L'opinione

Il parto della stabilità

32

Tg di venerdì 14 ottobre – I Tg Rai e Tg5 aprono sul “day before” il varo della legge di stabilità. Molti dati un po’ confusi e di difficile metabolizzazzione, qualche slide più leggibile ma, soprattutto, il consueto corredo di critiche su uno dei temi più sensibili, quello delle pensioni. Susanna Camusso è presente in pratica in tutte le testate, in qualche caso fin dai titoli. Studio Aperto, che come al solito offre un menù a base di cronaca nera “rinforzata”, trova comunque spazio per gridare che la Cgil è contraria all’anzianità fissata per l’ape sociale (ma questo lo diciamo noi, perché il Tg di Italia1 si accontenta di dire che contesta il governo).

TgLa7 apre invece sulle polemiche che hanno seguito la diffusione della notizia dei 140 militari italiani che in primavera parteciperanno ad un presidio Nato in Lettonia. Presente nei titoli su tutte le testate, che riprendono gli attacchi del centro destra, di M5S e di Sinistra Italiana. Tutti, dunque, contestano segnalando che Putin non va irritato, in quanto interlocutore essenziale per l’Europa. La Pinotti (su Tg1) precisa che non c’è alcuna volontà di provocare la Russia. Mentana sembra anch’egli contrario ad una iniziativa “che non passa per il dibattito parlamentare” e che “viene appresa da un’intervista a La Stampa” del Segretario Nato. Un TgLa7 “schierato”, dunque. Ma la conferma che Mentana è un ottimo giornalista l’abbiamo subito dopo, quando il conduttore-direttore smentisce se stesso (quasi chiedendo scusa) e mostra la fotocopia di un articolo del Corriere del 6 di luglio dove la notizia, resa pubblica a seguito di un accordo al vertice Nato di Varsavia, era già pienamente annunciata e illustrata.
Apertura per Studio Aperto e Tg4 sul maltempo in Liguria (servizi per tutti gli altri). Come per l’arrivo del Natale e della Pasqua, l’appuntamento autunnale con allagamenti e inondazioni per chi come noi “osserva” da anni l’informazione tv è un appuntamento fisso e alquanto avvilente. Oggi la tromba d’aria ha scoperchiato tetti ma allontanato le precipitazioni che rischiavano ancora una volta di mandare Genova sott’acqua: paradossale consolazione.

Il saluto a Dario Fo e l’attesa per i funerali civili di domani sino presenti su tutti, ma anche Bob Dylan che, sempre ieri raggiunto dl Nobel per la letteratura, torna nei servizi di serata per le critiche mosse da alcuni (titolo Tg5) alla decisione di Stoccolma che avrebbe avvilito la Letteratura avvicinandola alle produzioni di un cantautore.

TgLa7 e Tg3 segnalano i dati Istat che quantificano in 211 miliardi annui il valore dell’economia sommersa nel Paese: un cifra che significa più del 13% del pil, mentre la solo economia criminale pesa per 17 miliardi.

Concludiamo con Tg3 (titolo), Tg5 e Tg1, che meritoriamente danno ampio a una notizia importante e positiva: la vittoria dell’Italia nella battaglia a Bruxelles per ottenere l’etichetta di “prodotto italiano” al latte nostrano e ai suoi derivati.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione