Castelfidardo – Autostrade da paura

I Tg di giovedì 9 marzo – Il crollo alle 13.30 del cavalcavia di Castelfidardo sulla A14, col suo bilancio di 2 morti e tre feriti, s’impone sulle aperture di serata: primo titolo per tutti, grandi spazi sulle testate Mediaset, con Tg5 che vi dedica la copertina e Tg4 che, oltre a presentare 4 servizi, si occupa della tragedia per tutta la seconda parte dell’edizione. Quello di oggi è il secondo cavalcavia crollato in pochi mesi. Le immagini del ponte riverso, venuto giù mentre si compivano operazioni di ampliamento e manutenzione, generano grande sconcerto e amara rassegnazione per un Paese in cui, nonostante le attenzioni, commenta anche Mentana, ogni settimana qualcosa crolla.

Scalzati dalle aperture, gli eventi della giornata politica si alternano tra il secondo ed il terzo titolo sulle testate Rai e La7. La legge delega che introduce il reddito di inclusione per 400 mila famiglie scavalca su Tg1 e La7 l’apertura del nuovo vertice europeo con la riconferma di Tusk alla guida del Consiglio d’Europa, mentre su Tg2 e Tg3 la battaglia sui temi dell’immigrazione dell’Italia a Bruxelles precede i nuovi provvedimenti. Il provvedimento contro la povertà ottiene titoli bassi su Studio Aperto e Tg5 mentre su Tg4, come talvolta capita, entrambe appaiono non pervenute. Per i temi continentali segnaliamo sul Tg3 la lunga intervista all’editorialista Roberto Sommella, per il quale l’Europa sta provando un rilancio per riacquisire al più presto uno spirito originario che al momento appare solo un ricordo.

Le indagini sul Campidoglio ed il caso Consip, dopo il furore delle scorse settimane, sembrano non interessare più di tanto e persistono solo nei titoli di Tg1 e Tg La7. La diffusione delle conversazioni di whatsapp di Romeo e Marra, ma anche i testi degli interrogatori, parlano da soli, ma Mentana coglie comunque l’occasione per esplicitare l’ovvio: a differenza di quanto affermato dalla Sindaca Raggi, Marra tra i 23 mila dipendenti comunali non era “uno dei tanti”. In basso nelle scalette i movimenti all’interno del Pd in logica primarie, così come gli annusamenti sul programma comune tra i partiti della destra.

La sentenza “storica” di un tribunale fiorentino che ha convalidato l’adozione, già riconosciuta 3 anni fa da un tribunale inglese, di due bambini da parte di una coppia omosessuale, conquista titoli su Tg4, Tg1 e Tg5, con la testata di Mario Giordano che parla di “caduta dell’ultimo tabù” in materia di adozioni.

L’epilogo della battaglia di Antonio Forchione, con il reintegro dell’operaio 55enne di Rivoli licenziato dalla Oerlikon dopo 27 anni a seguito di un i trapianto di fegato, è una brutta storia che ieri era comparsa sui siti e rilanciata da TgLa7. E’ paradossale dovere oggi applaudire lo scampato pericolo, che viene comunque celebrato in molti titoli (Tg3, Tg1 e Tg La7) e diversi servizi.

Continuano sui Tg Rai (titolo per Tg3) i reportage dalla battaglia di Mosul, in un’area in cui si preannuncia il dispiegamento di forze da parte dell’America di Trump.

Da Tg3 segnaliamo un titolo sulle manifestazioni a San Severo contro gli attacchi e le intimidazioni della criminalità mafiosa, riprese anche nei servizi di Tg4, Tg1 e Tg5.

Obbligatoria in chiusura per i Tg delle 20 la clamorosa e storica rimonta del Barcellona sul Paris Saint Germain, un’impresa che guadagna un titolo sia su Tg1 che su La7.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali