Attentato quotidiano

I Tg di martedì 6 giugno – In apertura su tutte le testate l’ulteriore attentato terroristico di metà pomeriggio davanti a Notre Dame. Per fortuna nessun “danno grave”, ma è sintomatico che un ulteriore lupo solitario sia riuscito a calamitare l’attenzione di mezzo mondo. Nei servizi di tutti il ricorso massiccio ai filmati postati dai semplici cittadini e dai tanti turisti, dentro e fuori della Cattedrale parigina. Tra questi spicca quello dei fedeli seduti nei banchi della chiesa con le mani alzate, prima dell’ok delle forze dell’ordine che ne hanno autorizzato l’uscita.

Grande attenzione alla rivelazione della presenza in un altro attentato, quello di sabato a Londra, di un italo-marocchino tra i 3 terroristi di London Bridge (uccisi dalla polizia) che hanno fatto diverse vittime. Il 22enne radicalizzato viveva in Marocco, ma sua madre era tornata a vivere nella natia provincia di Bologna. Nei titoli su tutte le testate, che in molti casi intervistano ignari concittadini della madre del terrorista. Anche in questo caso sembra che i servizi italiani avessero attenzionato anche quelli britannici sulla potenziale pericolosità del giovane.

In una serata in cui i temi del terrorismo, del medio oriente e del fenomeno migratorio, occupano buona parte delle scalette, c’è da segnalare l’attenzione di TgLa7 all’evoluzione della campagna curdo-araba per la liberazione di Raqqa dall’Isis. L’arresto a Palermo di numerosi “scafisti di lusso”, ovvero di delinquenti che avevano organizzato una prima classe per i trasferimenti di merci da contrabbando e profughi (e forse di terroristi) dalla sponda sud del Mediterraneo alla Sicilia, è nei titoli di Studio Aperto, Tg3, Tg4 e Tg5. Se ne occupa anche Tg2, che riflette su viaggi ben diversi da quelli della speranza.

Trump che “si prende il merito” della crisi del Qatar, avendo contribuito alla rottura del fronte sunnita , compare su Tg5.

Passando alle notizie dall’interno, Tg1, Tg3 e Tg5 ritornano sull’ipotese di differimento della pena o degli arresti domicialiri per il “malato” Riina, dando la parola a diversi magistrati che si dicono assolutamente contrari, ribadendone la pericolosità. Tg1 ripropone lo sdegno parenti delle tante vittime della mafia. Tg2 riporta anche le posizioni più garantiste. Tg5 propone l’intervento del direttore del Dubbio Sansonetti secondo il quale la sentenza della Cassazione è un “colpo al populismo giudiziario”.

L’accettazione delle eventuali responsabilità del Comune da parte della Sindaca di Torino Appendino, dopo il sabato folle che ha provocato 1.500 feriti, appare (a noi) più che dignitosa. Nei titoli per La7.

La legge elettorale, che procede con relativa tranquillità in una Camera praticamente vuota, è “disturbata” dalle dure dichiarazioni di Napolitano che, per Tg5, “boccia il patto”. Grillo in giornata fa alcune dichiarazioni che fanno pensare ad un volta faccia, ma “mi dicono che non è vero” (Tg3).

L’Alitalia che, – sembrerebbe – fa gola a ben 32 soggetti che hanno ufficialmente manifestato un qualche interesse, compare in un servizio del Tg3.

Nella parte bassa delle scalette diversi titoli e servizi sulla consegna delle prime casette per i terremotati di Arquata, in un clima di diffusa insoddisfazione e confusione.

 

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse