L'opinione

I nostalgici del complotto

28

I Tg di martedì 23 febbraio – La pubblicazione dei nuovi file di Wikileaks da parte de La Repubblica, con al centro le intercettazioni fraudolente della Agenzia per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti nei confronti di Berlusconi e di suoi importanti collaboratori dal 2008 al 2011, conquista l’apertura su TgLa7 e sulle testate Mediaset. Tutti si inalberano, giustamente, per la menomazione dell’indipendenza nazionale da parte dello storico alleato, ma su Mediaset prevale, oltre all’offesa dell’onor patrio, la denuncia del “complotto” ai danni del governo Berlusconi. Le prime risposte di Palazzo Chigi, con la convocazione dell’ambasciatore Usa, appaiono sufficienti, ma Forza Italia ritorna sul tema della commissione d’inchiesta. Su Rai e La7 si ricorda che tra gli intercettati si annoverano in pratica tutti i maggiori leader europei, Merkel in testa, ma per Cologno Monzese la NSA aveva un unico obbiettivo: sloggiare Berlusconi da Palazzo Chigi. Chi scrive si è più volte espresso sul “complotto”, affermando che dalla lettura lo scorso anno del best seller di Friedman non aveva ricavato nulla, e che lo scoop era inesistente. L’impressione è la stessa di fronte ai file wikileaks: nulla di nuovo, e nessun collegamento con la caduta di Berlusconi, motivata dal sentire comunemente diffuso nelle cancellerie europee, da Bruxelles, nei mercati finanziari, dai conti pubblici devastati e, infine, dal residuo amor proprio degli italiani. Solo Mentana collega la sentenza europea che condanna l’Italia per la vicenda Abu Omar a quella attuale che riguarda l’assassinio di Regeni: l’opacità dell’Egitto che ripropone l’omertà italiana con l’apposizione del segreto di stato.

Unioni civili. Renzi dichiara che “perseverare con i grillini è diabolico”, e così tenta di blindare l’accordo di maggioranza senza la stepchild adoption. Apertura per Tg1 e Tg3, secondo titolo per Tg2, Tg5. Su Tg3 ampio spazio all’insoddisfazione delle associazioni arcobaleno.

L’imminente tregua in Siria incontra l’ottimismo di Tg1. Il coinvolgimento italiano attraverso la base di Sigonella, che ieri era emerso ufficiosamente, è stato ufficializzato oggi dalle dichiarazioni di Pinotti e Gentiloni, ampiamente ripresi. Titoli per Tg1, Tg2 e Tg La7. Sempre in relazione alla Libia, su Tg1, Tg4 e Tg5 si parla delle contestazioni al Professor Panebianco all’Università di Bologna per i suoi articoli sul Corriere che ipotizzano un intervento diretto dell’Italia.

Il possibile rinvio a giudizio dell’ex sindaco Marino per la vicenda degli scontrini ha grande spazio su La7, insieme alla notizia dell’avvenuta scelta del candidato Cinque Stelle per Roma (ripreso anche da Tg1 e Tg2). I mal di pancia del centrodestra intorno alla candidatura di Bertolaso, non cercateli su Mediaset: sarebbe inutile.

Doveroso e ampio su diverse testate lo spazio ai funerali laici di Umberto Eco. Titolo per tutti.

Chiudiamo segnalando l’interessante approfondimento di Tg2 sugli esoscheletri. Non stiamo parlando di fantascienza o di film hollywoodiani, ma dei grandi processi della scienza medica applicata per il recupero funzionale dei portatori di handicap.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione