L'opinione

Che la Brexit cominci…

30

I Tg di mercoledì 29 marzo – Toni festosi della May nell’intervento al Parlamento britannico nel giorno che inaugura il lungo e complesso processo della Brexit Apertura per tutti. Tg4 tenta di propone un rapido (e semplicistico) “cosa cambia”. Sulle testate maggiori prevalgono i toni tutt’altro che allegri dei leader di Bruxelles e delle maggiori capitali europee . Su Tg5 compare una Merkel corrucciata, mentre un Hollande (agli sgoccioli) si mostra risentito è quasi vendicativo. Alfano è la voce italiana di giornata ripresa da tutti, ma alquanto incolore. Tg3 da’ qualche numero che, certo, sono in grado di smorzare il sorriso della May, e poi intervista molti giovani italiani residenti a Londra e, ovviamente, preoccupati. La Scozia che vuole dividersi dall’Inghilterra per rimanere in Europa viene trattata da Downing Street con un protettorato dell’era post coloniale. L’unica (amara) consolazione è che l’irresponsabilità politica non è una merce diffusa solo in Italia.

Per fortuna le nubi fosche di serata sono in parte sgombrate da qualche buona notizia che solleva l’amor proprio nazionale: il varo della legge che protegge senza se e senza ma i minori che sbarcano in Italia. Siamo i primi in Europa, e gli organismi internazionali invitano (una volta tanti) gli altri paesi a copiarci. Apertura per Tg3 e titoli per Tg1 e Tg2. L’altra buona notizia viene dall’Ocse che reputa la scuola dell’obbligo italiana la più inclusiva e meno vessata dalle differenze di ceto e di classe. Insomma, La Costituzione sul diritto allo studio funziona, almeno fino ai 16 anni. Dopo il discorso è assai diverso. Nei titoli per Tg3 e TgLa7.

Come nelle passate serate la cronaca della violenza cieca e diffusa invade le scalette, soprattutto su Mediaset. Il brutale delitto di Alatri è nei titoli per tutti, con l’eccezione di Tg2. Ancora tanta cronaca: titolo e molto spazio sui femminicidi, 3 in 24 ore. Passando ai femminicidi “di giornata”, se ne contano 3 o 4. Nei titoli per Studio Aperto e Tg4, nei servizi per gli altri. Tg2 da diverse settimane riporta in alto a destra il counter dei femminicidi: siamo arrivati a 18 dall’inizio dell’anno.

La cronaca giudiziaria si incentra sulle prime dichiarazioni di Carminati al processo Mafia Capitale, con le quali rivendica di essere un vecchio fascista degli anni ’70, parla bene di Buzzi è male dei vertici del Comune. Nei titoli per Tg1, Tg5 e TgLa7. Altro tema ampiamente trattato è la testimonianza di Emiliano davanti agli inquirenti romani nel procedimento Consip.

Le proteste anti-Tap continuano ad animare le cronache dalla Puglia, mentre i teleutenti avranno capito ben poco delle manovre sulla legge elettorale, anche perché c’è ben poco da capire; immancabilmente nei titolo per TgLa7.

Nei titoli per Tg4 e Tg2 (presente anche su La7) l’allarme per la recrudescenza del morbillo frutto della diminuzione delle vaccinazioni, a sua volta frutto malato della fake news che girano soprattutto su internet.

Alberto Baldazzi

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione