L'opinione

“Complici degli scafisti”

107

I Tg di mercoledì 1 giugno – Aperture una volta tanto differenziate per l’informazione di serata. A tener banco sulle testate Rai sono l’appello lanciato dal Presidente della Repubblica all’unità, sia nazionale che europea, nell’affrontare l’emergenza migranti, e il confronto tra la Cei ed il Ministero degli Interni sui limiti dell’accoglienza (apertura anche per Tg4). Allo scambio tra Monsignor Galantino ed Alfano si aggiungono le sparate di Salvini, che arriva ad accusare il segretario della Cei di essere “complice degli scafisti”. Noi evitiamo di commentarle.

Le problematiche dell’accoglienza, presenti su tutte le testate, sono da Tg La7 riassunte con questa formula: l’Italia fa il suo dovere, nonostante la mancanza di una “ricetta comune europea”. Buono il servizio del Tg3 dal Cara di Pozzallo sul destino dei tanti profughi minori non accompagnati arrivati negli ultimi giorni.

A quattro giorni dalle elezioni amministrative, la tensione resta alta in mancanza di elementi forti di confronto. Titolo per Tg1 e Tg5, apertura per Tg La7 che tratta dello scontro sugli 80 euro “restituiti”, argomento della scorsa settimana per Tg4, come dell’ “ultima lite elettorale” tra Grillo e Renzi. Sempre a proposito di M5S, nei giorni scorsi Fico, presidente della Vigilanza Rai, aveva lamentato il mancato rispetto della par condicio da parte del Tg1, definito da Fico il “Tg di Renzi”. L’intervista di oggi a Silvio Berlusconi (replicata in breve sul Tg2) sa di tentativo di recupero. Spazio alle amministrative anche su Tg2 e Tg5 , che si occupano dei candidati sindaci, rispettivamente, di Roma e Milano.

Titoli e servizi per l’inaugurazione del Tunnel del San Gottardo, il più lungo traforo ferroviario al mondo. Molta la retorica da parte dei leader europei presenti (Renzi, Merkel e Hollande) che elevano quest’opera a simbolo di una “Europa che rifiuta i muri”, anche se nei servizi – e con Mentana fin dai titoli – si sottolinea come l’opera sia, in realtà, di costruzione svizzera. Ma l’immagine è potente e piace.

Apertura solitaria per il Tg5 che dedica primo titolo e copertina alle falle della pubblica amministrazione incapace di pagare i crediti alle imprese. Si mantiene alta su Tg l’attenzione agli sviluppi sulla questione dei voucher.

Festeggiamenti anticipati su alcune testate (soprattutto su Tg4 e le testate Rai) per il 70esimo anniversario dal referendum che decretò la nascita della Repubblica Italiana. Tanti i servizi di approfondimento storico e le testimonianze di anziane donne che nel 1946, per la prima volta, poterono esercitare il diritto di voto (Tg4 vi dedica la seconda metà dell’edizione). Buono il servizio del Tg2 sul monumento del Vittoriano.

Le novità sul caso della ragazza uccisa e bruciata a Roma continuano ad occupare le aperture e i primi servizi delle testate più avvezze alla cronaca, e ottengono titoli anche sui Tg Rai. Titoli per i Tg delle 20 e Tg2 sulla morte del maresciallo dei carabinieri ucciso durante un’operazione antidroga in Sicilia.

Segnaliamo come questa notizia, diffusa attorno alle 17 sui quotidiani online, non era presente nelle scalette di quelli delle 19. 

Titoli per le testate Rai e Mediaset sul presunto vaccino contro i tumori sperimentato con successo nei centri di ricerca dell’Università di Magonza. Cecchi Paone si sofferma a lungo sulla notizia, parlando di “evento storico” per la medicina.

Altre opinioni dell'Autore
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario