Cibo da maiali

I Tg di lunedì 15 maggio – I 68 clamorosi arresti di figure anche apicali legate al centro di accoglienza di Isola di Capo Rizzuto (Crotone) che svelano un giro di malaffare da 36 milioni di euro attivo da oltre un decennio, spiccano nelle aperture di Tg4, Tg La7 e Tg2( secondo titoli per gli altri). Allo squallore dei dettagli, con esponenti del clan Arena che si servivano “come un bancomat” (Tg5) delle risorse del centro, spesso riducendo gli occupanti alla fame, seguono nei servizi le accuse a chi non avrebbe vigilato, con le opposizioni che puntano il dito contro il ministro Alfano per una presunta vicinanza con la Fraternità di Misericordia, coinvolta nelle indagini. Sia Tg4 che i Tg Rai colgono l’occasione per ricostruire i più recenti casi di malaffare “sulla pelle dei migranti”, con enfasi per Tg3 e Tg1 su Mafia Capitale. Il Procuratore Gratteri parla di richiedenti asili, ospiti del Cara più grande d’Europa, nutriti con cibo “da maiali”. Non ci facciamo “mancare niente”: anche il parroco di Isola Capo Rizzuto avrebbe fatto parte dell’associazione a delinquere.

Presente “in abbinata” su molte testate, la sentenza della Cassazione sul tema della multiculturalità ottiene titoli su Tg1, Tg4 e Tg5 e molto spazio sulle altre testate. A suscitare clamore non è il caso in sé, che ha visto i giudici esprimersi sulla legittimità di una multa comminata nel 2013 ad un cittadino indiano di etnia sikh che portava in pubblico un coltello kirpan da 20 cm (pratica richiesta dalla sua fede), bensì la motivazione addotta dalla Cassazione, che ha valutatola prevalenza delle leggi vigenti nel nostro Paese sulle usanze culturali degli stranieri ospitati, e il conseguente “obbligo” di seguirle. A nostro avviso si tratta di un episodio minore, ma che fa comunque giurisprudenza, e a cui la serata dell’informazione tutta fa da “cassa di risonanza”, con i Tg Mediaset che celebrano il trionfo dei “nostri valori” sulle istanze di altre culture.

Tra le altre notizie di serata, ampio spazio agli esteri con il primo viaggio del neopresidente francese Macron in Germania che guadagna le aperture di tutte le testate Rai. La7 riporta sotto una luce positiva l’incontro Macron – Merkel, parlando sin dai titoli di “rifondazione europeista”. Sulle stesse testate, ma con titoli più bassi, spazio anche alle nuove, gravi accuse lanciate dall’amministrazione americana al regime di Assad, che starebbe giustiziando in segreto migliaia di prigionieri di guerra, bruciandone i corpi nei forni crematori per occultarne le tracce.

La politica trova spazio limitato, e per lo più sui Tg Mediaset e La7. Sui primi a tener banco è la vittoria di Salvini alle primarie della Lega, seguita da servizi più lunghi sull’odierna intervista di Berlusconi al Giornale, in cui l’ex premier, oltre a dettare le sue linee guida sulla legge elettorale, rimarca come “solo stando al centro si vince”. La legge elettorale, ma anche il proseguo del caso Boschi – Banca Etruria, intrigano TgLa7 che vi dedica 2 titoli. Per il resto, grande spazio sui Tg Rai e Tg5 – titoli per Tg3 e Tg2 – all’incontro a Pechino tra 29 leader mondiali, che ha visto il premier Gentiloni esprimersi molto positivamente sul progetto della cosiddetta “Nuova via della seta”.

Per la cronaca, Studio Aperto ripropone in apertura il video che dettaglia i momenti immediatamente precedenti l’omicidio di Budrio, presente fin dai titoli anche su Tg4 e Tg1; più basse nelle edizioni, ma comunque presenti nei titoli di Tg1 e Tg3, le altre indagini sulle mani del clan catenese dei Laudani sulle catene di grande distribuzione Lidl di Milano.

La nuova ondata di attacchi informatici, che sembra riguardare i server asiatici, viene seguita con interesse da tutte le testate, mentre nei servizi proseguono i bilanci dell’ondata di cui sono state vittime diverse istituzioni e operatori nei maggiori paesi occidentali. Riconoscimenti espliciti, soprattutto sulle testate Mediaset, al programmatore 22enne londinese che è stato capace, studiando il codice del virus, di disattivare quasi immediatamente l’attacco.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città