L'opinione

Il “pasticcio” sui vaccini

106

I Tg di giovedì 11 maggio – Apertura per Tg1, Tg3 e Tg La7 sul “pasticcio del governo” sui vaccini. L’annuncio della ministra Lorenzin di un ddl pronto per la reintroduzione della vaccinazione obbligatoria per gli iscritti alle scuole pubbliche, cui seguono la smentita di Palazzo Chigi e la “contro-smentita” dell’entourage di Renzi, fa parlare Mentana di un incomprensibile “balletto” rispetto ad un’esigenza che le recenti vicende polemiche e la preoccupante crescita di alcune malattie infettive come il morbillo hanno reso sacrosanta.

L’altro tema del giorno, la legge elettorale, è alto sui Tg delle 20 ed apertura per Tg2, che è il solo a poter dare notizia del testo base depositato in serata. Il modello sarebbe quello di un “italicum bis” allargato al Senato, con alcune modifiche al momento confuse e contrastate. Tg5, nel riassumere gli scambi del giorno, parla di “ennesima confusione tutti contro tutti”, mentre le testate Mediaset minori rilanciano fin dai titoli i “paletti” di Berlusconi sul proporzionale e contro le preferenze.

Le previsioni di crescita di Bruxelles per l’Italia, che vede il Paese maglia nera per la crescita della eurozona e gravato da debito alto e instabilità politica, sono primo titolo per Tg5 e presenti ampiamente su Tg3 e TgLa7. Maggiore spazio sui Tg Rai, va all’odierno intervento di Gentiloni all’Enel con la difesa del Tap in una logica di sicurezza energetica.

Per gli esteri, Tg5 titolo e spazio nella parte alta dell’edizione alle ultime mosse dell’amministrazione Trump. Trova menzione più in basso, anche sui Tg Rai, il rilascio dell’attivista Yuri Gugliana, fermato in Russia nell’atto di consegnare una petizione a denuncia delle violenze nelle caserme cecene, che sarebbero state convertite in “campi di correzione” per cittadini omosessuali. Le proteste che proseguono in un Venezuela sempre più alla fame figurano in un solitario servizio del Tg3.

L’orrendo rogo di ieri nella periferia di Roma domina la pagina di cronaca, occupando l’apertura su Tg4 e Studio Aperto, che riportano sia gli sviluppi delle indagini che la solidarietà del quartiere ai parenti delle vittime. Più in basso nelle edizioni, ma ugualmente presenti su tutti, gli arresti di 5 trafficanti di uomini (titoli per Studio Aperto, Tg3 e Tg1), insieme alle dichiarazioni della Guardia Costiera che elogia l’operato delle ONG.

L’attenzione al rogo di Pomezia si ripropone sin dai titoli dei Tg delle 20. Restando in tema rifiuti, solo Tg1 torna sulla situazione ancora non risolta della spazzatura nella Capitale. Dopo tanto tempo, stasera ritorna la “strana coppia” Tg1-Tg4, che presenta titoli sull’odierna udienza del processo a Fabrizio Corona.

Ancora in tema di giustizia, la sentenza della Cassazione che nell’ambito di un caso di divorzio riconosce come criterio per il pagamento al coniuge non più il mantenimento del precedente tenore di vita, come ieri è presente e occupa la seconda parte di tutte le edizioni. Sempre a fine edizioni, quasi tutte le testata danno la riconferma di Malagò alla presidenza del Coni.

Altre opinioni dell'Autore
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli