L'opinione

Renzi – L’informazione e le saghe familiari

45

I Tg di martedì 16 maggio – La saga dei Renzi (padre e figlio) conquista l’apertura su Tg1, Tg5, TgLa7, Tg4, ed è secondo titolo per gli altri. La vicenda Consip è oramai sullo sfondo, e in primo piano c’è il rapporto familiare che nulla ha a che fare con l’inchiesta, napoletana prima, romana dopo. Il riflesso politico diretto vede i soli Cinque Stelle all’attacco, ma oramai è evidente che l’aspetto mediatico non è solo fondamentale, ma addirittura esclusivo. Premesso che i giornali hanno sempre il diritto di pubblicare, c’è da chiedersi se il contenuto della libertà di stampa sia diventato secondario. Mentana, fatta questa stessa premessa, è il più chiaro nel segnalare che oltre gli aspetti familiari le anticipazioni sul Fatto del libro di Marco Lillo, non avendo secondo gli inquirenti alcuna rilevanza, non essendo stata inserita in nessun fascicolo, essendo probabilmente illegittima, ed essendo uscita non si sa da quale Procura, comunque attraverso un reato commesso da chissà chi, pone seri interrogativi che chiedono risposte.

Dio li fa e poi li accoppia. Il cognome Renzi chiama il cognome Boschi, e l’informazione di serata non può fare a meno di passare da Consip a Etruria, riprendendo Gentiloni che nega riflessi negativi per il Governo dal nuovo clamore che investe la sottosegretaria Maria Elena.

Il fatto che poi diversi Tg (titoli per Tg1, Tg2 e Tgla7) si occupino delle vicende economiche della separazione Berlusconi-Lario (mentre invece lo stesso non fanno le testate Mediaset), contribuisce a dare del circo dell’informazione un’immagine che non sarebbe piaciuta neanche a Fellini.

L’inchiesta sulle mani della ‘ndrangheta nel Cara di Crotone richiama attenzione diffusa, con Tg5 che propone un buon servizio. Spazio ampio ai dati di Frontex sui Tg Rai che segnalano che l’arrivo dei profughi in Europa sia diminuito dell’85% rispetto allo scorso anno, mentre la quota italiana è aumentata del 33%. Presente anche su La7. Sempre sul tema immigrazione la conclusione unitaria della commissione parlamentare che si è occupata della vicenda ong e sbarchi è nei Titoli su Tg5.

Agro-dolce il dato del pil italiano che nel primo trimestre aumento (solo) dello 0,2%. Titoli per Tg3 e Studio Aperto.

Per gli esteri, come quasi ogni giorno Trump offre materiali “caldi”; oggi si tratta del passaggio ai russi di informazioni riservate di provenienza europea sul terrorismo. Smentita la vicenda dal suo staff, poco dopo in prima persona rivendica di averlo fatto e di averne il diritto. Titoli per tutti, con l’esclusione di Studio Aperto, e apertura su Tg2.

Le accuse americane ad Assad per i forni crematori destinati a far sparire i cadaveri dei prigionieri politici assassinati sono riprese questa sera ampiamente dai Tg Mediaset. Tg5 dedica una interessante copertina ai tanti casi i cui nel ‘900 sono stati utilizzati, per togliere dignità alla morte di quelli che si ritenevano “nemici”, dopo aver tolto dignità alla loro vita.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione