L'opinione

Stoccolma – Scalette obbligate

97

I Tg di venerdì 7 aprile – Gli avvenimenti delle ultime 18 ore, dal bombardamento notturno USA alla base aerei di Assad all’attentato pomeridiano al contro di Stoccolma, dominano ovviamente l’informazione di serata. C’è concitazione e inevitabilmente una certa approssimazione nelle cronache che annaspano dietro gli evento e i commenti. Fa eccezione Tg2 che riesce a sfornare un prodotto molto ordinato e strutturato, non solo “succube” degli evento. 18 minuti in apertura su Stoccolma seguito da una decine di minuti su Trump e le reazioni internazionali. Per concludere piccolo spazio ai decreti attuativi della “buona scuola riformata”. TgLa7 – con il consueta tempismo – fa in tempo ad accennare al probabile arresto dell’attentatore di Stoccolma, notizia che viene confermata e precisata da Tg2, grazie alla mezz’ora di vantaggio.

Perché è stata colpita Stoccolma, dopo Nizza, Berlino e Londra? La domanda aleggia su tutte le testate, ma solo Tg2 propone una iniziale risposta, ricostruendo le specificità e i limiti di una delle società europee più aperte sul tema integrazione. Interessante la segnalazione dell’impossibilità di censire la fede religiosa degli immigrati, dato che in Svezia è vietato registrare gli orientamenti personali dei cittadini.

Passando alla repentina decisione di Trump di “mollare” l’alleato Putin nel quadrante siriano, tutte le testate registrano i salti nella politica della Casa Bianca, e sarebbe tropo chiedere ai Tg una capacità di analisi che manca ai più accreditati analisti. Limes (Caracciolo) è chiamato in campo da Tg1, mentre Parsi accenna qualche interpretazione su Tg3. Sui Tg Mediaset non si lesina un certo plauso a Trump, nella nuova dimensione di “sheriffs del deserto”. Passando dal quadrante internazionale al quadretto nostrano, la sfilata dei commenti della politica risulta alquanto imbarazzante. Mentana sorride nel segnalare gli scompaginamenti tra i tradizionali trumpisti e anti trumpisti. L’approvazione del governo italiano per bocca di Gentiloni è presente su tutti. Salvini appare “deluso”. Cinque Stelle e’ contrario, ma se la prende più con Gentiloni che con Trump.

Per le altre notizie non c’e’ in pratica spazio, ma Rai e La7 colgono comunque l’importanza per milioni di cittadini delle nuova regole della buona scuola-bis.

Altre opinioni dell'Autore
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot