L'opinione

Tragedia – Follia, violenza e omertà

102

I Tg di lunedì 27 marzo – La tragedia in trentino, dove un padre ha ucciso a martellate due dei suoi tre figli per poi buttarsi da una rupe, incombe sui Tg di serata, raccogliendo titoli su tutti e 4 aperture. Un orrore (Tg3) per il quale tutti i servizi faticano a trovare una qualunque motivazione – si batte la pista del crac finanziario -, ma che in ogni caso risulterebbe incomprensibile. Analogo sgomento figura in altri servizi, quelli che trattando del pestaggio di Alatri (nei titoli per tutti)che vede indagati 8 italiani ed uno straniero per l’esecuzione (Tg1) di Emanuele Morganti, sottolineano l’indifferenza e l’omertà dei testimoni della mattanza.Tg3, Tg5 e Tg2 chiamano gli psicologi a commentare questo genere di comportamento, mentre Tg4 lancia apertamente l’accusa: chi assiste ma non interviene è parimente colpevole.

Tg1 e Tg3 sono i soli ad aprire sulle dichiarazioni del premier Gentiloni (titolo La7) secondo cui i vincoli europei non sono intoccabili, mentre Tg5 titola sulla manovra correttiva chiesta dall’Europa. A commentare gli esiti dell’immigrazione celebrativo dei 60 anni il direttore Mazzà intervista il Presidente di Bankitalia Visco, che si dice nel complesso soddisfatto, esortando la politica tutta a creare le “condizioni di contesto” necessarie per la crescita. Sul tema dei conti, Tg La7 apre sul contrasto Letta – Renzi, con il primo che accusa l’altro di non aver saputo sfruttare la flessibilità concessa e il secondo che sottolinea che non di concessione si è trattato, bensì di battaglia politica.

Sempre per la politica, “l’ufficializzazione” della candidatura di Matteo Salvini alla leadership del centrodestra per le prossime elezioni non sembra entusiasmare i Tg, con il solo Tg3 a menzionarla nel corso di un servizio. Assai più presente (titolo per Tg1) il nuovo caso di incongruenza sulle firme per M5S, che riguarderebbe quelle per la candidatura della Sindaca Raggi.

Per gli esteri, la condanna europea per l’arresto in Russia del noto blogger antiputin Navalny (insieme assieme ad oltre 1400 manifestanti, alcuni – sottolinea Tg3 – minorenni), è presente su tutti e titolo per Tg1, Tg3 e Tg5. Buono l’approfondimento del Tg3 che illustra le ragioni per le quali questo blogger viene considerato tra i principali oppositori del leader russo.

Tornano alla cronaca, la preoccupazione degli agricoltori terremotati di Castelluccio che rischiano di non poter cominciare con la semina a causa delle strade ancora bloccate figura nei servizi dei Tg Rai.

L’annuncio dell’Austria di voler uscire dal piano dei ricollocamenti europei, e che suona come una nota stonata così vicino all’anniversario di sabato, è ripreso nei titoli del solo Tg La7. Sempre sul tema dei profughi, buono il servizio del Tg1 sulla madre ivoriana che, rimasta bloccata per 5 mesi in Tunisia, ha potuto ricongiungersi in Italia con la figlia che aveva portato via per sottarla all’infibulazione.

In una serata dell’informazione alquanto mesta, un’altra nota d’allegria arriva dal consueto show di Roberto Benigni alla consegna dei David di Donatello. Ripreso da Tg3, Tg1 e Tg5, il regista fiorentino ha tessuto con un toccante discorso le lodi al cinema italiano, realtà talvolta giustamente bistrattata ma ancora capace di “far viaggiare le nostre anime” verso la ricongiunzione con il nostro corpo.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata