Osservatorio TG

Venezia – Aperture forzate

I Tg di giovedì 30 marzo – Per le testate Mediaset la notizia del giorno sono gli arresti dei 4 kossovari che (forse) stavano preparando un attentato a Ponte Vecchio di Venezia. Per i Tg Rai a prevalere è la possibile guerra doganale che Trump si appresterebbe a dichiarare contro l’Europa e che minaccia tra gli altri il successo transatlantico della San Pellegrino e della Vespa. L’impressione è che in entrambe i casi la scelta sia un po’ forzata, in quanto l’indagine veneta è solo agli inizi e il confronto-scontro sui dati non è tutta farina del sacco di Trump. Ciò non significa sottovalutare il rischio del terrorismo o il pericolo insito nelle politiche di Trump. Si vorrebbe solo una modalita di presentare le notizie meno grida tra e un po’ più critica. Anche La7, a modo suo, sceglie un’apertura ancora più forzata, ovviamente d’ambito politico: il fuori onda di De Luca che sparla di De Magistris “per bocca” del Questore di Napoli. Quests sarebbe per Mentana la notizia bomba, pronta a defragrare rovisonamente. Ci sembra eccessiva e soprattutto assai priva d’interessante per I teleutenti ed i cittadini.

La tensione politica ci sembra più reale in relazione alle sanzioni comminate dagli organo di Montecitorio verso ben 42 deputati Cinque Stelle, autori dell’ignobile gazzarra dei giorni scorsi. Questa “punizione” (da 5 a 15 giorni di sospensione dai lavori dell’Aula) a noi pare pienamente meritata, ma nessun Tg ritiene di doverlo segnalare. Nei titoli per Tg3, Tg1e Tg La7.

Grande spazio su Mediaset (titoli per tutti), ma presente anche nei servizi degli altri, al “ritorno” di Berlusconi nell’agone internazionale, all’incontro del Ppe a Malta, con enfasi sulla sua influenza a “contrasto dei populismi”.

Gli allarmi della Ministra Lorenzin Sui Lea (livelli essenziali di assistenza) che non vengono garantiti in ben 5 regioni, è presente solo su Tg5. Per quel che vale noi avremmo aperto su Questo.

Il processo di Trani alle agenzie di rating per il “golpe finanziario” del 2011, “finito in una bolla di sapone”(commenta Mentana) con l’assoluzione di tutti è nei titoli per il solo Tg1.

Chiudiamo in bellezza, ovvero con il primo G7 della cultura a Firenze. In apertura su Tg3 e nei titoli di La7, ottiene spazio anche nelle altre testate Rai e ci ha permesso di ascoltare qualche nota rossiniana sotto la direzione di Riccardo Muti.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale