Il nostro Mezzogiorno come l’ex-Germania dell’Est

Lo scrivevamo già nel 1995. Perché non prendere lezione dall’esempio offerto dalla Germania in questi anni? Perché se i nostri amici tedeschi sono riusciti a far diventare il processo di unificazione con la ex Ddr l’asse portante di ogni politica economica e sociale, noi non possiamo fare altrettanto con il nostro Mezzogiorno? È irragionevole pensare che investire risorse, idee ed energie al Sud possa alla fine tradursi in vantaggio anche per l’intero Paese?

Abbiamo ribadito questa convinzione nell’edizione del Rapporto Italia 2020.

Un concetto oggi ripreso da studiosi come Isaia Sales.

La Germania, già nei primi decenni di riunificazione, ha speso nella più povera ex Germania Est una cifra cinque volte superiore a quella che è costata in cinquant’anni la vituperata Cassa per il Mezzogiorno.

Per giunta, a dispetto di quanto comunemente creduto, la Cassa per il Mezzogiorno assorbiva appena lo 0,5% del Pil italiano (o comunque mai più dello 0,7%), mentre contemporaneamente gli investimenti pubblici al Nord ammontavano al 3,5% del Pil. Ciò nonostante, buona parte di quello stesso 0,5% pure finì in Settentrione, grazie al fenomeno degli “appalti truccati” affidati a industrie del Nord per la realizzazione di opere oltremodo costose, non di rado inutili e/o mai rese operative (le famose “cattedrali nel deserto”).

Il Fondo Monetario Internazionale ha calcolato che le aziende che beneficiarono dei finanziamenti dell’ultimo periodo della Cassa per il Mezzogiorno, per l’80%, furono grandi imprese del Nord.

Bankitalia calcola invece che un aumento di un solo euro del Pil al Sud produce una crescita di 40 centesimi del Pil al Centro-Nord. Tuttavia, non avviene l’inverso: ovvero, l’aumento del Pil di un euro al Centro-Nord determina una crescita per l’intero Paese di soli 10 centesimi. Dunque, investire sulla crescita del Sud piuttosto che su quella del Centro-Nord comporta un guadagno per l’intero Paese quattro volte maggiore. Ma, purtroppo, le nostre classi dirigenti sembrano ignorarlo.

Se l’Italia dunque superasse le sue miopi illusioni di poter procedere a pezzi semi-separati, tornando a considerarsi Paese e sviluppando quindi anche il Sud, diventerebbe l’area più competitiva d’Europa e forse in grado di misurarsi con le aree più competitive del mondo.

La Germania ha realizzato un’operazione analoga, provando che l’arretratezza non è un destino per un territorio (né tanto meno un fatto antropologico), ma è una condizione che è possibile superare in pochi decenni attraverso massicci investimenti. Ciò sarebbe possibile anche in Italia se solo il nostro Paese prendesse piena coscienza di essere davvero un tutt’uno.

Gli studi della Banca d’Italia mostrano che il Sud è la vera riserva di crescita dell’Italia: ne costituisce cioè la parte di crescita potenziale. Se, pertanto, il Paese arriverà a scoprire il valore di questo immenso tesoro nascosto al Meridione, godrebbe di uno slancio senza precedenti.

*Gian Maria Fara, Presidente dell’Eurispes.

 

Larticolo è disponibile anche in inglese

Our South like former East Germany

Ultime notizie
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Innovazione

La crescita dell’e-commerce e le nuove abitudini dei consumatori

La pandemia ha cambiato le abitudini dei consumatori. I dati della crescita dell'e-commerce internazionale nel 2020 e negli ultimi anni.
di Ludovico Semerari
Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Giustizia

Magistratura politicizzata: la situazione tra scandali e veleni

Perché si parla così tanto di Magistratura politicizzata? L'incidenza del caso Palamara e il tema della separazione delle carriere.
di Alfonso Lo Sardo
Magistratura politicizzata e separazione delle carriere
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Cultura

Viviamo nell’era del “Dataismo”: significato e caratteristiche

Che cos'è il Dataismo? Cosa intendiamo con tale espressione? L'analisi del Dataismo ("datism", in inglese), tra significato e caratteristiche.
di Giuseppe Pulina
Il dataismo, tra significato e caratteristiche
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Approfondimenti

Come il Covid ha cambiato la nostra vita

Lavoro, vita sociale, spostamenti: tutte le trasformazioni della pandemia. Un'analisi su come il Covid ha cambiato la nostra vita.
di Angelo Perrone*
Come il Covid ha cambiato la nostra vita
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Cosa vuol dire Mafia?

Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza: intervista a Giovanna Di Rosa

Il magistrato di sorveglianza è una figura di cui poco si conosce e si parla in Italia. Un lavoro complesso che incomincia...
di Sergio Nazzaro
Chi è e cosa fa il Magistrato di Sorveglianza?
Who Supervisory Judges are and what they do?
Cosa vuol dire Mafia?

Who Supervisory Judges are and what they do: an interview with Giovanna Di Rosa

The Eurispes online magazine's pages feature an interview with Dr Giovanna Di Rosa, President of the Supervisory Court of Milan, on the issue of the Supervisory Magistracy.
di Sergio Nazzaro
Who Supervisory Judges are and what they do?
Fisco

Le tecniche di intelligenza artificiale contro l’evasione fiscale

Nell’evoluzione del sistema informativo tributario e delle tecniche di contrasto all’evasione fiscale, l’efficace utilizzo delle banche dati assume un ruolo sempre più...
di Giovambattista Palumbo*
Internazionale

Gli Usa di Joe Biden: le differenze dopo l’era Trump

Il passaggio di testimone alla Casa Bianca da Donald Trump a Joe Biden sta determinando, come era preventivabile, effetti diretti non solo...
di Marco Omizzolo*
draghi
Luciano Maria Teodori

Divergenze senza ragioni apparenti

L’anno in corso ha segnato un grande ritorno nel Mediterraneo: il ritorno dello zio Sam nella scena politica di un mare sempre...
di Luciano Maria Teodori
draghi
Il punto a Mezzogiorno

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica

Si sbloccano i primi progetti infrastrutturali al Sud. Manca però una visione strategica: Ponte sullo Stretto e porto hub sono due delle opere indispensabili allo sviluppo del territorio.
di Saverio Romano