Doppio fallo: Grillo e il Noe

I Tg di lunedì 10 aprile – La manomissione di alcune intercettazioni relative all’indagine Consip, ampiamente diffuse dalla stampa ed aventi per oggetto il padre dell’ex premier Renzi, raccolgono le aperture di Tg La7 e tutte le testate Rai. L’ipotesi che un carabiniere del Noe, il capitano Scarfato, abbia manipolato le intercettazioni ambientali, facendo risultare come detta dall’imprenditore Alfredo Romeo una frase che provava un suo incontro con Tiziano Renzi (l’audio sarebbe stato invece di Italo Bocchino), avvalorando così una linea d’indagine mirata a tirare in ballo anche l’allora premier come complice del tentativo di insabbiare il tutto, è un fatto di prima gravità, anche se nei servizi si fatica a trovare il nostro ragionamento esposto esplicitamente. Tutte le testate riprendono il commento del l’ex premier Renzi: “La verità alla fine viene a galla”, mentre Mentana sintetizza a chiusura del servizio il pensiero di tutti: si chiarisca fino a che punto questa manipolazione sia stata accidentale, e si diano risposte all’opinione pubblica.

Sempre in merito a questo “colpo di scena” all’interno dell’inchiesta Consip, va segnalato che se Tg5 vi dedica un certo spazio, su Studio Aperto risulta non pervenuto. Fa poi sorridere che Tg4, pur avendola nei titoli, dopo i tanti servizi dedicati nei mesi scorsi al coinvolgimento del familiare dell’ex premier, se la cava stasera in con una quindicina di secondi da studio.

A seguire sulle testate Rai e La7 è lo scontro tra Marika Cassimatis ed il gotha di M5S; secondo titolo anche per Tg5. Ad alternarsi nei servizi i giudizi politici bipartisan sulla farraginosità democratica del movimento, con Grillo che dopo che il Tribunale di Genova ha accolto il ricorso della candidata da lui “scomunicata”, continua dal blog a negarle il simbolo, con il rischio che i Cinque Stelle finiscano per non potersi presentare nella città natale del comico. Il commento della Cassamatis: “Fidarsi di Grillo non Fa giurisprudenza”.

Ma è la cronaca a tener banco stasera sulle testate Mediaset, che aprono tutte sulle ricerche dell’assassino di Budrio, Igor Vlacavic, in fuga da ormai 9 giorni per le campagne del ferrarese. La caccia all’uomo, che vede ormai coinvolti oltre mille operatori della sicurezza provenienti da tutta Italia, è una storiaccia d’altri tempi che attrae anche il Servizio Pubblico e La7 (titolo basso e servizio a fine edizione per tutti). Sulle testate Mediaset minori trova il suo trionfo: tre titoli per Studio Aperto, mentre il Tg4 vi dedica almeno i due terzi dell’edizione. Abbiamo poi teso l’orecchio al linguaggio usato dal Tg di Mario Giordano, che negli scorsi giorni ha giocato con la personalità del fuggitivo pluriomicida, passato dal “killer dai mille volti” al “mostro”, o più semplicemente etichettato “la belva”.

L’imminente approvazione del DEF viene trattata sui Tg Rai e quelli delle 20 a metà edizione (titoli per i Tg Rai e La7), con Tg1 che si interessa più degli altri della manovra correttiva richiesta dalla Commissione Europea.

Per gli esteri, le nuove mosse dell’amministrazione americana sui fronti caldi di Siria e Corea del Nord si accompagnano alle ulteriori misure di sicurezza intraprese dall’Egitto, che sarà meta del pellegrinaggio di Papa Francesco subito dopo Pasqua, con il Presidente El Sisi che annuncia uno stato di emergenza per 3 mesi (titoli per Tg3 ed i Tg delle 20). Le straight di cristiano copti di ieri sono riprese trasversalmente attraverso le interviste a cittadini egiziani quasi assuefatti alla violentadi integralista che miete così tante vittime. Segnaliamo infine l’attenzione di Tg5 ad alcune dichiarazioni della Le Pen in odore chiaramente negazionista (titolo) Sui crimini francesi contro gli ebrei durante il regime di Vichy.

In chiusura su molte testate la morte dell’armatore Carlo Riva, creatore degli indimenticabili motoscafi famosi in tutto il mondo, vero oggetto di culto dei vip a partire dagli anni 50.

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer