L'opinione

L’elastico della flessibilità

108

I Tg di giovedì 6 ottobre – L’apertura da parte del Commissario EU Moscovici alle richieste di flessibilità italiane per i costi dell’accoglienza dei profughi e del terremoto in centro Italia, arriva sulle agenzie di stampa alle 18.50 e scompagina le scalette dei Tg, con Tg3 che riesce a riprenderla nei titoli per il rotto della cuffia. Primo titolo per Tg1 e Tg La7, con Mentana che parla inoltre di un vero e proprio “endorsement” del Commissario per Renzi, presentato come un “baluardo” contro i populismi nostrani. Presente (bassa) anche su Tg5 e Tg2, che parla di “buona notizia”.

La novità (in parte inattesa) di serata scalza probabilmente dalle aperture la “fuga degli italiani”, con Tg3 che apre sui dati sull’emigrazione 2015 di Caritas Migrantes: 107.000 i cittadini che l’anno scorso hanno lasciato l’Italia in cerca di migliori opportunità nei vicini paesi comunitari e no. Buone le coperture di tutte le testate, con Tg4 che ai 40.000 giovani “in fuga” affianca il sempre più vasto numero di anziani emigrati verso paesi dal fisco più tenero verso le loro pensioni. Nostro commento; questi numeri dovrebbero spaventare molto più di quelli (non dissimili) dei profughi giunti nello stesso periodo nel nostro Paese.

In tema di “libera circolazione”, la risposta contrariata della Merkel alla proposta della premier inglese May di “schedare” i lavoratori stranieri nelle aziende britanniche, avanzata ieri e subito ritirata, è “alta” su Tg3, Tg5 e Tg La7. Parallelamente, l’imbarazzante figura del Ukip per la rissa all’Europarlamento tra i suoi deputati, a cui è seguito il ricovero dell’europarlamentare Woolfe, è presente su tutti, con Tg4 che dedicata l’apertura. “Storia orribile” è il commento di Tg La7, che esplora le convulsioni del partito fautore della Brexit. Anche da noi si è rischiata la rissa, come riportato da Tg1, tra due deputati di Cinque Stelle, a testimonianza delle convulsioni sempre presenti nel movimento di cui Grillo è “tornato” ad essere a capo.

Sul fronte esteri, cresce l’apprensione per la tempesta Matthew che, dopo aver causato almeno 140 morti ad Haiti, sta per abbattersi su Cuba e le coste statunitensi, che in queste ore vedono l’evacuazione di due milioni di persone (apertura per Tg2, titoli per tutti).

Scarso spazio stasera alle polemiche della giornata politica, con i Tg che registrano il deposito dell’esposto M5S-SI al TAR, che delibererà il 17 ottobre. Unica eccezione Tg La7 che coglie e segnala le forti tensioni interne tra D’Alema ed i renziani sul quesito referendario, e non solo: “Vette polemiche mai prima raggiunte”, commenta Mentana.

Titoli ed ampi servizi su Tg2 e Tg5 alle diffuse proteste (tanto dal mondo sportivo che dalla politica) per l’entrata tra gli sponsor della nazionale di calcio della Intralot, azienda leader mondiale delle scommesse. Tg5 intervista al riguardo il direttore de L’Avvenire.

La notizia della richiesta di non luogo a procedere presentata dalla procura di Roma per 166 indagati nel fascicolo Mafia Capitale, è ripresa da quasi tutti, ma solo Tg La7 si interroga sulla possibile persistenza dell’accisa di associazione mafiosa per gli imputati a processo: una “cupola” che risulterebbe “orfana” di picciotti e livelli intermedi.

Forte presenza anche oggi di cronaca nera, con l’accoltellamento fuori scuola di un 13enne a Napoli ad opera di un suo compagno che ottiene titoli su Tg1, Tg3 e Mediaset.

Buono l’approfondimento del Tg3 sul fenomeno dell’usura in Italia, che si calcola tocchi 3 milioni di famiglie per un volume di 82 miliardi di euro l’anno.

In chiusura, segnaliamo come oggi Tg4 abbia raschiato il fondo: tra titoli di cronaca (2), servizi sul malessere dei cittadini e pezzi sui “regali” fatti ai Rom della Capitale, la testata di Mario Giordano confeziona anche due lunghi promo di rete presentati come veri e propri servizi sulla “figura di Veronica Lario” (vedi la puntata di domani di Quarto Grado) ed il ritorno di Vanna Marchi in tv (ospite al Costanzo show, 2 servizi).

Altre opinioni dell'Autore
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli