Mosul – La “madre di tutte le battaglie”

I Tg di lunedì 17 ottobre – Analizzando le aperture, riscontriamo un’impostazione in qualche modo “invertita” tra le testate Rai e La7 da una parte, e quelle Mediaset dall’altra nell’affrontare i due principali temi della serata: l’offensiva militare in Iraq contro il Daesh ed i dati sulla povertà diffusi dalla Caritas. All’operazione per la riconquista di Mosul, città “simbolo” del Daesh in Iraq e da due anni sua roccaforte, vanno infatti le aperture dei Tg Rai (secondo titolo per Tg2) e Tg La7, che annuncia la “madre di tutte le battaglie” contro il sedicente stato islamico, mentre i dati sulla povertà restano a fondo edizione (titoli “bassi” per Tg1 e Tg La7). Discorso inverso per Mediaset, con Tg5 che apre sui dati della Caritas (titoli e notizia alta anche per Studio Aperto e Tg4) e solo dopo 20 minuti arriva all’offensiva in Medioriente (che Tg4 liquida con un pezzo di 30 secondi da studio). Azzardiamo un’interpretazione: l’opportunità di dare una “buona notizia”, che contrasta con il permanere di drammatiche tensioni soprattutto in Siria, ha invogliato Tg La7 e le testate del Servizio Pubblico a celebrare l’offensiva congiunta contro un inequivocabile nemico dell’occidente piuttosto che affrontare in apertura una tematica carica di negatività. Le testate di Cologno Monzese hanno, per contro, presentato subito le “brutte notizie” di giornata, dipingendo un Paese in cui “siamo più poveri degli immigrati” (Tg4), e Tg5 ha ripreso con un certo scetticismo le operazioni contro il Daesh. Se questa frattura vada o meno ricondotta al clima ed agli schieramenti politici e referendari, lo lasciamo all’interpretazione dei nostri lettori.

Tornando alle coperture del Servizio Pubblico su Mosul, buona quella del Tg3 che ricostruisce gli ultimi due anni di guerra all’Isis, rimarcando l’importanza delle operazioni condotte dai curdi, ed intervista il giornalista di Limes Dario Fabbri sui possibili scenari di una Mosul liberata. Spazio anche per il dramma della Siria (titolo per Tg3, servizio su Tg1), con la Russia che annuncia un’ennesima, improbabile, tregua umanitaria per questo giovedì.

Dei dati sulla povertà diffusi dalla Caritas, tutte le testate riprendono “l’equazione inversa” per la quale, più si è giovani, più si è a rischio. Duro il giudizio di Mentana, che commenta come vi sia un “vecchio modello di povertà che va in soffitta: i giovani 18-30 sono i nuovi poveri”. Molte le testimonianze sui Tg Mediaset, che rimarca la situazione nel meridione dove a ricevere aiuti dalle strutture della Caritas sono più italiani che stranieri.

Apertura comune per Studio Aperto e Tg2 sui due incidenti in stabilimenti chimici in Germania che hanno causato esplosioni e morti, e che per qualche ora avevano fatto temere per un allarme poi rientrato. Tg2 coglie l’occasione per riportare alla memoria il disastro della ICMESA nel Seveso del 1976, da cui prende il nome l’attuale protocollo europeo che si adotta in caso di catastrofe chimica.

Relegata a metà edizione, la pagina politica si risolve nell’attesa del giudizio del Tar sugli esposti di M5S e Sinistra contro la formulazione del quesito referendario (titoli per Tg1, Tg3 e Tg La7), e nell’esposizioni delle polemiche tra i partiti sulla legge di stabilità.

La sentenza (arrivata alle 18.40) che condanna a 30 anni Veronica Panariello per l’omicidio del figlio Loris Stival, monopolizza la pagina di cronaca, e compare nei titoli di tutte le testate. Il Tg4 dedica una buona metà dell’edizione al riepilogo di questa “epopea”, con testimonianze, “interviste” e interpretazioni sulla personalità della madre omicida.

Segnaliamo in chiusura il Tg2 torna che torna sul fenomeno del caporalato intervistando il marito di Paola Clemente, bracciante morta di fatica tra i campi un anno fa, dove lavorava per 2 euro l’ora.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali