Osservatorio TG

Bruxelles – il “passo formale”

I Tg di mercoledì 28 giugno – Il monito dell’Italia a Bruxelles è la notizia del giorno e raccoglie le aperture di quasi tutte le testate. Le dure parole di Mattarella appoggiano di fatto la decisione del governo di avviare un “passo formale” (Ministro Pinotti su Tg3) su Bruxelles che ipotizza la chiusura dei porti italiani alle navi battenti altre bandiere (comprese quelle delle ong) che come le nostre sono impegnate nella doverosa opera di salvataggio dei profughi, ma che poi obbiettivamente “scaricano” i problemi dell’accoglienza solo sulla Penisola. La7 parla di “ aut aut”, ma è difficile considerare “minaccioso” un passo come questo, quando effettuato da un paese da anni lasciato solo ad affrontare i flussi della rotta mediterranea. Intanto nelle ultime 48 ore sono sbarcati in Sicilia, Sardegna, Campania e Calabria circa 12 mila disperati. Bruxelles riconosce le ragioni italiane, ma chiede tempo e rimanda all’imminente vertice Ue di Tallin.

L’immigrazione è oramai il primo e più costante tema di politica interna, ma non il solo all’ordine del giorno. La legge elettorale “sospesa”, se ne riparlerà a settembre – sarà (TgLa7). “il tormentone dell’estate”. Ma anche i temi dell’economia premono, e Tg3 registra in apertura le dure parole di Papa Francesco contro le pensioni d’oro e sulla stridente contraddizione di tanti lavoratori anche anziani ancora attivi, contro schiere di ragazzi obbligati a rimanere con le mani in mano.

I dati dell’Ufficio Studi di Confindustria che parlano di un pil 2017 a +1,3% (solo previsioni, per il momento) che renderebbe l’Italia meno distate dalla media Ue, trovano spazio nei titoli solo su Tg3 e TgLa7. Vale la pena di ricordare i fiumi di parole e di titoli nei mesi scorsi sugli 0,1-0,2 delle previsioni del governo che scatenavano polemiche a non finire.

Per la cronaca, la bimba morta per complicazioni da morbillo al Bambino Gesù di Roma e il bambino che – anche lui non vaccinato – ha preso il tetano in Sardegna – primo caso dopo ben 50 anni – rinfocolano le polemiche sui novax e trovano spazio nei titoli per tutti, con l’eccezione di Tg1 e TgLa7 ( apertura per Studio Aperto).

Per gli esteri risale l’attenzione al Venezuela, per un improbabile tentativo di colpo di stato denunciato da Maduro, con tanto di granate (inesplose) lanciate da un elicottero contro il palazzo della Corte Suprema. Intanto sale il numero delle vittime negli scontri di piazza. Nei titoli per i Tg delle 20.

“Molta televisione” nei Tg di serata, con Mediaset che riporta i successi e le prospettive 2017 delle proprie reti, e la Rai che presenta i palinsesti della prossima stagione con l’ex direttore del Tg1 Orfeo, da poco nominato Ad di Viale Mazzini.

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia