Anche le bombe hanno una “madre”?

I Tg di giovedì 13 aprile – Aperture molto differenziate per i Tg di serata: Budrio per Studio Aperto, la Pasqua su T4, l’intervista ad Assad sul Tg3, Trump che lancia “la madre di tutte le bombe” sul Tg5, il caso Consip per Tg La7 e gli ultimi 3 femminicidi “di giornata” su Tg2. Tra tutte spicca per noi quella del Tg1, che dopo lunghe settimane di silenzio torna a parlare in prima pagina dei naufragi davanti alle coste libiche, segnalando gli odierni 100 dispersi (servizi per gli altri Rai ed i Tg delle 20).

L’attenzione resta alta per tutti sulla Siria, con da un lato Assad che parla sui media francesi di “invenzione” in relazione alle armi chimiche, e di “complotto” dell’occidente, mentre Trump “fa la voce grossa” bombardando con la Moab (mother of all bombs) le basi dell’Isis in Afghanistan usando il più potente ordigno non atomico mai costruito. Voci di un altro bombardamento americano, in Siria e per errore contro forze alleate, figurano in alcuni servizi ma c’è poca chiarezza.

Sempre per gli esteri, le indagini per l’attentato contro l’autobus che portava la squadra di Dortmund, ridimensionano l’ipotesi di terrorismo, come segnala chiaramente Tg2. Menzione su Tg3 e Tg La7 alle violente repressioni condotte dal regime di Maduro in Venezuela, che avrebbero già fatto numerose vittime. Mentana torna sulla denuncia di ieri di campi di concentramento per omosessuali in Cecenia.

Per la politica, a tener banco è il rinvio a giudizio dei 14 indagati, tra cui tre parlamenti M5S, per la vicenda delle firme false del Movimento presentate alle elezioni comunali di Palermo 2012 (titoli per Tg4, Tg3, Tg1 e Tg La7). Minor spazio, e solo sui Tg Rai, alle primarie nel Pd con la probabile impossibilità di Emiliano a partecipare in Liguria e Lombardia, sempre per una questione di firme (mancanti).

L’ampliarsi delle indagini sul caso Consip, estese adesso a tutti i 18 lotti del maxi appalto, è presente su tutti ma viene seguito con maggiore interesse da Tg La7.

Per l’economia, Tg4 continua a spulciare il Def mentre Tg3 e Tg La7 dedicano ampi servizi alla fusione tra Anas e Ferrovie dello Stato.

La cronaca apre stasera (titolo per tutti) sul doppio femminicidio compiuto a Chieti. Buono l’approfondimento del Tg2 che ne contabilizza un terzo sul numeratore in alto a destra (siamo arrivati a 25 dall’inizio dell’anno) e consulta una psicologa su cosa porta le donne ad ignorare i cosiddetti “segnali d’allarme”. Per il resto, prosegue su Tg4 e Studio Aperto l’epopea del fuggiasco di Budrio, che oggi si arricchisce del vero nome di Igor: Norbert Feher (presente a fine edizione per le altre testate).

Spazi ridotti, ma comunque generale interesse, al nuovo caso di suicidio assistito di un italiano, che coadiuvato dall’associazione Luca Coscioni, ha questa mattina messo fine alla sua esistenza in Svizzera. La tematica del fine vita, riaccesa dopo la morte di Dj Fabo, ha dopo 2 mesi patito di un clamoroso calo di attenzione che viene lamentato da Mentana.

In chiusura, per tutti spazio alla fine di un’era: quella dei 31 anni del Milan di Berlusconi, ceduto al cinese Li Yonghong per 740 milioni. Alle celebrazioni per questo passaggio vanno la copertina del Tg5 ma anche tanti servizi , a cominciare dai 3 del Tg4 che celebra così sia i successi trentennali della squadra che il suo “eterno” Presidente.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili