L'opinione

Stoccolma – Scalette obbligate

91

I Tg di venerdì 7 aprile – Gli avvenimenti delle ultime 18 ore, dal bombardamento notturno USA alla base aerei di Assad all’attentato pomeridiano al contro di Stoccolma, dominano ovviamente l’informazione di serata. C’è concitazione e inevitabilmente una certa approssimazione nelle cronache che annaspano dietro gli evento e i commenti. Fa eccezione Tg2 che riesce a sfornare un prodotto molto ordinato e strutturato, non solo “succube” degli evento. 18 minuti in apertura su Stoccolma seguito da una decine di minuti su Trump e le reazioni internazionali. Per concludere piccolo spazio ai decreti attuativi della “buona scuola riformata”. TgLa7 – con il consueta tempismo – fa in tempo ad accennare al probabile arresto dell’attentatore di Stoccolma, notizia che viene confermata e precisata da Tg2, grazie alla mezz’ora di vantaggio.

Perché è stata colpita Stoccolma, dopo Nizza, Berlino e Londra? La domanda aleggia su tutte le testate, ma solo Tg2 propone una iniziale risposta, ricostruendo le specificità e i limiti di una delle società europee più aperte sul tema integrazione. Interessante la segnalazione dell’impossibilità di censire la fede religiosa degli immigrati, dato che in Svezia è vietato registrare gli orientamenti personali dei cittadini.

Passando alla repentina decisione di Trump di “mollare” l’alleato Putin nel quadrante siriano, tutte le testate registrano i salti nella politica della Casa Bianca, e sarebbe tropo chiedere ai Tg una capacità di analisi che manca ai più accreditati analisti. Limes (Caracciolo) è chiamato in campo da Tg1, mentre Parsi accenna qualche interpretazione su Tg3. Sui Tg Mediaset non si lesina un certo plauso a Trump, nella nuova dimensione di “sheriffs del deserto”. Passando dal quadrante internazionale al quadretto nostrano, la sfilata dei commenti della politica risulta alquanto imbarazzante. Mentana sorride nel segnalare gli scompaginamenti tra i tradizionali trumpisti e anti trumpisti. L’approvazione del governo italiano per bocca di Gentiloni è presente su tutti. Salvini appare “deluso”. Cinque Stelle e’ contrario, ma se la prende più con Gentiloni che con Trump.

Per le altre notizie non c’e’ in pratica spazio, ma Rai e La7 colgono comunque l’importanza per milioni di cittadini delle nuova regole della buona scuola-bis.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo