Dura lex, sed lex

I Tg di martedì 30 maggio – Dopo tante ritrosie e inenarrabili ritardi e dilazioni, la legge elettorale sembra cosa fatta, e i Tg ne prendono atto aprendo in 5 casi su 7 sull’accordo blindato tra Berlusconi, Grillo e Renzi. I più felici sono quelli Mediaset (apertura per tutti), forse perché in politica ad essere assolutamente felice, senza se e senza ma, è proprio Berlusconi. I Tg Rai si dividono: Tg1 apre sull’accordo, mentre Tg2 e Tg3 mettono la legge elettorale in seconda posizione, più attenti ai rumors che investono il destino del governo Gentiloni. Su questo (e non solo) il Partito Democratico per fare una cosa nuova si divide, ma non à una “notizia”. Il voto tra settembre e ottobre è oramai una certezza per tutti, analisti e Tg, e scaramanticamente il sobrio Gentiloni (ripreso soprattutto da Rai e La7) batte un colpo confermando che il governo è “nel pieno dei suoi poteri” e intende rispettare gli impegni e le scadenze. Oltre a piacere a Berlusconi e a dispiacere ad Alfano, la nuova legge di impianto proporzionale non sembra esaltare Renzi, che la considera un male minore, vista l’impossibilità di strappare qualcos’altro. Dura lex, sed lex.

Per gli esteri il braccio di ferro transatlantico anima ancora i commenti, e tra Berlino e Washington nessuno sembra disposto a deporre le armi. Titolo solo per Tg1, mentre maggiore spazio ottiene l’Inghilterra sia per il dopo-Manchester che per l’avvicinarsi del voto politico con il Labour meno lontano nei sondaggi dal Partito della May (titoli per La7,Tg5, Tg2).

La cronaca dedica ampi spazi al neonato abbandonato morente a Torino (copertina per Tg5 e titolo per Tg2, Tg5, Tg4), e all’omicidio del 15enne di Mileto che spara al 16enne per questione, sembra di “cuore”. Titoli si Tg1, Tg4, Tg5 e TgLa7.

L’Ilva alla vigilia della privatizzazione rianima il dibattito sindacale per gli annunciati esuberi da entrambe le cordate concorrenti. Spazio ampio e titoli per La7, Tg1 e Tg5.

Concludiamo segnalando un Tg3 dedicato in parte consistente ai temi dell’immigrazione, dei profughi, dell’accoglienza e dell’integrazione. Una sorta di speciale “non dichiarato”, ma comunque assolutamente interessante. Sempre Tg3 ci regala serenità ricordandoci che quando guidiamo per strada rischiamo di incocciare con 3 milioni di vetture che in Italia girano senza assicurazione.

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento