L'opinione

Consulta – Cambio di schema?

30

I Tg di mercoledì 16 dicembre – Parlare di un “cambio di schema” per la vicenda della Consulta che proprio oggi ha visto (in tarda serata) l’elezione degli ultimi membri parlamentari, appare fuori luogo, visto che quello precedente che ha fatto cilecca nelle precedenti 31 votazioni a Camere riunite più che uno “schema” è apparso lo specchio di una politica ferma e inconcludente. Comunque la novità risolutiva rappresentata dall’accordo Pd-Cinque Stelle è apertura per i Tg Rai e per La7, mentre Mediaset appare tutt’altro che conquistata dalla soluzione tardiva di un importante passaggio istituzionale. Così a Cologno Monzese prevalgono l’ira di Berlusconi e i toni accesi degli scambio Brunetta-Renzi in Aula. Le dichiarazioni di Berlusconi all’immancabile presentazione ulteriore del libro di Vespa, presenti trasversalmente su tutte le testate, coniugano le tradizionali accuse di illegittimità del governo con le mozioni di sfiducia sulla vicende bancarie e l’ultimo “strappo” sulla Consulta. Il calor bianco negli scambi tra Renzi e Brunetta, ripreso come si trattasse di piccole videoclip soprattutto dai Tg Rai, regala ai teleutenti una rara manifestazione di scontro politico una volta tanto nei limiti della correttezza che, secondo i commento di Tg La7, avrebbero portato in serata alla decisione del “cambio di cavallo” per l’elezione dei 3 membri della Corte. Intanto si viene a sapere che venerdì alla Camera si voterà la sfiducia individuale alla Boschi, mentre il tormentone sul presunto conflitto d’interessi “made in Palazzo Chigi” proseguirà e si concluderà solo con il nuovo anno.
Uscendo dal copertile di casa, nei titoli di Tg1 e Tg La7 compare l’annuncio della svolta della Federal Reserve che dopo 9 anni aumenta il tasso di interesse che comporterà una svalutazione dell’euro e, come accenna Mentana, un possibile beneficio alle esportazioni delle merci europee. Intanto la Confindustria fa pace con se stessa e con le previsioni del governo , e dopo aver vaticinato a settembre un aumento del Pil dell’1%, lo fa scendere al più realistico 0,8.
Lo sciopero nazionale dei medici della sanità pubblica è presente, nei titoli o nei servizi, su tutte le testate e in apertura su Tg4 e Studio Aperto.
Tg3 torna ancora sulla vicenda profughi dell’Egeo (titolo) con le vittime delle ultime ore, ancora una volta anche minori. Studio Aperto e Tg3 riprendono inoltre e meritoriamente l’avvio dell’iniziativa di Sant’Egidio e delle Chiese Evangeliche italiane per la creazione di corridoi umanitari dal nord Africa e dal Medioriente. Forse un grado di indicare la strada più giusta per gli interventi dei paesi europei.
I 450 militari italiani che potrebbero assicurare la sicurezza all’impresa nazionale impegnata nella manutenzione della diga di Mosul, sono nei titoli per Tg5 e Tg La7, e nei servizi per le altre testate Rai.
Valutate voi le ragioni che hanno portato i 3 Tg Rai e La7 a mettere nei titoli e nei servizi la morte di Licio Gelli, nonché diverse ricostruzioni della piovra della P2, mentre su Mediaset ve ne è giusto una veloce menzione sul Tg5.
Infine segnaliamo che Tg2 (in onda dopo le 21 per la partita di calcio) fa gli auguri a Beppe Giulietti, eletto in giornata Presidente del sindacati dei giornalisti. Vivamente ci associamo.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione