Aspettando il Senato

senato

L’addio dei senatori “Popolari per l’Italia” Mario Mauro e di Tito Di Maggio dalla maggioranza lascia indifferente il governo. “Da tempo non li contavamo più nel pallottoliere”, spiegano fonti dem. Altro discorso è, invece, il braccio di ferro che l’esito delle regionali ha accentuato dentro il Pd: i bersaniani, che ieri con Pierluigi Bersani e Roberto Speranza, hanno fatto il punto a pranzo, hanno deciso di aspettare al varco Matteo Renzi sulla riforma della scuola ma l’input, che emerge dal silenzio di questi giorni, è che sulla “Buona scuola” si va avanti senza stravolgere la filosofia della riforma. Il premier non ha alcuna intenzione di farsi dettare tempi e temi dell’agenda dalla sinistra interna. I renziani aspettano il chiarimento nella direzione di lunedì 8 giugno convinti che il premier dirà una parola definitiva sull’atteggiamento della minoranza del partito, pronta alla guerriglia in Senato, dove il Governo può contare su una manciata di voti. Intanto si sta abbattendo sulla politica la raffica di 44 arresti connessi al secondo filone di indagini su “Mafia capitale. Coinvolti personaggi vicini a centrodestra e centrosinistra.

Durante la mattinata il Senato porterà avanti l’esame dei disegni di legge relative all’abrogazione dell’articolo 278 del codice penale in materia di offese all’onore o al prestigio del Presidente della Repubblica. Nel pomeriggio il governo si presenterà in aula per rispondere ad alcune interpellanze ed interrogazioni. Il capo della Polizia e il comandante generale della Guardia di Finanza saranno auditi dalla commissione Affari costituzionali nell’ambito di un’indagine conoscitiva sui temi dell’immigrazione. La commissione Finanze inizierà l’esame della proposta di regolamento europeo sullo scambio obbligatorio di informazioni nel settore fiscale. La commissione Lavori pubblici continuerà a confrontarsi sulle proposte di riforma del sistema radiotelevisivo e sulla legge delega relativa al recepimento di alcune direttive europee in materia di appalti e concessioni pubbliche. La commissione Industria e la commissione Ambiente proseguiranno l’esame del “Pacchetto Unione dell’energia”. La proposta di relazione conclusiva dell’indagine conoscitiva sullo stato e sulle prospettive del Servizio sanitario nazionale, nell’ottica della sostenibilità del sistema e della garanzia dei principi di universalità, solidarietà ed equità, sarà sottoposta all’attenzione della commissione Sanità. Nel pomeriggio l’iter del collegato ambientale proseguirà in commissione Ambiente.

La Camera riprenderà l’esame delle mozioni concernenti iniziative a favore della Sardegna e interventi urgenti in relazione all’emergenza fitosanitaria, causata dal batterio Xylella fastidiosa, che ha colpito gli alberi di ulivo in Salento. La commissione Affari costituzionali porterà avanti l’esame del disegno di legge delega sulla riforma delle Pubbliche amministrazioni e, in Comitato ristretto, delle proposte di legge per il contrasto del conflitto di interessi. La commissione Finanze e la commissione Attività produttive audiranno i rappresentanti di Cgil, Cisl, Uil e Ugl nell’ambito dell’esame della legge annuale sul mercato e la concorrenza. La commissione Ambiente analizzerà lo schema di decreto legislativo recante disposizioni correttive ed integrative al decreto legislativo 13 marzo 2013, n. 30 al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra; successivamente inizierà l’esame della proposta di legge di Federica Daga (M5S) sui “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico, nonché delega al Governo per l’adozione di tributi destinati al suo finanziamento”. Nel corso della giornata, insieme alla commissione Attività produttive, sarà portato avanti il dibattito sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose. Lo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva Ue che istituisce uno spazio ferroviario europeo unico continuerà a essere al centro della convocazione della commissione Trasporti. Durante la mattinata il governo si presenterà in commissione Attività produttive per rispondere a un’interrogazione relativa all’introduzione di una normativa quadro sulla geotermia e a un altro atto di sindacato ispettivo sui controlli del GSE sugli impianti in esercizio e in costruzione. L’indagine conoscitiva sulle malattie rare della commissione Affari sociali proseguirà con il seguito dell’audizione dei rappresentanti della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento