Osservatorio TG

To’, la guerra in Tv!

I Tg di martedì 10 febbraio – Un po’ di numeri. La scorsa settimana, tra lunedì e venerdì, su più di 200 titoli delle 7 testate di prima serata solo 8 sono stati dedicati alla guerra, non dichiarata ma guerreggiata, nel cuore dell’Europa. In nessun caso in apertura. Nello specifico 4 titoli per TgLa7, 2 per Tg1, 1 per Tg2 e Tg3, nessuno per Mediaset. Eppure la consapevolezza che le più di 5.000 vittime nell’Ucraina dell’est rischiano di essere solo il ributtante antipasto di una guerra con tanto di bollini blu da parte di Putin e di Obama (con l’Europa che tardivamente si è intromessa nel duello a due), questa consapevolezza, dicevamo, è diffusa. Le recenti parole di Hollande e della Merkel suonano tutt’altro che retoriche. Ma a casa nostra negli ultimi giorni hanno avuto il sopravvento i patti strappati, ricuciti o millantati, i nuovi “responsabili” e, quando va alla grande, le tensioni finanziarie che avvolgono la leadership ellenica di Tsipras. È un’amara soddisfazione constatate che questa sera 4 testate su 7 “aprono” sull’Ucraina (le 3 Rai e La7), mentre su Tg5 compare tra i titoli il primo riferimento ai morti e agli scontri tra i soldati e, soprattutto,i civili filo Kiev e filo russi. Fino a ieri, invece, ben 192 volte le redazioni nostrane hanno trovato cose più interessanti e più serie da proporre al desco serale degli italiani. Complimenti per la trasmissione. Ci consoliamo con l’aglietto segnalando che l’apertura serale di Tg3 è risultata particolarmente efficace e sentita, rendendo il senso reale del rischio che, dopo settant’anni, corre la pace in Europa alla vigilia del disperato tentativo di mediazione di domani a Minsk.
È una goduria vedere la politica per una volta “bassa” nelle scalette dei Tg più seri. Non avviene lo stesso per Tg4 e Studio Aperto che, invece, da 48 ore respirano l’aria inebriante dell’opposizione “dura” della bellicosa Forza Italia: da qui “l’attacco al giorno” che toglie Renzi di torno. Su Tg4 ieri le scuole non ristrutturate, oggi il buono-baby che non è arrivato. Tg5 sceglie di aprire sulla Giornata di Memoria delle Foibe – servizi presenti anche sulle altre testate. Per soprammercato in chiusura di edizione l’ammiraglia Mediaset torna sul tema, facendo parlare direttamente Berlusconi. Dimenticavamo: il servizio più efficace sulle foibe ce l’ha offerto Tg2.
I provvedimenti del governo sul terrorismo internazionale vedono finalmente la luce, che si riflette sciattamente nelle maggiori testate. I Tg Rai e La7 tornano sulla strage dei ragazzi morti assiderati nel mare a sud di Lampedusa, facendoci ascoltare il mea culpa dell’Europa che scopre l’inefficacia di Triton.
TgLa7 e Tg2 non mollano l’osso della lista Falciani, mentre i Tg Rai e La7 inquadrano la parabola discendente del Pm milanese Robledo, inviato dal Csm a fare il giudice a Torino per un indebito scambio di informazioni con un avvocato dei consiglieri leghisti inquisiti nella regionopoli lombarda. Non sapremo mai come sarebbe finito lo scontro, pendente sempre preso il Csm, tra Robledo e il Procuratore Generale Bruti Liberati.
Per chi non lo sapesse stasera comincia Sanremo. I Tg Rai fanno a gara per ricordarcelo: i promo di rete sono un must squalificante quanto diffuso nell’informazione nostrana.

Dati auditel dei Tg di lunedì 9 febbraio 2015
Tg1 – ore 13:30 4.473.000, 24.07% ore 20:00 6.921.000, 25.10%.
Tg2 – ore 13:00 3.027.000, 17.49% ore 20:30 2.589.000, 8.81%.
Tg3 – ore 14:30 2.100.000, 12.22% ore 19:00 2.532.000, 11.57%.
Tg5 – ore 13:00 3.664.000, 20.99% ore 20:00 5.397.000, 19.36%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.171.000, 14.94% ore 18:30 1.096.000, 5.98%.
Tg4 – ore 11.30 529.000, 6.13% ore 18:55 962.000, 4.44%.
Tg La7 – ore 13:30 703.000, 3.78% ore 20:00 1.538.000, 5.53%.

 

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa