Tra Roma e Bruxelles

I Tg di mercoledì 14 ottobre – Il lungo intervento in Parlamento del Presidente Renzi, alla vigilia del Consiglio d’Europa di domani e dopodomani sui temi dell’immigrazione, è nei titoli per le maggiori testate ma non guadagna nessuna apertura. La rivendicazione del successo italiano nell’ottenere dall’Europa un cambiamento nelle politiche sull’immigrazione e la visione dell’intricato scenario mediorientale, su Studio Aperto e Tg4 non ottengone neanche menzione, mentre TgLa7 titola sull’attaco quasi diretto alle politiche francesi che nel recente passato condussero ai bombardamenti in Libia. Bombardare, dice Renzi, non serve. Serve invece una strategia complessiva che veda l’Europa coprotagonista.

Grande attenzione ricevono dai Tg delle 20 le ipotesi di flessibilità sulle pensioni presenti nella Legge di Stabilità che sarà varata domani (apertura per Tg1 e Tg La7). Tra le molte misure ventilate e/o proposte – abolizione di Imu e Tasi, investimenti per il sud e canone Rai in bolletta – Tg La7 e Tg2 tornano a mettere a fuoco le polemiche sull’aumento del tetto sul contante – da 1.000 a 3.000 euro – che fa storcere il naso alla minoranza Pd e ai sindacati.

La spaccatura interna all’Ncd con le dimissioni di Quagliariello e la ventilata formazione di un nuovo gruppo al Senato è tra i primi titoli di tutte le testate e ripresa dai Tg di Cologno monzese. Studio Aperto titola su Renzi “che perde un altro pezzo”. Di questi tempi – vedo il caso dei verdiniani – l’affermazione appare fuori luogo. Sempre in tema di divisioni in Parlamento, Mentana segue la diretta della votazione del Ddl Boccadutri, misura che sbloccherà gli arretrati 2013-14 sul finanziamento pubblico ai partiti, oggetto delle accese proteste di M5S per la sua velocissima calendarizzazione.

Avevamo notato ieri come le testate Mediaset una volta tanto non hanno messo la testa sotto la sabbia davanti agli scandali in Regione Lombardia; anche stasera lo riportano, affiancati però alla vicenda romana di appalti pilotati. Tg5 vi dedicata l’apertura, con il primo servizio è incentrato sull’ennesimo caso di corruzione capitolina, tentando di fare di ogni erba un fascio: ma probabilmente, proprio questo era l’obbiettivo. Idem Studio Aperto e Tg4, che rilanciano le dichiarazioni difensive di Maroni e Salvini. I Tg Rai presentano separamente le vicende, e visto che nel caso milanese risulta implicato il Vice Presidente regionale Mantovani, mentre in quello romano “solo” un funzionario del comune, la scelta risulta più corretta.

Il “mea culpa” di Papa Francesco durante l’udienza generale con le scuse per “gli scandali che ci sono recentemente stati sia a Roma che in Vaticano” è apertura per Tg2, Tg3 e Tg4, con i servizi dei Tg Rai che cercano di passare in rassegna le colpe cui il Pontefice allude, pur senza esplicitarle. Tutte le testate riportano le dichiarazioni di Padre Lombardi che esclude riferimenti ai recenti eventi della politica e della cronaca della Capitale. Sempre a proposito di Roma, l’impegno preso dal sindaco dimissionario Marino della pedonalizzazione integrale dell’area dei Fori Imperiali viene presentato dai Tg di serata come “la sfida finale”. TgLa7 vi dedica un titolo, parlando di “ultimo atto”.

Il maltempo che si è abbattuto sull’Italia centrale provocando 3 morti e l’esondazione del fiume Aniene è a mezza edizione per tutte le testate.

I disordini in Israele per l’ “intifada dei coltelli” questa sera scendono nelle impaginazioni, anche se attentati, morti e feriti si ripropongono drammaticamente nelle ultime ore. Sempre per gli esteri segnaliamo un ottimo approfondimento del Tg2 sulla situazione dell’Ucraina dell’Est che propone 3 lunghi servuizi presentando uno spaccato del paese diviso tra chi guarda a Mosca e chi a Bruxelles.
Sempre più spesso i Tg (quelli Mediaset, ma anche Tg1 e TgLa7) presentano promo di rete, camuffati da titoli che poco hanno a che fare con le notizie e molto, invece, con la disciplina di squadra. Stasera Tg4 e Tg5 promuovono un docufilm realizzato da Gigi D’Alessio sulla terra dei fuochi, in onda in seconda serata su Rete4. Per una volta, almeno, l’argomento non risulta banale.

Dati auditel dei Tg di martedì 13 ottobre 2015

Schermata 2015-10-15 a 00.10.15

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili