Che la Brexit cominci…

I Tg di mercoledì 29 marzo – Toni festosi della May nell’intervento al Parlamento britannico nel giorno che inaugura il lungo e complesso processo della Brexit Apertura per tutti. Tg4 tenta di propone un rapido (e semplicistico) “cosa cambia”. Sulle testate maggiori prevalgono i toni tutt’altro che allegri dei leader di Bruxelles e delle maggiori capitali europee . Su Tg5 compare una Merkel corrucciata, mentre un Hollande (agli sgoccioli) si mostra risentito è quasi vendicativo. Alfano è la voce italiana di giornata ripresa da tutti, ma alquanto incolore. Tg3 da’ qualche numero che, certo, sono in grado di smorzare il sorriso della May, e poi intervista molti giovani italiani residenti a Londra e, ovviamente, preoccupati. La Scozia che vuole dividersi dall’Inghilterra per rimanere in Europa viene trattata da Downing Street con un protettorato dell’era post coloniale. L’unica (amara) consolazione è che l’irresponsabilità politica non è una merce diffusa solo in Italia.

Per fortuna le nubi fosche di serata sono in parte sgombrate da qualche buona notizia che solleva l’amor proprio nazionale: il varo della legge che protegge senza se e senza ma i minori che sbarcano in Italia. Siamo i primi in Europa, e gli organismi internazionali invitano (una volta tanti) gli altri paesi a copiarci. Apertura per Tg3 e titoli per Tg1 e Tg2. L’altra buona notizia viene dall’Ocse che reputa la scuola dell’obbligo italiana la più inclusiva e meno vessata dalle differenze di ceto e di classe. Insomma, La Costituzione sul diritto allo studio funziona, almeno fino ai 16 anni. Dopo il discorso è assai diverso. Nei titoli per Tg3 e TgLa7.

Come nelle passate serate la cronaca della violenza cieca e diffusa invade le scalette, soprattutto su Mediaset. Il brutale delitto di Alatri è nei titoli per tutti, con l’eccezione di Tg2. Ancora tanta cronaca: titolo e molto spazio sui femminicidi, 3 in 24 ore. Passando ai femminicidi “di giornata”, se ne contano 3 o 4. Nei titoli per Studio Aperto e Tg4, nei servizi per gli altri. Tg2 da diverse settimane riporta in alto a destra il counter dei femminicidi: siamo arrivati a 18 dall’inizio dell’anno.

La cronaca giudiziaria si incentra sulle prime dichiarazioni di Carminati al processo Mafia Capitale, con le quali rivendica di essere un vecchio fascista degli anni ’70, parla bene di Buzzi è male dei vertici del Comune. Nei titoli per Tg1, Tg5 e TgLa7. Altro tema ampiamente trattato è la testimonianza di Emiliano davanti agli inquirenti romani nel procedimento Consip.

Le proteste anti-Tap continuano ad animare le cronache dalla Puglia, mentre i teleutenti avranno capito ben poco delle manovre sulla legge elettorale, anche perché c’è ben poco da capire; immancabilmente nei titolo per TgLa7.

Nei titoli per Tg4 e Tg2 (presente anche su La7) l’allarme per la recrudescenza del morbillo frutto della diminuzione delle vaccinazioni, a sua volta frutto malato della fake news che girano soprattutto su internet.

Alberto Baldazzi

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali