Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Disagio e razzismo

I Tg di giovedì 28 maggio – I Tg di serata svelano un Paese attraversato da un disagio reale che prende purtroppo le forme del classico razzismo. Quelli Mediaset dedicano l’apertura e lunghi servizi alla macchina impazzita guidata da rom che ieri sera ha fatto una vittime e 8 feriti nella periferia nord-est della Capitale. Quasi metà edizione per Studio Aperto e Tg4, condite da innumerevoli interviste a cittadini che inequivocabilmente attaccano la presenza e l’esistenza stessa dei rom nella città. Chi conosce il mestiere del giornalista sa a cosa si va incontro offrendo il microfono a cittadini traumatizzati da un fatto di cronaca agghiacciante che avviene sotto le finestre di casa, laddove figli o familiari stanno magari tornando dal lavoro con il rischio di essere falciati dal pirata della strada. Se poi il pirata, come in questo caso, è uno straniero, un rom, quello che si ottiene è più che prevedibile, e l’omicidio stradale diventa carburante per l’odio razziale. I giornalisti dei Tg lo sanno, e fanno di tutto proprio per avvalorare uno degli slogan più virulenti e paganti della destra leghista. Salvini ribadisce che bisogna utilizzare le ruspe, andando incontro e fomentando la più istintiva e brutale delle reazioni. All’interno dei servizi quasi involontariamente trovano spazio elementi meno aggressivi, quando a parlare sono i familiari dei rom assassini come la madre di uno degli occupanti e moglie del guidatore. I parenti dell’assassino chiedono scusa e manifestano intera la loro debolezza strutturale, in un contesto di degrado che è da addebitare a responsabilità delle comunità rom quanto all’assenza di politiche d’integrazione. Le risorse ci sono e sono abbondantemente spese, anzi sprecate; manca una visione d’insieme e forse, la volontà stessa di intervenire. Tg5 intervista un anziano che confessa di essere l’autore della strage, raggiunto dai giornalisti prima che dalla polizia. Sulle altre testate l’attenzione è forte, ma i toni più accorti. Su Tg3 una delle intervistate riesce a sussurrare che la punizione dell’omicida non deve abbinarsi all’odio etnico: posizione, ahinoi, purtroppo minoritaria.

Per TgLa7 – che posiziona la vicenda dei rom nella seconda metà dell’edizione – la notizia del giorno e, quindi, l’ apertura è la visita di Renzi a Melfi, alla corte di Marchionne, preferita alla presenza all’assemblea confindustriale di Milano. Uni “sgarro” che non deve aver lasciato segni più di tanto, dato che Tg3 ci fa ascoltare il passo dall’intervento di Squinzi in cui il Presidente degli industriali sottolinea che nulla ha da chiedere al governo, se non che la prosecuzione della politica delle riforme.

La campagna elettorale pretende e ottiene il quotidiano tributo di forzature; soprattutto su Mediaset va in onda in tutte le salse un Berlusconi che, giocando in casa, viene servito e riverito come in un negozio di barbiere. Sintomatiche le domande dell’intervistatore su Tg4, che qui vi riproponiamo: 1) I risultati delle regionali saranno decise all’ultimo voto…..; 2) Perché il governo Renzi ce l’ha tanto con i pensionati? No comment. Anche su Tg1 compare un’intervista all’acqua di rose al capo di Forza Italia che, però, confrontata con quella di Tg4 appare un capolavoro giornalistico. Le polemiche sugli impresentabili e intorno alla candidatura di De Luca in Campania completano la pagina di politica sulle maggiori testate.

I Tg aprono sullo scandalo del calcio mondiale, presente con ampi servizi anche sulle altre testate. Per Mentana doppio titolo e sottolineatura del braccio di ferro a distanza tra Usa e Russia. Blatter è per tutti in un angolo, ma la speranza di Platini di liberarsene nelle prossime ore potrebbe diventare un illusione, scontrandosi con il sistema di potere consolidati da più di 20 anni.

Il barometro della crisi greca che fini a 2 giorni fa indicava “miglioramento” oggi volge al brutto. “Grexit” (titolo Tg5) rischia di diventare un neologismo in voga da qui al redde rationem di giugno.

Dati auditel dei Tg di mercoledì 27 maggio 2015

Schermata 2015-05-29 alle 01.53.21

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare