Gioco al massacro

I Tg di giovedì 29 ottobre – Ancora una volta, inevitabilmente, non solo i primi titoli e le aperture, ma parte consistente delle edizioni di serata è dedicata ad uno scontro in atto sotto le mura del Campidoglio. Una serie di contrapposizioni di cui è difficile delineare le ragioni, e, soprattutto gli obiettivi. Per Mentana “Qualcuno pagherà cara questa vicenda”. Per tutti è oramai evidente che il perimetro del conflitto è interamente all’interno del PD. Il “marziano” Marino con il ritiro delle sue dimissioni non punta – è evidente – a rimanere in sella al Comune di Roma. Suo obiettivo è dimostrare che alle sciagure provocate da mafia e corruzione si sono aggiunte le responsabilità e le contraddizioni sue e del suo partito: muoia Sansone con tutti i Filistei. In queste ore i Tg inseguono le possibili imminenti mosse: dimissioni in contemporanea di 26 consiglieri, sfiducia in Aula a Marino, ricerca di voti della destra per sloggiare il Sindaco entro le prossime ore. Per Tg La7 e Tg2 i calcoli, al momento, non tornerebbero. Più “ottimisti” Tg1 e Tg3, mentre Mediaset ostenta il doppio scalpo del Sindaco abbattuto e del suo partito suicida.
In una serata in cui non mancano, come vedremo, le notizie, un’altra “lotta in famiglia” ottiene spazio nelle scalette. Il duro scambio tra Cantone e l’ANM è secondo titolo per Tg1, Tg2 e Tg La7. Anche in questo caso c’è da chiedersi “cui prodest”.
Dicevamo delle tante notizie: la quotidiana (o quasi) vicenda di tangenti e corruzione porta nei titoli la Sicilia e addirittura il presidente di Rete Ferroviaria Italiana: qualche ordinaria d’azione di alcune centinaia di migliaia di euro per garantire appalti ad imprenditori che le registravano sul libro, come se si trattasse di ordinaria contabilità.
La Sicilia ottiene un “enplein” di attenzione anche per l’inqualificabile vicenda di una città di 250 mila abitanti – Messina – da cinque giorni senza acqua per l’acquedotto ceduto sotto una frana, mentre l’acqua dal cielo preannuncia nuove emergenze idrogeologiche. Su questo Tg esaurienti, e, inevitabilmente, quasi in fotocopia, con quelli Mediaset che sottolineano le proteste di Vip, quali Fiorello.
La diciassettenne che – si scopre oggi – avrebbe ucciso a Reggio Calabria la madre che le vietava di utilizzare telefonino e internet è una di quelle notizie di cronaca che oggettivamente deve far riflettere. Ampio spazio sulle tre testate Mediaset, ma anche sulla Rai. Lo stesso vale per la denuncia dei genitori affidatari di una bambina malata di aids che non viene accolta dalla scuola pubblica del casertano. Tg4 e Studio Aperto leggono l’integrale della lettera inviata al Ministro della Pubblica Istruzione, mentre Tg1 fa rispondere la Ministra Giannini, che assicura per un verso che la bimba andrà a scuola, e per l’altro che chi ha sbagliato pagherà. Anche Tg2 affronta il caso e propone l’amaro commento del Direttore de L’Avvenire.
Sarà forse perché non oggetto di polemiche dirette domestiche, ma l’emergenza sempre più disperante ai confini tra Croazia, Slovenia e anche Austria, cui si aggiunge l’ennesimo naufragio di profughi in Grecia con decine di morti e dispersi, ottengono copertura diffusa e corretta su tutte le testate. Sempre per gli esteri, l’attenzione alle imminenti elezioni in Turchia, dove è in corso una dura repressione da parte del governo Erdogan, trova sensibili solo le testate Rai, questa sera Tg1 e Tg3. La good news dell’abbandono della politica del figlio unico da parte del governo cinese è invece ripresa da tutti. Tg3 propone il servizio il servizio più chiaro e approfondito.
Chiudiamo con una segnalazione “evocativa” di epoche che appaiono oramai lontane: Tg La7 ci informa che, a 25 mesi dalla sua inaugurazione, la sede di Piazza S. Lorenzo in Lucina di Forza Italia sta per essere chiusa per mancanza di risorse, in parte di un personale politico dedito alla transumanza e, aggiungiamo noi, della prospettiva politica di un centrodestra ancora nel nome di Berlusconi.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili