L'opinione

Stoccolma – Scalette obbligate

95

I Tg di venerdì 7 aprile – Gli avvenimenti delle ultime 18 ore, dal bombardamento notturno USA alla base aerei di Assad all’attentato pomeridiano al contro di Stoccolma, dominano ovviamente l’informazione di serata. C’è concitazione e inevitabilmente una certa approssimazione nelle cronache che annaspano dietro gli evento e i commenti. Fa eccezione Tg2 che riesce a sfornare un prodotto molto ordinato e strutturato, non solo “succube” degli evento. 18 minuti in apertura su Stoccolma seguito da una decine di minuti su Trump e le reazioni internazionali. Per concludere piccolo spazio ai decreti attuativi della “buona scuola riformata”. TgLa7 – con il consueta tempismo – fa in tempo ad accennare al probabile arresto dell’attentatore di Stoccolma, notizia che viene confermata e precisata da Tg2, grazie alla mezz’ora di vantaggio.

Perché è stata colpita Stoccolma, dopo Nizza, Berlino e Londra? La domanda aleggia su tutte le testate, ma solo Tg2 propone una iniziale risposta, ricostruendo le specificità e i limiti di una delle società europee più aperte sul tema integrazione. Interessante la segnalazione dell’impossibilità di censire la fede religiosa degli immigrati, dato che in Svezia è vietato registrare gli orientamenti personali dei cittadini.

Passando alla repentina decisione di Trump di “mollare” l’alleato Putin nel quadrante siriano, tutte le testate registrano i salti nella politica della Casa Bianca, e sarebbe tropo chiedere ai Tg una capacità di analisi che manca ai più accreditati analisti. Limes (Caracciolo) è chiamato in campo da Tg1, mentre Parsi accenna qualche interpretazione su Tg3. Sui Tg Mediaset non si lesina un certo plauso a Trump, nella nuova dimensione di “sheriffs del deserto”. Passando dal quadrante internazionale al quadretto nostrano, la sfilata dei commenti della politica risulta alquanto imbarazzante. Mentana sorride nel segnalare gli scompaginamenti tra i tradizionali trumpisti e anti trumpisti. L’approvazione del governo italiano per bocca di Gentiloni è presente su tutti. Salvini appare “deluso”. Cinque Stelle e’ contrario, ma se la prende più con Gentiloni che con Trump.

Per le altre notizie non c’e’ in pratica spazio, ma Rai e La7 colgono comunque l’importanza per milioni di cittadini delle nuova regole della buona scuola-bis.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata