“L’emergenza dell’ emergenza ”

I Tg di venerdì 30 giugno – “L’emergenza dell’emergenza”, ovvero i dati del fenomeno migratorio e degli sbarchi di profughi, rimane altissima su tutte le testate, raccogliendo le aperture dei Tg delle 20.Tra la cronaca degli arrivi e collegamenti da molti centri ormai al collasso, l’attenzione nei servizi si rivolge al prossimo vertice di Tallin, con Tg4 convinto che “l’Europa ci prende in giro”, ossia che il prossimo vertice non porterà a nulla di concreto, mentre le testate Rai sono più inclini a ritenere che gli aiuti già promessi al nostro Paese da Bruxelles arriveranno. Sempre in tema migrazioni, i Tg Mediaset rilanciano un intervista a Berlusconi del Corriere, con il leader di Forza Italia che rivendica i successi del “suo” centrodestra nel contrastare il fenomeno ( quando, però – aggiungiamo noi – non c’erano state le primavere arabe e non era scoppiata la guerra in Siria). In un quadro che oramai mette insieme capre e cavoli, ovvero i flussi migratori, i profughi dei barconi, gli extracomunitari che vivono e lavorano in Italia da anni, si inserisce il brutto episodio di razzismo, che ha visto a Roma un 52enne di origini bengalesi (e nazionalità italiana) venire picchiato da 4 ragazzi italiani perché aveva legittimamente ottenuto una casa popolare per sé ed il figlio disabile.

Completando con oggi il ciclo delle nostre analisi per la stagione 2016/2017, l’Osservatorio non può che rimarcare che la costante di un intero anno di informazione mainstream è stata rappresentata proprio dai temi dei profughi e dell’immigrazione. Centrali non solo nel dibattito politico ma, come si è visto nei recenti ballottaggi, anche per orientare il voto degli italiani.

La politica si colloca a metà edizione, con il Pd che affronta le proprie spaccature interne, mentre il centrodestra è ancora impelagato sul tema della leadership. Segnaliamo l’intervista, in chiave però “governativa”, del Tg1 al presidente Gentiloni che parla della ripresa economica che sta ingranando una marcia accettabile, come dimostrato dagli odierni dati sul potere d’acquisto delle famiglie che torna a crescere (a metà edizione per quasi tutti).

La complessa e drammatica vicenda del piccolo Charlie, che ha visto anche la Corte Suprema Europea riconoscere ai medici la facoltà di spegnere le macchine che lo tengono in vita, resta altissima nelle scalette (primo titolo per Studio Aperto e Tg2), con Tg4 e Tg1 che rendono evidente, l’uno con un mini editoriale, l’altro con il commento di una scrittrice, la loro condivisione della posizione dei genitori che vorrebbero quantomeno che il figlio morisse a casa.

Per la cronaca su tutte le testate en plein per l’avvio del processo d’appello del caso Gambirasio, per le richieste di condanna per la morte della bambina di Caivano, e per l’evasione del 57enne ergastolano Giuseppe Mastini, più noto alla cronaca come “Johnny lo zingaro”. Tg4 stasera ci storcere il naso presentando prima un servizio sul comportamento “da star” dell’imputato Bossetti, cui però fa seguire una riflessione sul “far parlare di sé” proprio delle personalità famose o sportive, quasi che l’informazione dei Tg non avesse un ruolo e, addirittura, una complicità in questo fenomeno, così come nell’epopea dei tanti “casi criminali”.

Da segnalare stasera Tg2 che, presentando un’impaginazione sperimentale, propone al suo pubblico un “viaggio per l’Italia” dedicando due terzi dell’edizione ad un’esplorazione del Nord Ovest del Paese, riflettendo sui cambiamenti che hanno interessato alcune comunità del torinese.

Con oggi L’Osservatorio Tg va in vacanza. Ringraziamo quanti ci hanno seguito nell’ottava stagione delle nostre quotidiane fatiche. Appuntamento, come sempre, alla ripresa settembrina.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento