L'opinione

Lo zig-zag Della Casa Bianca

96

I Tg di mercoledì 5 aprile – L’apertura per La7 e i Tg Rai sul raid in Siria e la risposta internazionale, con Putin che parla di fake news e difende Assad. Tg3 registra che questa sollevazione internazionale sta modificando la linea espressa da Trump anche prima dell’ insediamento. Le dichiarazioni odierne contro Assad gelano il feeling con Putin, e lo stesso vale per quelle di Erdogan. I Tg delle 20 rilanciano il cambio di strategia ( se di strategia si può parlare) che coincide con la defenestrazione del falco Bennon. La politica di Trump sembra procedere per “sottrazione” e, comunque a zig-zag.

Questo inatteso movimento nel quadrante internazionale trova in sedicesimo un corrispettivo nel “caso” dell’elezione del Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Senato Lo scacco per il Pd è evidente; Mentana parla di “grosso guaio” e Tg5 di “aria di crisi”. I Tg Rai mettono la sordina e preparano la probabile ricomposizione quanto meno con Alfano.

Sempre per la politica, per il secondo giorno diversi servizi inquadrano Renzi (su Tg1 e Tg2). Le testate Mediaset rispondono tornando ad inquadrare Berlusconi, oggi in visita al Salone del mobile per parlare di ricette economiche e leggi elettorali.

La Corte dei Conti segnala che il cuneo fiscale in Italia è troppo alto: notiziona! Almeno così la intendono diversi Tg di serata, e da qui titoli su titoli.

Su Mediaset continua l’offerta di cronaca in dosi industriali. La caccia all’uomo per l’omicidio di Budrio è presente anche su Tg1. Dopo il caso di Bologna, ampio spazio trasversale alla 16enne marocchina accusata e malmenata dai genitori perché ” troppo occidentale”.
Esplicite critiche da Mediaset agli scioperi che hanno interessato Milano e gli aeroporti, rendendo meno agevole l’afflusso al Salone del mobile. Servizi sull’importante evento anche Sui Tg Rai.

Ripreso dale testate mediaset ieri, sono oggi quelli Rai ad occuparsi del suicidio di una 25enne neolaureata, dovuto apparentemente alla vergogna per portarsi dietro il cognome di un boss della ndrangheta. Il giornalista Lucentini sul Tg propone una riflessione non banale su casi analoghi di isolamento dovuti all’eredità di un cognome mafioso.

 

Altre opinioni dell'Autore
Osservatori

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot