Osservatorio TG

Un calcio alla decenza e alla cultura

I Tg di giovedì 19 febbraio
Tutte le testate, con l’eccezione di Tg3, aprono con lo scempio nel centro di Roma ad opera degli holligans olandesi nella Capitale per un incontro di calcio. Per Tg4 e Studio Aperto questo è il piatto (quasi) unico di serata, con il secondo che addirittura anticipa l’edizione con una straordinaria.
A parte questi eccessi, per contrasto la scelta del Tg diretto da Bianca Berlinguer che ha dedicato, si, un titolo, ma affronta la cronaca dopo 20 minuti di edizione, ci è sembrata sbagliata. Le immagini trasmesse da tutti sono infatti eloquenti quanto avvilenti per la coscienza civile, e lo scempio della fontana della Barcaccia a Piazza di Spagna ad opera di (alcuni) civilissimi olandesi ha generato un servizio addirittura irato su Tg2, per il quale il rigore dei nord europei contrasta nettamente con l’ignoranza e l’idiozia universalmente diffuse, a nord come a sud.
Sempre a proposito di nord e sud, l’accettazione da parte di Tsipras delle condizioni della innominabile troika per ottenere una proroga dell’assistenza finanziaria per le disastrate casse greche (apertura per Tg3), rappresenta un esito prevedibile. Meno prevedibile è l’evidente contrasto, riportato dalle maggiori testate, in terra tedesca tra la disponibilità della Merkel e la chiusura di Shauble. All’incontro dei ministri finanziari convocato d’urgenza per domani si vedrà quale linea avrà il sopravvento.
L’Ocse che promuove le riforme di Renzi vede quantomeno rosa-pallido per il Paese, in contrasto con i dati odierni dell’Istat che parlano tra l’altro di una famiglia su 4 che vive in povertà e 2 milioni e mezzo di giovani tra i 15 e i 30 anni che non studiano e non lavorano. Attenzione diffusa, con tanto di slide e cifre, per quasi tutte le testate.
La politica continua a rimanere gradevolissimamente bassa; così il passaggio del milleproroghe con la fiducia è affrontato di striscio, così come il caos in Forza Italia, con i riflessi della ulteriore frattura tra Berlusconi e Fitto presenti su Rai e La7 ma, ovviamente, non su Mediaset. Divertente su Tg2 il siparietto di Romani che critica Brunetta per gli aggettivi (mostruose) con cui ha etichettato le riforme fino a ieri votate anche da Fi.
La Libia e l’Isis scendono nelle scalette, a testimonianza di una certa aleatorietà nella determinazione delle scalette. Poco spazio alla notizia del maggiore contributo europeo all’Italia per i profughi e dell’ampliamento dell’azione di Triton. Meglio poco che niente. Su Mediaset, visto che tutto fa brodo, c’è spazio per la provocazione di un gruppo di rom che si impadroniscono di un’auto della polizia e si divertono a fare caroselli intorno a un loro campo. La Rai ci spiega che quella non era una volante vera, ma una macchina di scena.
Attenzione su tutti per i funerali della neonata di Catania, e grande spazio agli audio avvilenti delle telefonate tra i medici della clinica e il 118 siciliano.
Anche Gino Paoli è presente su tutti, ma non per l’ultimo album ma per una presunta evasione fiscale legata all’esportazione di un paio di milioni nelle banche estere.
Tg1 e Tg2 meritoriamente ritornano sulla squallida vicenda già presente ieri relativa agli agenti penitenziari di un piccolo sindacato che sul web avevano gioito per il suicidio di un detenuto nel carcere di Opera. In 16 sono stati sospesi dal servizio. Almeno questo…
Alberto Baldazzi
Dati auditel dei Tg di mercoledì 18 febbraio 2015

Tg1 – ore 13:30 4.098.000, 22,65% ore 20:00 6.608.000, 25,15%.
Tg2 – ore 13:00 2.911.000,17,31 % ore 20:30 2.552.000, 9,07%.
Tg3 – ore 14:30 1.849.000, 11,03% ore 19:00 2.240.000, 11,12%.
Tg5 – ore 13:00 3.697.000, 21,80% ore 20:00 5.291.000, 19,91%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.005.000, 14,45% ore 18:30 1.050.000, 6,41%.
Tg4 – ore 11:30 555.000, 6,92% ore 18:55 813.000, 4,08%.
Tg La7 – ore 13:30 644.000, 3,56% ore 20:00 1.515.000, 5,73%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa