ha comandato il volo di linea che portò un Mattarella appena eletto nella sua Palermo, con tanto di foto a cura dell’ufficio stampa Alitalia. Il pilota è stato sospeso, ma noi (che non dirigiamo nessun Tg) ce la saremmo cavata con una breve da studio.

Dati auditel dei Tg di lunedì 6 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.231.000, 22,99% ore 20:00 5.274.000, 23,92%.
Tg2 – ore 13:00 2.461.000, 17,71% ore 20:30 1.965.000, 8,17%.
Tg3 – ore 14:30 1.618.000, 12,64% ore 19:00 1.811.000, 10,44%.
Tg5 – ore 13:00 2.689.000, 19,30% ore 20:00 4.141.000, 18,51%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.795.000, 14,20% ore 18:30 1.007.000, 6,91%.
Tg4 – ore 11:30 593.000, 6,12% ore 18:55 926.000, 5,52%.
Tg La7 – ore 13:30 448.000, 3,19% ore 20:00 1.037.000, 4,65%.
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali