Osservatorio TG

Capaci, 23 maggio1992

I Tg di lunedì 22 maggio – Se il giudizio di Bruxelles sui conti italiani occupa le aperture di 5 Tg su 7, stasera tutte le testate ritornano sulla strage di Capaci alla vigilia del 25° anniversario della strage (secondo titolo per quasi tutti). Alla memoria del Giudice Falcone, ma anche di Paolo Borsellino, e a quegli anni roventi nella lotta contro la mafia, Tg2 dedica un’edizione monotematica. Tra i molti servizi, spiccano le dichiarazioni di Mattarella all’assemblea del CSM, che dai Tg Rai vengono presentati come il tentativo, da parte della Magistratura, di ricucire lo storico strappo che nell’89, con la bocciatura della candidatura di Falcone a capo dell’ufficio istruzione di Palermo, aveva posto il Procuratore antimafia in una condizione di difficoltà e lo aveva ulteriormente sottoposto alla vendetta della mafia. Una decisione che, a giudizio della Maria Falcone (le cui parole campeggiano trasversalmente nei servizi) fu quella per cui “Giovanni cominciò a morire”.

Passando al giudizio della Commissione Europea sui conti del Paese, che vede l’Italia promossa “con riserva”, l’attenzione nei servizi si concentra appunto sulle indicazioni date per far quadrare i conti nel 2018. L’ipotesi di una reintroduzione dell’Imu sulla prime casa per i redditi più alti, nonostante sia stata decisamente rifiutata dal Ministro Padoan, fa lanciare un vero e proprio grido d’ allarme a Tg4 che dedica un lungo servizio d’apertura alle “troppe imposte” pagate dagli italiani. Anche Mentana parla di un giudizio positivo ma dalla “coda velenosa” sul 2018. Le nuove previsioni di crescita dell’Istat sul Pil, commentate anche da Gentiloni (titolo su Tg1), che portano un lieve miglioramento (dall’1% all’1,1%) ci mantengono tuttavia fortemente sotto la media europea, e fanno dire a TgLa7 che “ritorna” la maledizione dello 0,1-02%.

Per la politica, solamente Tg La7 riporta fin dai titoli un possibile “vento d’intesa” tra Pd e FI sul modello della legge elettorale tedesca. Assai più spazio va, sui Tg delle 20 e in generale per la Rai, alla “immancabile crisi” (Tg La7) dovuta alla bocciatura del piano news per la Rai proposto dall’AD Campo Dall’Orto, ma votato favorevolmente solo da 1 degli 8 consiglieri.

Il viaggio di Trump in Medioriente, con la prima visita di un presidente USA al Muro del Pianto di Gerusalemme, produce diversi titoli e servizi. A fronte di molte dichiarazioni, alcune decisamente forti, sia in favore di Israele che in opposizione all’Iran, ci saremmo aspettati l’opinione di qualche analista, ma stasera tutte le testate ci hanno lasciato “a bocca asciutta”. Considerando la personalità mercuriale di Trump, forse non c’è neanche tanta voglia da parte di commentatori d’arrischiarsi in previsioni e giudizi. Sempre per gli esteri Tg3 dedica un titolo alla crisi in Venezuela, con il numero dei morti che in quasi due mesi ha superato quota 50.

La pagina della cronaca si apre sulla morte di Nicky Hayden, investito 5 giorni fa mentre andava in bici. Studio Aperto dedica al commiato del campione di superbike la prima metà dell’edizione.

Segnaliamo stasera un’attenzione diffusa sul fenomeno migratorio da parte di Tg3 e Tg4, che vi dedicano entrambi un titolo. Come di consueto, il Tg di Mario Giordano se la cava dando “un colpo al cerchio ed uno alla botte”, giustapponendo al servizio che denuncia l’intossicazione di 39 migranti ospiti in un centro di Reggio Emilia a causa (probabilmente) di cibo avariato, la testimonianza di una poliziotta aggredita assieme ad alcuni collegi da 4 richiedenti asilo. Attenzione diversa per Tg3, che intervista un’operatrice umanitaria imbarcata su una delle navi delle ong che pattugliano il Mediterraneo per salvare i profughi. Tg5 torna sui dati degli sbarchi, entrando nel merito delle misure di contrasto al traffico degli esseri umani decise dal ministro Minniti.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia