Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

80, il “numero magico”

I Tg di martedì 5 aprile – Aperture una volta tanto differenziate: Renzi vs la Magistratura di Potenza (ma lui nega) per Tg3, Tg5 e TgLa7; il tema profughi, con la notizia del viaggio del Papa a Lespo il 15 aprile, su Tg1; i Panama papers per Tg2 e la vicenda Regeni per Studio Aperto. Sul “nuovo” Tg4 di Cecchi Paone stendiamo un velo pietoso, perché alla sua seconda serata l’apertura è dedicata al presunto scoop sulla morte del dirigente Mps Rossi, che non sarebbe stato un suicidio, bensì un omicidio. Peccato che il servizio non dica niente di nuovo e quasi niente in assoluto.

Tornando a Renzi, diffuso spazio per tutti alla “mezza promessa” del premier di estendere gli 80 euro anche ai pensionati al minimo, che in certa misura sposta l’attenzione dalle polemiche sul petrolio della Basilicata. Mediaset dà ampio risalto alle opposizioni, con Tg4 e Tg5 che seguono la fallita incursione di parlamentari M5S di Tempa Rossa e le indagini sul pericolo di contaminazioni ed inquinamento. I Tg Rai propongono la Boschi da Porta a Porta e le intercettazioni che riguardano l’ex ministra Guidi. Tg1 dà spazio a Lupi, per il quale le opposizioni appaiono unite solo nelle mozioni di sfiducia che presentano con frequenza quasi settimanale.

Sulla vicenda Regeni giungono oggi le dichiarazioni dure (e condivisibili) di Gentiloni: la ragion di stato, oltre che la sua dignità, impongono che il governo egiziano collabori concretamente, altrimenti l’Italia prenderà immediati provvedimenti. Soddisfazione di Tg4 e spazio su tutte le testate.

Come abbiamo detto Tg1 apre sulla decisione del Papa, che ha scelto di andare a Lesbo in una fase in cui molti paesi si auto-sigillano contro i profughi (vedi la militarizzazione dell’Austria al Brennero, titoli su Tg3, Tg5 e Tg La7); Tg3 propone una lettura della scelta del papa, che viene definita tutt’altro che improvvisata, bensì una esplicita risposta proprio alla cattolica Austria.

In attesa che si sappia qualcosa di più dei tanti (800) nomi italiani, i Panama Papers e le “prime teste che cadono” all’estero (vedi il premier islandese) affascinano un po’ tutti, così come tutti riprendono le dichiarazioni di Obama che lamenta che quasi sempre l’evasione e l’elusione fiscale, che ha agglutinato nelle società offshore 7.500 miliardi di valori, vengono vestite di abiti legali con la complicità del sistema finanziario globale.

Il settimo anniversario del terremoto de L’Aquila è doverosamente presente su molte testate, e in diversi servizi per la prima volta la città appare con il suo splendido centro storico almeno in parte rianimato. Tg2 ci regala una lunga intervista in diretta al sindaco Cialente. Un regalo, dicevamo, perché il primo cittadino appare sollevato e d ottimista.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica