Venezia – Aperture forzate

I Tg di giovedì 30 marzo – Per le testate Mediaset la notizia del giorno sono gli arresti dei 4 kossovari che (forse) stavano preparando un attentato a Ponte Vecchio di Venezia. Per i Tg Rai a prevalere è la possibile guerra doganale che Trump si appresterebbe a dichiarare contro l’Europa e che minaccia tra gli altri il successo transatlantico della San Pellegrino e della Vespa. L’impressione è che in entrambe i casi la scelta sia un po’ forzata, in quanto l’indagine veneta è solo agli inizi e il confronto-scontro sui dati non è tutta farina del sacco di Trump. Ciò non significa sottovalutare il rischio del terrorismo o il pericolo insito nelle politiche di Trump. Si vorrebbe solo una modalita di presentare le notizie meno grida tra e un po’ più critica. Anche La7, a modo suo, sceglie un’apertura ancora più forzata, ovviamente d’ambito politico: il fuori onda di De Luca che sparla di De Magistris “per bocca” del Questore di Napoli. Quests sarebbe per Mentana la notizia bomba, pronta a defragrare rovisonamente. Ci sembra eccessiva e soprattutto assai priva d’interessante per I teleutenti ed i cittadini.

La tensione politica ci sembra più reale in relazione alle sanzioni comminate dagli organo di Montecitorio verso ben 42 deputati Cinque Stelle, autori dell’ignobile gazzarra dei giorni scorsi. Questa “punizione” (da 5 a 15 giorni di sospensione dai lavori dell’Aula) a noi pare pienamente meritata, ma nessun Tg ritiene di doverlo segnalare. Nei titoli per Tg3, Tg1e Tg La7.

Grande spazio su Mediaset (titoli per tutti), ma presente anche nei servizi degli altri, al “ritorno” di Berlusconi nell’agone internazionale, all’incontro del Ppe a Malta, con enfasi sulla sua influenza a “contrasto dei populismi”.

Gli allarmi della Ministra Lorenzin Sui Lea (livelli essenziali di assistenza) che non vengono garantiti in ben 5 regioni, è presente solo su Tg5. Per quel che vale noi avremmo aperto su Questo.

Il processo di Trani alle agenzie di rating per il “golpe finanziario” del 2011, “finito in una bolla di sapone”(commenta Mentana) con l’assoluzione di tutti è nei titoli per il solo Tg1.

Chiudiamo in bellezza, ovvero con il primo G7 della cultura a Firenze. In apertura su Tg3 e nei titoli di La7, ottiene spazio anche nelle altre testate Rai e ci ha permesso di ascoltare qualche nota rossiniana sotto la direzione di Riccardo Muti.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città