Trump contro tutti

I Tg di venerdì 31 marzo – Siamo solo agli inizi, ma la guerra commerciale furoreggia. Aperture per tutti. In sintesi questa decisione non piace quasi a nessuno (se si esclude Salvini e Tg4), e a stare ai Tg non piacerà nemmeno agli italiani. Tg5 intervista diversi cittadini americani che vogliono comprare italiano. I Tg Rai riprendono le posizioni dei partiti, enfatizzando la linea pro-Trump della Lega, mentre tutti gli altri (a partire da Gentiloni) tuonano contro il protezionismo. Renzi abbina nella critica il protezionismo Usa (su Tg2 e Tg3) e i protezionisti italiani.
Rimanendo in tema, Tg La7 osserva che esistono problemi sono anche all’interno dell’Europa, e dedica il secondo titolo alle manovre francesi per impedire l’ acquisizioni dei cantieri navali di Saint Nazaire da parte di Fincantieri. Tg2 gradevolmente ne approfitta per illustrare il mito della Vespa.

Inevitabilmente, al bagliore di questa guerra annunciata, i brusii del Russia-gate (presenti su Tg2 e TgLa7), e con ogni probabilità questo è proprio quello che Trump vuole.

Le ipotetiche prove di avvicinamento PD-M5S vengono, ovviamente riprese da Mentana, mentre la notizia (per altro scontata) del fascicolo genovese per diffamazione contro Grillo e Di Battista dopo la denuncia della Cassamatis, ottiene menzione su tutti. Atto dovuto Il Malone di Di Maio è presente su tutti.

Ancora assai presente la cronaca nera e criminale, con titoli sui Mediaset e copertina su Tg5.

Buono e trasversale lo spazio alla visita di Carlo d’Inghilterra a Firenze, in contro tendenza con le temperie Della Brexit.

L’attenzione agli arresti di jihadisti a Venezia prosegue soprattutto sui Tg Mediaset, ma è calante su quelli Rai. Ampio spazio alla 14enne musulmana rasata dalla madre perché si rifiutava di indossare il velo, presente nei titoli di Tg4 e Tg1, ma nei servizi per tutti. Tg4 dedica un lungo servizio alle donne “vittime dell’islam”, mentre i Tg Rai riprendono nei servizi le parole del portavoce islamico che ribadisce come il velo non può essere un imposizione. Buon approfondimento sul Tg2.

La crisi i Venezuela, cui Tg Ka7 già ieri aveva dato, la ritroviamo sui Tg Rai. Il giudizio è unanime: Maduro tenta di instaurare una dittatura.

Tg5 riprende la mattanza delle balene in Giappone nei titoli, e tg la7 riprende l’offerta di pecore dagli allevatori sardi a quelli abruzzesi. Buona e lodevole iniziativa .

Tornando al tema dell’immigrazione, chiudiamo segnalando Tg2 che segnala l’iniziativa dell’Ansa di varare un portale interamente dedicato ai profughi e ai cittadini stranieri.

Ultime notizie
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane