L'opinione

Westmister – Paura e confusione

88

I Tg di giovedì 23 marzo – Il day after dell’attacco a Westminster ovviamente domina le aperture e la prima parte di tutte le edizioni di serata. Fin qui tutto bene, e va segnalato che le cronache e le ricostruzioni si assomigliano in quanto a “sostanza”. Diverso discorso per la forma che le diverse linee editoriali “confezionano”: allarme, certo, per tutte, ma su Mediaset a dominare è la dimensione adrenalica che, come sempre capita, non aiuta a ragionare. La risposta di Londra con la manifestazione unitaria a Trafalgar Square “vince” su Tg2 (apertura), mentre su Tg4 si grida al “terrore criminale” e Tg5 segnala che “è giusto avere paura”. Come contraddirlo? L’effetto pavloviano di chiusura ai profughi, frutto di un’evidente confusione, impedisce di valorizzare il dato che l’attentatore di Londra è nato nel Kent 52 anni fa. Tutti i Tg riportano il probabile attentato abortito ad Anversa e, tornando in Italia, le misure di sicurezza per la giornata “europea” di sabato nella Capitale. Anche qui non poca è diffusa confusione: cosa c’entra il rischio terrorismo con quello rappresentato dai blackblok?

Per la politica, a dominare è ancora lo scontro tra Pd e Cinque Stelle che nelle ultime ore ha visto l’intervento diretto di Renzi e il nuovo post di Grillo. L’unica notazione, per altro scontata, è che le invettive che Grillo lancia contro tutto e tutti (compreso Bersani) salgono sempre di tono. Accettabile in uno spettacolo, assai meno in un capo politico.

L’inchiesta sull’ortopedico dell’ospedale milanese accusato di aver utilizzato alcuni pazienti come cavie e di aver privilegiato “a pagamento” alcune grandi aziende produttrici di protesi, propone intercettazioni che fanno inorridire Mentana (nei titoli per TgLa7 e Tg5). Se non fosse che sono state indagate e interdette diverse altre persone, si potrebbe pensare ad una sceneggiatura dell’orrore. Certe volte la realtà supera la fiction.

A poche ore di distanza se ne sono andati Mago Zurlì e Er Monnezza. Doverosi servizi per tutti e titoli per Tg1, Tg2, Tg5 e TgLa7. Quest’ultimo ci regala il ricordo più sentito per 2 figure ampiamente popolari su 2 spaccati diversi che, però, hanno avuto entrambi cittadinanza in tanti tra quelli che oggi hanno più di 30 anni.

Alberto Baldazzi

Altre opinioni dell'Autore
Finanza

Sicurezza, la mafia nella finanza on line. Nel mirino i servizi per la PA

Tra il 2015 e il 2018, sarebbero stati confiscati alle mafie beni per un valore complessivo di circa 10 miliardi di euro, secondo la Guardia di Finanza che denuncia il crescente monopolio delle mafie nella gestione della finanza online.
di Marco Omizzolo
Eurispes sul territorio

Luigi Russo, in direzione ostinata e contraria

Scompare Luigi Russo, sociologo, giornalista conosciutissimo nel mondo del volontariato, da sempre attivista e sostenitore di grandi cause ambientaliste. Fara: «L’Eurispes perde un collaboratore di grande intelligenza e autorevolezza. Dedicheremo a Luigi la prossima edizione del Rapporto Italia».
di redazione
Economia

Europa e Asia, infrastrutture e grandi opere. La proposta degli “smart corridors”

Nel panorama internazionale, la costruzione dei grandi corridoi infrastrutturali è intesa come un elemento strategico di grande valore geo-economico e geo-politico per lo sviluppo dei sistemi economici e il consolidamento dei rapporti tra gli stati. Ma quale sarà l'impatto dei nuovi corridoi sui territori attraversati?
di Paolo Motta
Featured

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cyber Security dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Intervista

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara