Un calcio alla decenza e alla cultura

I Tg di giovedì 19 febbraio
Tutte le testate, con l’eccezione di Tg3, aprono con lo scempio nel centro di Roma ad opera degli holligans olandesi nella Capitale per un incontro di calcio. Per Tg4 e Studio Aperto questo è il piatto (quasi) unico di serata, con il secondo che addirittura anticipa l’edizione con una straordinaria.
A parte questi eccessi, per contrasto la scelta del Tg diretto da Bianca Berlinguer che ha dedicato, si, un titolo, ma affronta la cronaca dopo 20 minuti di edizione, ci è sembrata sbagliata. Le immagini trasmesse da tutti sono infatti eloquenti quanto avvilenti per la coscienza civile, e lo scempio della fontana della Barcaccia a Piazza di Spagna ad opera di (alcuni) civilissimi olandesi ha generato un servizio addirittura irato su Tg2, per il quale il rigore dei nord europei contrasta nettamente con l’ignoranza e l’idiozia universalmente diffuse, a nord come a sud.
Sempre a proposito di nord e sud, l’accettazione da parte di Tsipras delle condizioni della innominabile troika per ottenere una proroga dell’assistenza finanziaria per le disastrate casse greche (apertura per Tg3), rappresenta un esito prevedibile. Meno prevedibile è l’evidente contrasto, riportato dalle maggiori testate, in terra tedesca tra la disponibilità della Merkel e la chiusura di Shauble. All’incontro dei ministri finanziari convocato d’urgenza per domani si vedrà quale linea avrà il sopravvento.
L’Ocse che promuove le riforme di Renzi vede quantomeno rosa-pallido per il Paese, in contrasto con i dati odierni dell’Istat che parlano tra l’altro di una famiglia su 4 che vive in povertà e 2 milioni e mezzo di giovani tra i 15 e i 30 anni che non studiano e non lavorano. Attenzione diffusa, con tanto di slide e cifre, per quasi tutte le testate.
La politica continua a rimanere gradevolissimamente bassa; così il passaggio del milleproroghe con la fiducia è affrontato di striscio, così come il caos in Forza Italia, con i riflessi della ulteriore frattura tra Berlusconi e Fitto presenti su Rai e La7 ma, ovviamente, non su Mediaset. Divertente su Tg2 il siparietto di Romani che critica Brunetta per gli aggettivi (mostruose) con cui ha etichettato le riforme fino a ieri votate anche da Fi.
La Libia e l’Isis scendono nelle scalette, a testimonianza di una certa aleatorietà nella determinazione delle scalette. Poco spazio alla notizia del maggiore contributo europeo all’Italia per i profughi e dell’ampliamento dell’azione di Triton. Meglio poco che niente. Su Mediaset, visto che tutto fa brodo, c’è spazio per la provocazione di un gruppo di rom che si impadroniscono di un’auto della polizia e si divertono a fare caroselli intorno a un loro campo. La Rai ci spiega che quella non era una volante vera, ma una macchina di scena.
Attenzione su tutti per i funerali della neonata di Catania, e grande spazio agli audio avvilenti delle telefonate tra i medici della clinica e il 118 siciliano.
Anche Gino Paoli è presente su tutti, ma non per l’ultimo album ma per una presunta evasione fiscale legata all’esportazione di un paio di milioni nelle banche estere.
Tg1 e Tg2 meritoriamente ritornano sulla squallida vicenda già presente ieri relativa agli agenti penitenziari di un piccolo sindacato che sul web avevano gioito per il suicidio di un detenuto nel carcere di Opera. In 16 sono stati sospesi dal servizio. Almeno questo…
Alberto Baldazzi
Dati auditel dei Tg di mercoledì 18 febbraio 2015

Tg1 – ore 13:30 4.098.000, 22,65% ore 20:00 6.608.000, 25,15%.
Tg2 – ore 13:00 2.911.000,17,31 % ore 20:30 2.552.000, 9,07%.
Tg3 – ore 14:30 1.849.000, 11,03% ore 19:00 2.240.000, 11,12%.
Tg5 – ore 13:00 3.697.000, 21,80% ore 20:00 5.291.000, 19,91%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.005.000, 14,45% ore 18:30 1.050.000, 6,41%.
Tg4 – ore 11:30 555.000, 6,92% ore 18:55 813.000, 4,08%.
Tg La7 – ore 13:30 644.000, 3,56% ore 20:00 1.515.000, 5,73%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento