L'opinione

Confusione

107

I Tg di lunedì 4 aprile – Aperture e doppio titolo per tutte le testate sulle dichiarazioni di Renzi alla direzione del Pd, sulle reazioni della minoranza del suo partito e delle opposizioni, con la riproposizione degli interventi di Cuperlo, Di Maio e Brunetta che accusano il premier, a vario titolo, di arroganza (i Pd) e lobbismo (gli M5S). Il petrolio della Basilicata è, ovviamente, sullo sfondo alquanto confuso delle indagini che hanno portato alle dimissioni della ministra Guidi e all’odierna “visita” a Palazzo Chigi degli inquirenti di Potenza alla ministra Boschi, i cui esiti e contenuti restano per ora ignoti. Tra i servizi di serata, quello di Tg La7 si sofferma sulla “ironia della sorte” che a poche ore dall’attacco del premier alla magistratura lucana per sentenze che “non arrivano” ha visto arrivare a sentenza proprio uno dei processo da lui menzionato, quello dello scandalo Totalgate del 2008. Molta confusione sotto il cielo, una vera pacchia per le opposizioni che, con i Cinque Stelle ripresi abbondantemente nella trasferta a Vigiano, “prescindono” da specificare i diversi rivoli delle inchieste che spaziano dall’abuso di influenza (Gemelli) ai reati ambientali per gli sversamenti , facendo di ogni erba in fascio, anzi una catasta su cui sacrificare il governo. I titoloni sugli attacchi di Renzi alla Magistratura non hanno un reale appiglio, ma così va il mondo. Unico elemento inequivocabile è che ne Pd siamo vicino al punto di rottura. Tg5 riprende ampiamente le accuse di Brunetta, neofita della lotta al conflitto d’interesse, “malattia mortale” del governo secondo il forzista.

Grande lustro su tutte le testate per lo scandalo dei Panama papers, già incoronato come la più grande fuga di notizie della storia. Tra le molte coperture che illustrano i potenti del mondo coinvolti e la spropositata quantità di denaro depositata nel paradiso fiscale di Panama, segnaliamo quelle di Tg4 e Tg La7, con Mentana che già annuncia le prime mosse del fisco italiano e commenta (riprendendo Hollande) che questa è una buona notizia.

L’inizio dei rimpatri forzati dalla Grecia alla Turchia secondo l’accordo tra Ankara e l’Unione è presente nei titoli di Tg1, Tg3, Tg5 e Tg La7 e nei servizi sugli altri. Molte le testimonianze sia dei profughi che dei volontari delle tante ong che si sono adoperate e che si adoperano perché questi disperati vengano trattati con rispetto e dignità. Tg3 e Tg La7 riprendono gli appelli di Frontex e Save the Children.

Il dietrofront della magistratura del Cairo che ha “posticipato a data da destinarsi” il vertice con la Procura di Roma fissato per questo giovedì, suscita grande sdegno e la rabbia di Tg La7, che sollecita un intervento duro della diplomazia italiana.

Tornando in Italia, ottimo l’approfondimento del Tg2 sulla piaga del caporalato che, nonostante le operazioni condotte, perdura nelle campagne del sud.

Segnaliamo il buon servizio di Studio Aperto e Tg4 che, nella giornata mondiale dedicata alla prevenzione dalle mine antiuomo, intervista l’unico artificiere donna in servizio attivo nell’esercito italiano.

L’annunciata nuova “versione”del Tg4, condotta da neo vicedirettore Alessandro Cecchi Paone, ha esordito con diversi cambiamenti sia nell’impostazione dei servizi che nel rapporto con la diretta. Forse è presto per giudicare, ma alcuni elementi (il minor numero di notizie affrontate in modo dialogico ed il limitato spazio alla cronaca) non ci sono dispiaciuti. Cecchi Paone ha dichiarato di voler “imitare” Fede e Mentana, proponendo un TG che in sostanza si identifica con il suo conduttore. In bocca al lupo, nella benevola consapevolezza che, comunque,sarebbe difficile peggiorare lo storico prodotto di Rete 4.

Altre opinioni dell'Autore
Giustizia

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo