La strage degli innocenti riporta la Siria in prima pagina

I Tg di martedì 4 aprile – E’ scontato che le aperture di tutti (copertina per Tg5) siano dedicate all’orrendo massacro in Siria operato con i gas dagli aerei di Assad. L’ennesimo massacro di civili perpetrato negli ultimi 6 anni in una terra dilaniata che ha prodotto 5 milioni di profughi interni e più di 2 milioni di esiliati. Non è neanche la prima volta che vengono usate armi chimiche, e nemmeno che tra le tante vittime si contino dei bambini. E cosi’ le vittime innocenti (se mai esistono vittime “colpevoli”), i bambini, scalano le prime pagine e generano reazioni non solo nel quadrante internazionale, ma nei volti degli stessi conduttori di serata. Enrico Mentana quasi autocriticamente ricorda che tali reazioni rischiano di svanire fin dalle prossimo ore, travolte da una routine nutrita da immagini di guerra e di devastationi. Le stesse sollevazioni delle maggiore cancellerie mondiali e anche della Casa Bianca) con ogni probabilità produrranno il nulla.

Il day after dell’attacco alla metropolitana di San Pietrogrado, con la quasi certezza che l’attentatore suicida sia stato un 22enne kirghiso, inquadra un Putin in difficoltà, aumentate dallo scomodo sostegno ad Assad di cui domani si parlerà al Consiglio di Sicurezza Onu. Secondo titolo per tutti.

In terza posizione i dati Istat sull’aumento del potere di acquisto delle famiglie italiane, ma solo su Rai e La7, mentre Mediaset glissa e, con Tg4, commenta che “però aumentano anche le tariffe”. Dopo lunga attesa Padoan si appresta a varare la manovrina correttiva, che punterebbe soprattutto su i risultati della rottamazione e sulla lotta all’evasione. Anche in questo caso attenzione quasi esclusiva di Rai e La7.

Su Tg3 ricompare Renzi lungamente intervistato in vista delle primarie, ma la politica complessivamente comparire solo in tracce.

La pagina di cronaca è occupata dalla vicenda dello stalliere del torinese malmenato è appeso a testa in giù dai proprietari del maneggio che lo accusavano di aver svelato a Striscia La Notizia i maltrattamenti subiti dagli animali.

La morte di Giovanni Sartori entra nei titoli dei soli TgLa7 e Tg2, ma è presente anche su Tg1 e Tg5. Il ricordo più sentito è quello di Mentana. L’arguto osservatore della politica e dei sistemi elettorali, lascia un Paese in forte crisi di “Politica” e, al momento, senza uno straccio di legge elettorale.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale