Istat – Un Paese rattrappito

I Tg di venerdì 10 giugno – In una serata dalle aperture assai differenziate, privilegiamo i dati Istat che documentano il primo calo della popolazione da oltre 90 anni, presenti su tutte le testate: titoli per Tg1, Tg La7 e i 3 Mediaset, con copertina per Tg5. L’immagine di un paese sempre più vecchio, in cui calano le nascite e dove a crescere è solamente la percentuale degli stranieri (8,3%), produce servizi dai toni quasi rassegnati e fa parlare Mentana di un Italia che “si sta rattrappendo”.

L’attenzione alle condizioni di Silvio Berlusconi, che ieri aveva fatto l’en plein nelle aperture, si mantiene alta anche sera: aperture per Studio Aperto e Tg4, titoli per Tg1, Tg3 e Tg5. Il messaggio dell’ex premier, che si dice sereno affidandosi, in vista dell’intervento al cuore che lo attende martedì, a Dio e ai medici, figura “alto” in tutte le testate, mentre le voci di una “dibattito sulla successione” (riprese dai Tg Rai ma smentite da Romani su Tg1) non figurano sulle testate Mediaset, che ribadiscono come la Forza Italia a guida B resta “pienamente operativa”. E’ TgLa7 a fornire forse il quadro più netto, illuminando lo scontro tra i familiari di Berlusconi e il “cerchio magico” del leader, accusato di averlo fatto “sfruttato” troppo negli ultimi giorni della campagna per le amministrative.

I timori della Brexit che a meno di 2 settimane dal voto affossano le banche europee e colpiscono duro Piazza Affari, sono in apertura per Tg1 e Tg La7. Mentana aiuta a fare chiarezza presentandoci un recentissimo sondaggio che delineerebbe una maggioranza (55%) di euroscettici in Gran Bretagna.

Gli incontri di Renzi con i giovani industriali ed i rappresentati del terzo settore a Lucca ottengono secondo o terzo titolo su tutte le testate, con quelle Mediaset che enfatizzano gli “altri fischi” che hanno accolto il premier. Il provvedimento del Cdm volto a regolamentare in qualche modo l’uso dei voucher riceve buone coperture da Tg3 ed i Tg delle 20 (titolo per Tg3 e Tg5).

Nel giorno dei funerali di Sara, la ragazza romana uccisa e bruciata dal proprio ex, tutte le testate accompagnano una dura riflessione sul tema dei femminicidi, arrivati quest’anno già a 59. Tg3 sceglie di aprire, mentre Studio Aperto propone di parlare non più di “femminidici” ma di “strage”. Amara anche la riflessione di Mentana, che costata come l’introduzione dell’aggravante di femminicidio nel codice penale non abbia prodotto una riduzione del fenomeno.

L’inizio dei europei di calcio viene seguito da tutte le testate, con titoli per Tg1, Tg4 e Tg La7 e massima attenzione ai problemi di sicurezza.

Sulle proteste nella tendopoli di Rosarno a seguito della morte di un bracciante africano per mano di un carabiniere, tornano stasera Studio Aperto e Tg3. Il primo racconta di una “situazione pericolosa”, mentre Tg3 fa parlare gli occupanti del centro, in sciopero della fame per rivendicare la verità sulla morte del loro compagno.

Chiudiamo sull’interessante approfondimento del Tg2, che con ospite in studio il robotino Icub, ha trattato del ruolo che avranno in futuro le nuove tecnologie robotiche ed del rapporto sempre più stretto tra l’uomo e la macchina “intelligente”. Bei servizi e grande “efficacia” dell’intervista in studio al robot, anche se c’è da dubitare – come capita per le interviste ai politici, che si sia trattato di “domande vere”. Ma una cosa è certa:il robotino è risultato più educato e più simpatico della media dei politici.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili