Osservatorio TG

Il “pasticcio” sui vaccini

I Tg di giovedì 11 maggio – Apertura per Tg1, Tg3 e Tg La7 sul “pasticcio del governo” sui vaccini. L’annuncio della ministra Lorenzin di un ddl pronto per la reintroduzione della vaccinazione obbligatoria per gli iscritti alle scuole pubbliche, cui seguono la smentita di Palazzo Chigi e la “contro-smentita” dell’entourage di Renzi, fa parlare Mentana di un incomprensibile “balletto” rispetto ad un’esigenza che le recenti vicende polemiche e la preoccupante crescita di alcune malattie infettive come il morbillo hanno reso sacrosanta.

L’altro tema del giorno, la legge elettorale, è alto sui Tg delle 20 ed apertura per Tg2, che è il solo a poter dare notizia del testo base depositato in serata. Il modello sarebbe quello di un “italicum bis” allargato al Senato, con alcune modifiche al momento confuse e contrastate. Tg5, nel riassumere gli scambi del giorno, parla di “ennesima confusione tutti contro tutti”, mentre le testate Mediaset minori rilanciano fin dai titoli i “paletti” di Berlusconi sul proporzionale e contro le preferenze.

Le previsioni di crescita di Bruxelles per l’Italia, che vede il Paese maglia nera per la crescita della eurozona e gravato da debito alto e instabilità politica, sono primo titolo per Tg5 e presenti ampiamente su Tg3 e TgLa7. Maggiore spazio sui Tg Rai, va all’odierno intervento di Gentiloni all’Enel con la difesa del Tap in una logica di sicurezza energetica.

Per gli esteri, Tg5 titolo e spazio nella parte alta dell’edizione alle ultime mosse dell’amministrazione Trump. Trova menzione più in basso, anche sui Tg Rai, il rilascio dell’attivista Yuri Gugliana, fermato in Russia nell’atto di consegnare una petizione a denuncia delle violenze nelle caserme cecene, che sarebbero state convertite in “campi di correzione” per cittadini omosessuali. Le proteste che proseguono in un Venezuela sempre più alla fame figurano in un solitario servizio del Tg3.

L’orrendo rogo di ieri nella periferia di Roma domina la pagina di cronaca, occupando l’apertura su Tg4 e Studio Aperto, che riportano sia gli sviluppi delle indagini che la solidarietà del quartiere ai parenti delle vittime. Più in basso nelle edizioni, ma ugualmente presenti su tutti, gli arresti di 5 trafficanti di uomini (titoli per Studio Aperto, Tg3 e Tg1), insieme alle dichiarazioni della Guardia Costiera che elogia l’operato delle ONG.

L’attenzione al rogo di Pomezia si ripropone sin dai titoli dei Tg delle 20. Restando in tema rifiuti, solo Tg1 torna sulla situazione ancora non risolta della spazzatura nella Capitale. Dopo tanto tempo, stasera ritorna la “strana coppia” Tg1-Tg4, che presenta titoli sull’odierna udienza del processo a Fabrizio Corona.

Ancora in tema di giustizia, la sentenza della Cassazione che nell’ambito di un caso di divorzio riconosce come criterio per il pagamento al coniuge non più il mantenimento del precedente tenore di vita, come ieri è presente e occupa la seconda parte di tutte le edizioni. Sempre a fine edizioni, quasi tutte le testata danno la riconferma di Malagò alla presidenza del Coni.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa