L'opinione

Tragedia – Follia, violenza e omertà

96

I Tg di lunedì 27 marzo – La tragedia in trentino, dove un padre ha ucciso a martellate due dei suoi tre figli per poi buttarsi da una rupe, incombe sui Tg di serata, raccogliendo titoli su tutti e 4 aperture. Un orrore (Tg3) per il quale tutti i servizi faticano a trovare una qualunque motivazione – si batte la pista del crac finanziario -, ma che in ogni caso risulterebbe incomprensibile. Analogo sgomento figura in altri servizi, quelli che trattando del pestaggio di Alatri (nei titoli per tutti)che vede indagati 8 italiani ed uno straniero per l’esecuzione (Tg1) di Emanuele Morganti, sottolineano l’indifferenza e l’omertà dei testimoni della mattanza.Tg3, Tg5 e Tg2 chiamano gli psicologi a commentare questo genere di comportamento, mentre Tg4 lancia apertamente l’accusa: chi assiste ma non interviene è parimente colpevole.

Tg1 e Tg3 sono i soli ad aprire sulle dichiarazioni del premier Gentiloni (titolo La7) secondo cui i vincoli europei non sono intoccabili, mentre Tg5 titola sulla manovra correttiva chiesta dall’Europa. A commentare gli esiti dell’immigrazione celebrativo dei 60 anni il direttore Mazzà intervista il Presidente di Bankitalia Visco, che si dice nel complesso soddisfatto, esortando la politica tutta a creare le “condizioni di contesto” necessarie per la crescita. Sul tema dei conti, Tg La7 apre sul contrasto Letta – Renzi, con il primo che accusa l’altro di non aver saputo sfruttare la flessibilità concessa e il secondo che sottolinea che non di concessione si è trattato, bensì di battaglia politica.

Sempre per la politica, “l’ufficializzazione” della candidatura di Matteo Salvini alla leadership del centrodestra per le prossime elezioni non sembra entusiasmare i Tg, con il solo Tg3 a menzionarla nel corso di un servizio. Assai più presente (titolo per Tg1) il nuovo caso di incongruenza sulle firme per M5S, che riguarderebbe quelle per la candidatura della Sindaca Raggi.

Per gli esteri, la condanna europea per l’arresto in Russia del noto blogger antiputin Navalny (insieme assieme ad oltre 1400 manifestanti, alcuni – sottolinea Tg3 – minorenni), è presente su tutti e titolo per Tg1, Tg3 e Tg5. Buono l’approfondimento del Tg3 che illustra le ragioni per le quali questo blogger viene considerato tra i principali oppositori del leader russo.

Tornano alla cronaca, la preoccupazione degli agricoltori terremotati di Castelluccio che rischiano di non poter cominciare con la semina a causa delle strade ancora bloccate figura nei servizi dei Tg Rai.

L’annuncio dell’Austria di voler uscire dal piano dei ricollocamenti europei, e che suona come una nota stonata così vicino all’anniversario di sabato, è ripreso nei titoli del solo Tg La7. Sempre sul tema dei profughi, buono il servizio del Tg1 sulla madre ivoriana che, rimasta bloccata per 5 mesi in Tunisia, ha potuto ricongiungersi in Italia con la figlia che aveva portato via per sottarla all’infibulazione.

In una serata dell’informazione alquanto mesta, un’altra nota d’allegria arriva dal consueto show di Roberto Benigni alla consegna dei David di Donatello. Ripreso da Tg3, Tg1 e Tg5, il regista fiorentino ha tessuto con un toccante discorso le lodi al cinema italiano, realtà talvolta giustamente bistrattata ma ancora capace di “far viaggiare le nostre anime” verso la ricongiunzione con il nostro corpo.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo