Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Manchester – The silence of lambs

I Tg di martedì 23 maggio – Il titolo originale del film che in Italia è conosciuto come Il silenzio degli innocenti, ben si addice, come peraltro la sua versione nostrana, a introdurre una serata dell’informazione che senza alcuna retorica, lascia attoniti. Agnelli sacrificali, quelli tra le 22 vittime e i tanti feriti di Manchester, immolati sull’altare della follia del terrorismo islamista ”interpretato” da un altro giovane 22enne, figlio di esuli libici, nato a Manchester e tifoso sfegatato della gloriosa squadra di calcio della sua città. Vittime innocenti, bambine e adolescenti, colpevoli di aver (in più di ventimila) assistito al concerto pop di un’altra ragazzina, la ventitreenne Arianna Grande (di origine italiana), che nella sua breve carriera è divenuta l’icona dei teenagers e dei bambini, come quella di 8 anni che al momento è tra le poche vittime identificate (la più “anziana” è un ventiseienne). Anche Arianna avrebbe deciso di scegliere il silenzio, e di annullare le date della sua tourné europea.

Il dramma che ha annichilito Manchester e toccato il mondo intero si è svolta davanti centinaia , migliaia di genitori che aspettavano i loro cuccioli all’uscita della Manchester Arena, laddove il kamikaze si è fatto esplodere. Difficile credere, al di là dell’immediata rivendicazione dell’Isis, che ci sia un piano specifico di cui il killer suicida sia stato consapevole strumento. Parlare, come fanno alcuni commentatori, di un cambio, un’evoluzione della strategia terroristica del Califfato che identifica come target bambini ed adolescenti, oltre che una costatazione nel caso specifico, appare a chi scrive un ragionamento campato in aria.

L’informazione di serata si risolve nella cronaca e nei pochi, drammatici, aggiornamenti dall’Inghilterra e nella rassegna delle reazioni italiani e internazionali. Ci ha colpito la coatio a ripetere di alcune testate che, nei titoli più ancora che nel corpo dei servizi, non possono fare a meno di cavalcare la reazione d’odio: “E ora ci ammazzano anche i bambini!” Studio Aperto, oppure Magdi Allam che su Tg4 mette sul tavolo il suo arcinoto carico da 11.

Le agenzie in giornata hanno battuto le reazioni di alcuni leaderini della politichetta nostrana, ma i Tg ce le hanno fortunatamente risparmiate. Mentana è esplicito nell’affermare che nel suo Tg, in un caso come questo, non avranno cittadinanza. Su Rai e La7 le reazioni istituzionali e sentite di Mattarella e Gentiloni, con l’abbraccio corale ed europeo ad una Gran Bretagna colpita al cuore, ma a noi vicina malgrado la Brexit.

Senza la strage di Manchester la serata dell’informazione sarebbe stata ricca e stimolante: Trump giunto a Roma e in visita domani in Vaticano, la commemorazione della strage di capaci e la nave della legalità con i giovani giunti a Palermo, il faticoso ( e contraddittorio) avanzamento della discussione sulla legge elettorale. Ma che chi scrive non se la sente di parlarne.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica