Osservatorio TG

Dura lex, sed lex

I Tg di martedì 30 maggio – Dopo tante ritrosie e inenarrabili ritardi e dilazioni, la legge elettorale sembra cosa fatta, e i Tg ne prendono atto aprendo in 5 casi su 7 sull’accordo blindato tra Berlusconi, Grillo e Renzi. I più felici sono quelli Mediaset (apertura per tutti), forse perché in politica ad essere assolutamente felice, senza se e senza ma, è proprio Berlusconi. I Tg Rai si dividono: Tg1 apre sull’accordo, mentre Tg2 e Tg3 mettono la legge elettorale in seconda posizione, più attenti ai rumors che investono il destino del governo Gentiloni. Su questo (e non solo) il Partito Democratico per fare una cosa nuova si divide, ma non à una “notizia”. Il voto tra settembre e ottobre è oramai una certezza per tutti, analisti e Tg, e scaramanticamente il sobrio Gentiloni (ripreso soprattutto da Rai e La7) batte un colpo confermando che il governo è “nel pieno dei suoi poteri” e intende rispettare gli impegni e le scadenze. Oltre a piacere a Berlusconi e a dispiacere ad Alfano, la nuova legge di impianto proporzionale non sembra esaltare Renzi, che la considera un male minore, vista l’impossibilità di strappare qualcos’altro. Dura lex, sed lex.

Per gli esteri il braccio di ferro transatlantico anima ancora i commenti, e tra Berlino e Washington nessuno sembra disposto a deporre le armi. Titolo solo per Tg1, mentre maggiore spazio ottiene l’Inghilterra sia per il dopo-Manchester che per l’avvicinarsi del voto politico con il Labour meno lontano nei sondaggi dal Partito della May (titoli per La7,Tg5, Tg2).

La cronaca dedica ampi spazi al neonato abbandonato morente a Torino (copertina per Tg5 e titolo per Tg2, Tg5, Tg4), e all’omicidio del 15enne di Mileto che spara al 16enne per questione, sembra di “cuore”. Titoli si Tg1, Tg4, Tg5 e TgLa7.

L’Ilva alla vigilia della privatizzazione rianima il dibattito sindacale per gli annunciati esuberi da entrambe le cordate concorrenti. Spazio ampio e titoli per La7, Tg1 e Tg5.

Concludiamo segnalando un Tg3 dedicato in parte consistente ai temi dell’immigrazione, dei profughi, dell’accoglienza e dell’integrazione. Una sorta di speciale “non dichiarato”, ma comunque assolutamente interessante. Sempre Tg3 ci regala serenità ricordandoci che quando guidiamo per strada rischiamo di incocciare con 3 milioni di vetture che in Italia girano senza assicurazione.

 

Ultime notizie
Italia

L’elezione del Presidente della Repubblica. Una questione di Costituzione

La prossima scadenza del settennato dell’attuale Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e le elezioni per la nomina del suo successore sono l’occasione per un approfondimento di tale importante figura costituzionale, che l’articolo 87 della Costituzione definisce “Capo dello Stato, che garantisce l’unità nazionale”.
di Vincenzo Macrì
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso