Internazionale

Our South like former East Germany

We already wrote this in 1995. Why not learn from the example set by Germany in recent years? Why, if our German friends have succeeded in making the former GDR’s unification process the cornerstone of all economic and social policy, can’t we do the same for Southern Italy? Is it unreasonable to believe that investing resources, ideas, and energies in the South will benefit the entire country in the long run?

This conviction was reaffirmed in the 2020 Italy Report.

Scholars such as Isaia Sales are now championing this idea.

Germany spent five times more in the poorer former East Germany in the first decades of reunification than the infamous Cassa per il Mezzogiorno in 50 years.

Furthermore, contrary to popular belief, the Cassa per il Mezzogiorno absorbed only 0.5% of Italian GDP – or no more than 0.7% – while public investments in the North amounted to 3.5% of GDP. Nonetheless, a large portion of that same 0.5% ended up in the North, thanks to the phenomenon of “rigged contracts” entrusted to northern industries for the construction of extremely expensive works, many of which were never completed or were rendered inoperable; the famous “cathedrals in the desert.”

According to the International Monetary Fund, 80% of the companies that received funding during the last period of the Cassa per il Mezzogiorno were large Northern companies.

Bankitalia, on the other hand, calculates that a one-euro increase in GDP in the South produces a 40-cent rise in GDP in the Centre-North. However, the opposite is true: a one-euro rise in GDP in the Centre-North generates only a ten-cent increase in GDP for the entire country. Investing in the South’s growth rather than the Centre-North yields a fourfold return for the country as a whole. Unfortunately, our ruling classes appear to be oblivious to this.

As a result, if Italy could overcome its short-sighted illusions of proceeding in semi-separate pieces, returning to consider itself a country and thus developing the South, it would become the most competitive area in Europe, possibly even competing with the most competitive regions of the world.

Germany has conducted a similar operation, demonstrating that backwardness is not a natural state of a territory – let alone an anthropological fact – but rather a condition that can be overcome in a few decades through massive investments. It would also be possible in Italy if our country recognised that it is, indeed, a whole.

According to the Bank of Italy’s research, the South is Italy’s actual growth reserve: it represents the country’s potential growth. If the government discovers the worth of this enormous treasure hidden in the South, it will experience unprecedented growth.

 

*Gian Maria Fara, President of the Eurispes.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione