L'opinione

Castelfidardo – Autostrade da paura

79

I Tg di giovedì 9 marzo – Il crollo alle 13.30 del cavalcavia di Castelfidardo sulla A14, col suo bilancio di 2 morti e tre feriti, s’impone sulle aperture di serata: primo titolo per tutti, grandi spazi sulle testate Mediaset, con Tg5 che vi dedica la copertina e Tg4 che, oltre a presentare 4 servizi, si occupa della tragedia per tutta la seconda parte dell’edizione. Quello di oggi è il secondo cavalcavia crollato in pochi mesi. Le immagini del ponte riverso, venuto giù mentre si compivano operazioni di ampliamento e manutenzione, generano grande sconcerto e amara rassegnazione per un Paese in cui, nonostante le attenzioni, commenta anche Mentana, ogni settimana qualcosa crolla.

Scalzati dalle aperture, gli eventi della giornata politica si alternano tra il secondo ed il terzo titolo sulle testate Rai e La7. La legge delega che introduce il reddito di inclusione per 400 mila famiglie scavalca su Tg1 e La7 l’apertura del nuovo vertice europeo con la riconferma di Tusk alla guida del Consiglio d’Europa, mentre su Tg2 e Tg3 la battaglia sui temi dell’immigrazione dell’Italia a Bruxelles precede i nuovi provvedimenti. Il provvedimento contro la povertà ottiene titoli bassi su Studio Aperto e Tg5 mentre su Tg4, come talvolta capita, entrambe appaiono non pervenute. Per i temi continentali segnaliamo sul Tg3 la lunga intervista all’editorialista Roberto Sommella, per il quale l’Europa sta provando un rilancio per riacquisire al più presto uno spirito originario che al momento appare solo un ricordo.

Le indagini sul Campidoglio ed il caso Consip, dopo il furore delle scorse settimane, sembrano non interessare più di tanto e persistono solo nei titoli di Tg1 e Tg La7. La diffusione delle conversazioni di whatsapp di Romeo e Marra, ma anche i testi degli interrogatori, parlano da soli, ma Mentana coglie comunque l’occasione per esplicitare l’ovvio: a differenza di quanto affermato dalla Sindaca Raggi, Marra tra i 23 mila dipendenti comunali non era “uno dei tanti”. In basso nelle scalette i movimenti all’interno del Pd in logica primarie, così come gli annusamenti sul programma comune tra i partiti della destra.

La sentenza “storica” di un tribunale fiorentino che ha convalidato l’adozione, già riconosciuta 3 anni fa da un tribunale inglese, di due bambini da parte di una coppia omosessuale, conquista titoli su Tg4, Tg1 e Tg5, con la testata di Mario Giordano che parla di “caduta dell’ultimo tabù” in materia di adozioni.

L’epilogo della battaglia di Antonio Forchione, con il reintegro dell’operaio 55enne di Rivoli licenziato dalla Oerlikon dopo 27 anni a seguito di un i trapianto di fegato, è una brutta storia che ieri era comparsa sui siti e rilanciata da TgLa7. E’ paradossale dovere oggi applaudire lo scampato pericolo, che viene comunque celebrato in molti titoli (Tg3, Tg1 e Tg La7) e diversi servizi.

Continuano sui Tg Rai (titolo per Tg3) i reportage dalla battaglia di Mosul, in un’area in cui si preannuncia il dispiegamento di forze da parte dell’America di Trump.

Da Tg3 segnaliamo un titolo sulle manifestazioni a San Severo contro gli attacchi e le intimidazioni della criminalità mafiosa, riprese anche nei servizi di Tg4, Tg1 e Tg5.

Obbligatoria in chiusura per i Tg delle 20 la clamorosa e storica rimonta del Barcellona sul Paris Saint Germain, un’impresa che guadagna un titolo sia su Tg1 che su La7.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani