L'opinione

Venezia – Aperture forzate

83

I Tg di giovedì 30 marzo – Per le testate Mediaset la notizia del giorno sono gli arresti dei 4 kossovari che (forse) stavano preparando un attentato a Ponte Vecchio di Venezia. Per i Tg Rai a prevalere è la possibile guerra doganale che Trump si appresterebbe a dichiarare contro l’Europa e che minaccia tra gli altri il successo transatlantico della San Pellegrino e della Vespa. L’impressione è che in entrambe i casi la scelta sia un po’ forzata, in quanto l’indagine veneta è solo agli inizi e il confronto-scontro sui dati non è tutta farina del sacco di Trump. Ciò non significa sottovalutare il rischio del terrorismo o il pericolo insito nelle politiche di Trump. Si vorrebbe solo una modalita di presentare le notizie meno grida tra e un po’ più critica. Anche La7, a modo suo, sceglie un’apertura ancora più forzata, ovviamente d’ambito politico: il fuori onda di De Luca che sparla di De Magistris “per bocca” del Questore di Napoli. Quests sarebbe per Mentana la notizia bomba, pronta a defragrare rovisonamente. Ci sembra eccessiva e soprattutto assai priva d’interessante per I teleutenti ed i cittadini.

La tensione politica ci sembra più reale in relazione alle sanzioni comminate dagli organo di Montecitorio verso ben 42 deputati Cinque Stelle, autori dell’ignobile gazzarra dei giorni scorsi. Questa “punizione” (da 5 a 15 giorni di sospensione dai lavori dell’Aula) a noi pare pienamente meritata, ma nessun Tg ritiene di doverlo segnalare. Nei titoli per Tg3, Tg1e Tg La7.

Grande spazio su Mediaset (titoli per tutti), ma presente anche nei servizi degli altri, al “ritorno” di Berlusconi nell’agone internazionale, all’incontro del Ppe a Malta, con enfasi sulla sua influenza a “contrasto dei populismi”.

Gli allarmi della Ministra Lorenzin Sui Lea (livelli essenziali di assistenza) che non vengono garantiti in ben 5 regioni, è presente solo su Tg5. Per quel che vale noi avremmo aperto su Questo.

Il processo di Trani alle agenzie di rating per il “golpe finanziario” del 2011, “finito in una bolla di sapone”(commenta Mentana) con l’assoluzione di tutti è nei titoli per il solo Tg1.

Chiudiamo in bellezza, ovvero con il primo G7 della cultura a Firenze. In apertura su Tg3 e nei titoli di La7, ottiene spazio anche nelle altre testate Rai e ci ha permesso di ascoltare qualche nota rossiniana sotto la direzione di Riccardo Muti.

Altre opinioni dell'Autore
Attualità

Migrazioni, le “false” tesi che diffondono odio e repulsione

Molte tesi riguardanti le migrazioni internazionali spesso usano la demografia per spiegare l’origine dei flussi migratori e giustificare politiche finalizzate più alla...
di Marco Omizzolo
Economia

Infrastrutture, trasporti e logistica: nasce l’Osservatorio dell’Eurispes

Nel quadro delle attività istituzionali, l’Eurispes ha dato vita a un Osservatorio permanente su Infrastrutture, Trasporti e Logistica e ne ha affidato la Presidenza a Luca Danese
di redazione
Criminalità e contrasto

Terrorismo, l’enciclopedia kolossal che racconta la storia buia dell’Italia

Il fenomeno del terrorismo, raccontato in tutte le sue declinazioni ed estensioni, dal punto di vista storico, sociologico, religioso, economico, politico, criminale e giuridico. Ecco l'Enciclopedia "kolossal"
di Fabio Iadeluca
Recensioni

Glaucoma, il libro sulla malattia. Nino Castelnuovo “testimonial”

Il glaucoma colpisce in Italia oltre un mln di persone. Il libro "Glaucoma: Apriamo gli occhi sulla malattia" tocca tutti gli aspetti della patologia, dall’impatto psico-sociale a quello socioeconomico
di redazione
Politica

Un Paese senza leader. «Sovranismo e populismo non dureranno»

Il mix di sovranismo e populismo che governa l’Italia non è destinato a durare. Lo sostiene Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera e autore di Un Paese senza leader. L'intervista
di Massimiliano Cannata
Politica

“Burocrate a chi? Ci condiziona la politica, ecco come uscirne”

Sulla carta è così: il ministro fissa gli obiettivi e il dirigente pubblico è responsabile della gestione e dei risultati, con tanto...
di Corrado Giustiniani
Cultura & Turismo

Carabinieri custodi della bellezza. Il Belpaese nel Calendario 2019

Carabinieri custodi della bellezza: il Calendario 2019 si ispira ai valori secolari dell'Arma e alla protezione dei beni culturali, in particolare a quelli riconosciuti patrimonio dell'Unesco.
di Emma Evangelista
Intervista

Il web annichilisce la politica. «Il populismo rende grottesca la realtà»

Fabrizio Di Marzio «Oggi la società della comunicazione, del web e dei Social media prevale sulla politica e condiziona la democrazia. Il populismo? Un modo infantile e pericoloso di leggere la realtà».
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Sesso come “esercizio ginnico”: il vero tabù è il sentimento

Sesso slegato dai sentimenti, diventa esercizio ginnico e sfogo. I tabù del sesso sono sdoganati ma la verà difficoltà è proprio parlare della propria interiorità. I dati del rapporto Eurispes “Giovani e Sesso”
di Diego Sambucini
Il punto

Il turismo serve ma non paga. Un bel paradosso italiano

Uno spettro si aggira per l’Italia: è il turista. Ne perlustra le città d’arte, enclave di bellezza dovute all’opera dei nostri illuminati...
di Alberto Mattiacci