L'opinione

Stoccolma – Scalette obbligate

91

I Tg di venerdì 7 aprile – Gli avvenimenti delle ultime 18 ore, dal bombardamento notturno USA alla base aerei di Assad all’attentato pomeridiano al contro di Stoccolma, dominano ovviamente l’informazione di serata. C’è concitazione e inevitabilmente una certa approssimazione nelle cronache che annaspano dietro gli evento e i commenti. Fa eccezione Tg2 che riesce a sfornare un prodotto molto ordinato e strutturato, non solo “succube” degli evento. 18 minuti in apertura su Stoccolma seguito da una decine di minuti su Trump e le reazioni internazionali. Per concludere piccolo spazio ai decreti attuativi della “buona scuola riformata”. TgLa7 – con il consueta tempismo – fa in tempo ad accennare al probabile arresto dell’attentatore di Stoccolma, notizia che viene confermata e precisata da Tg2, grazie alla mezz’ora di vantaggio.

Perché è stata colpita Stoccolma, dopo Nizza, Berlino e Londra? La domanda aleggia su tutte le testate, ma solo Tg2 propone una iniziale risposta, ricostruendo le specificità e i limiti di una delle società europee più aperte sul tema integrazione. Interessante la segnalazione dell’impossibilità di censire la fede religiosa degli immigrati, dato che in Svezia è vietato registrare gli orientamenti personali dei cittadini.

Passando alla repentina decisione di Trump di “mollare” l’alleato Putin nel quadrante siriano, tutte le testate registrano i salti nella politica della Casa Bianca, e sarebbe tropo chiedere ai Tg una capacità di analisi che manca ai più accreditati analisti. Limes (Caracciolo) è chiamato in campo da Tg1, mentre Parsi accenna qualche interpretazione su Tg3. Sui Tg Mediaset non si lesina un certo plauso a Trump, nella nuova dimensione di “sheriffs del deserto”. Passando dal quadrante internazionale al quadretto nostrano, la sfilata dei commenti della politica risulta alquanto imbarazzante. Mentana sorride nel segnalare gli scompaginamenti tra i tradizionali trumpisti e anti trumpisti. L’approvazione del governo italiano per bocca di Gentiloni è presente su tutti. Salvini appare “deluso”. Cinque Stelle e’ contrario, ma se la prende più con Gentiloni che con Trump.

Per le altre notizie non c’e’ in pratica spazio, ma Rai e La7 colgono comunque l’importanza per milioni di cittadini delle nuova regole della buona scuola-bis.

Altre opinioni dell'Autore
Attualità

Migrazioni, le “false” tesi che diffondono odio e repulsione

Molte tesi riguardanti le migrazioni internazionali spesso usano la demografia per spiegare l’origine dei flussi migratori e giustificare politiche finalizzate più alla...
di Marco Omizzolo
Economia

Infrastrutture, trasporti e logistica: nasce l’Osservatorio dell’Eurispes

Nel quadro delle attività istituzionali, l’Eurispes ha dato vita a un Osservatorio permanente su Infrastrutture, Trasporti e Logistica e ne ha affidato la Presidenza a Luca Danese
di redazione
Criminalità e contrasto

Terrorismo, l’enciclopedia kolossal che racconta la storia buia dell’Italia

Il fenomeno del terrorismo, raccontato in tutte le sue declinazioni ed estensioni, dal punto di vista storico, sociologico, religioso, economico, politico, criminale e giuridico. Ecco l'Enciclopedia "kolossal"
di Fabio Iadeluca
Recensioni

Glaucoma, il libro sulla malattia. Nino Castelnuovo “testimonial”

Il glaucoma colpisce in Italia oltre un mln di persone. Il libro "Glaucoma: Apriamo gli occhi sulla malattia" tocca tutti gli aspetti della patologia, dall’impatto psico-sociale a quello socioeconomico
di redazione
Politica

Un Paese senza leader. «Sovranismo e populismo non dureranno»

Il mix di sovranismo e populismo che governa l’Italia non è destinato a durare. Lo sostiene Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera e autore di Un Paese senza leader. L'intervista
di Massimiliano Cannata
Politica

“Burocrate a chi? Ci condiziona la politica, ecco come uscirne”

Sulla carta è così: il ministro fissa gli obiettivi e il dirigente pubblico è responsabile della gestione e dei risultati, con tanto...
di Corrado Giustiniani
Cultura & Turismo

Carabinieri custodi della bellezza. Il Belpaese nel Calendario 2019

Carabinieri custodi della bellezza: il Calendario 2019 si ispira ai valori secolari dell'Arma e alla protezione dei beni culturali, in particolare a quelli riconosciuti patrimonio dell'Unesco.
di Emma Evangelista
Intervista

Il web annichilisce la politica. «Il populismo rende grottesca la realtà»

Fabrizio Di Marzio «Oggi la società della comunicazione, del web e dei Social media prevale sulla politica e condiziona la democrazia. Il populismo? Un modo infantile e pericoloso di leggere la realtà».
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Sesso come “esercizio ginnico”: il vero tabù è il sentimento

Sesso slegato dai sentimenti, diventa esercizio ginnico e sfogo. I tabù del sesso sono sdoganati ma la verà difficoltà è proprio parlare della propria interiorità. I dati del rapporto Eurispes “Giovani e Sesso”
di Diego Sambucini
Il punto

Il turismo serve ma non paga. Un bel paradosso italiano

Uno spettro si aggira per l’Italia: è il turista. Ne perlustra le città d’arte, enclave di bellezza dovute all’opera dei nostri illuminati...
di Alberto Mattiacci