L’ uragano di ottobre

I Tg di venerdì 7 ottobre -Aperture per tutti, con l’eccezione di Studio Aperto, sulle devastazioni dell’ uragano Matthew che ha fatto più di 800 vittime ad Haiti e che ha “toccato terra” in Florida. Vengono riproposte le immagini del terremoto del 2010 nell’isola caraibica, “bissate” da quelle dei villaggi devastati degli ultimi due giorni. E’ probabile che nelle prossime ore assisteremo a dirette e speciali sugli effetti dell’uragano sulla east cost statunitense.

Per la politica, Tg5 esordisce con la rissa in casa Pd, Tg1 con anticipazioni sulla manovra (buono famiglie), TgLa7 con le polemiche per l’endorsement di Juncker a Renzi, mentre Tg2 predilige le assoluzione di Marino e di Cota per “scontrinopoli”. TgLa7 fa di più, ospitando in studio e “a caldo” l’ex sindaco della Capitale. Anche Mentana ci mette il suo: introducendo Marino riconosce che le sue vicende politiche e giudiziarie hanno campeggiato per mesi nei principali mezzi di informazione, e che conseguentemente è giusto ascoltarlo nel giorno della sua assoluzione. Titoli anche per gli altri maggiori Tg e servizi “in tandem” con l’assoluzione di Cota. In generale il tema referendum viene trattato con una vetrina di personalità per il no cui si contrappongono gli interventi del Premier Renzi.

Tg1 presenta un’intervista al leader di destra austriaco Hofer, possibile nuovo presidente nel ballottaggio del 4 dicembre. Toni moderati, “niente muri” al Brennero: un perfetto doppio petto.

Sui teleutenti di serata “piomba” la notizia del Nobel per la pace al Presidente della Colombia Santos, artefice della pacificazione con i guerriglieri delle Farc. Abbiamo usato il verbo “piombare” perché non è che in genere i nostri Tg abbandono di notizie e approfondimenti di carattere internazionale, tanto più per paesi ed aree non “centrali”.

Tg2 ci ricorda che 10 anni fa è stata uccisa la giornalista Politkovskaya, mentre Tg3 presenta la Marcia della Pace Perugia Assisi di domenica prossima.

In chiusura, segnaliamo la nuova campagna di “sensibilizzazione” portata avanti dal Tg4 nei confronti di una baraccopoli illegale di clandestini nel nord Italia, una volta tanto con noti critici per le condizioni in cui vengono tenuti i profughi. Stasera il direttore Mario Giordano ha voluto “scrivere in diretta” una “cartolina” al Ministro degli Interni Alfano, invitandolo a fare arrivare qualche segnale d’interesse per “risolvere la situazione”. Sempre Tg4, a latere di un lungo promo di rete sul ritorno di Vanna Marchi in Tg, lascia la parola a Rosario Trefiletti di Federconsumatori che ci ricorda come il mercato della cartomanzia in Italia goda di giri di alcuni miliardi di euro l’anno.

Ultime notizie
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse