L'opinione

Tra Roma e Bruxelles

86

I Tg di mercoledì 14 ottobre – Il lungo intervento in Parlamento del Presidente Renzi, alla vigilia del Consiglio d’Europa di domani e dopodomani sui temi dell’immigrazione, è nei titoli per le maggiori testate ma non guadagna nessuna apertura. La rivendicazione del successo italiano nell’ottenere dall’Europa un cambiamento nelle politiche sull’immigrazione e la visione dell’intricato scenario mediorientale, su Studio Aperto e Tg4 non ottengone neanche menzione, mentre TgLa7 titola sull’attaco quasi diretto alle politiche francesi che nel recente passato condussero ai bombardamenti in Libia. Bombardare, dice Renzi, non serve. Serve invece una strategia complessiva che veda l’Europa coprotagonista.

Grande attenzione ricevono dai Tg delle 20 le ipotesi di flessibilità sulle pensioni presenti nella Legge di Stabilità che sarà varata domani (apertura per Tg1 e Tg La7). Tra le molte misure ventilate e/o proposte – abolizione di Imu e Tasi, investimenti per il sud e canone Rai in bolletta – Tg La7 e Tg2 tornano a mettere a fuoco le polemiche sull’aumento del tetto sul contante – da 1.000 a 3.000 euro – che fa storcere il naso alla minoranza Pd e ai sindacati.

La spaccatura interna all’Ncd con le dimissioni di Quagliariello e la ventilata formazione di un nuovo gruppo al Senato è tra i primi titoli di tutte le testate e ripresa dai Tg di Cologno monzese. Studio Aperto titola su Renzi “che perde un altro pezzo”. Di questi tempi – vedo il caso dei verdiniani – l’affermazione appare fuori luogo. Sempre in tema di divisioni in Parlamento, Mentana segue la diretta della votazione del Ddl Boccadutri, misura che sbloccherà gli arretrati 2013-14 sul finanziamento pubblico ai partiti, oggetto delle accese proteste di M5S per la sua velocissima calendarizzazione.

Avevamo notato ieri come le testate Mediaset una volta tanto non hanno messo la testa sotto la sabbia davanti agli scandali in Regione Lombardia; anche stasera lo riportano, affiancati però alla vicenda romana di appalti pilotati. Tg5 vi dedicata l’apertura, con il primo servizio è incentrato sull’ennesimo caso di corruzione capitolina, tentando di fare di ogni erba un fascio: ma probabilmente, proprio questo era l’obbiettivo. Idem Studio Aperto e Tg4, che rilanciano le dichiarazioni difensive di Maroni e Salvini. I Tg Rai presentano separamente le vicende, e visto che nel caso milanese risulta implicato il Vice Presidente regionale Mantovani, mentre in quello romano “solo” un funzionario del comune, la scelta risulta più corretta.

Il “mea culpa” di Papa Francesco durante l’udienza generale con le scuse per “gli scandali che ci sono recentemente stati sia a Roma che in Vaticano” è apertura per Tg2, Tg3 e Tg4, con i servizi dei Tg Rai che cercano di passare in rassegna le colpe cui il Pontefice allude, pur senza esplicitarle. Tutte le testate riportano le dichiarazioni di Padre Lombardi che esclude riferimenti ai recenti eventi della politica e della cronaca della Capitale. Sempre a proposito di Roma, l’impegno preso dal sindaco dimissionario Marino della pedonalizzazione integrale dell’area dei Fori Imperiali viene presentato dai Tg di serata come “la sfida finale”. TgLa7 vi dedica un titolo, parlando di “ultimo atto”.

Il maltempo che si è abbattuto sull’Italia centrale provocando 3 morti e l’esondazione del fiume Aniene è a mezza edizione per tutte le testate.

I disordini in Israele per l’ “intifada dei coltelli” questa sera scendono nelle impaginazioni, anche se attentati, morti e feriti si ripropongono drammaticamente nelle ultime ore. Sempre per gli esteri segnaliamo un ottimo approfondimento del Tg2 sulla situazione dell’Ucraina dell’Est che propone 3 lunghi servuizi presentando uno spaccato del paese diviso tra chi guarda a Mosca e chi a Bruxelles.
Sempre più spesso i Tg (quelli Mediaset, ma anche Tg1 e TgLa7) presentano promo di rete, camuffati da titoli che poco hanno a che fare con le notizie e molto, invece, con la disciplina di squadra. Stasera Tg4 e Tg5 promuovono un docufilm realizzato da Gigi D’Alessio sulla terra dei fuochi, in onda in seconda serata su Rete4. Per una volta, almeno, l’argomento non risulta banale.

Dati auditel dei Tg di martedì 13 ottobre 2015

Schermata 2015-10-15 a 00.10.15

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli