La scuola sulla cresta dell’onda

scuola

I Tg di venerdì 15 maggio – Con un’unica eccezione – il Tg di Mentana – tutte le aperture sono per lo sparatore di Secondigliano che uccide il fratello e la cognata vicini di casa e altre due persone per una questione di filo dei panni stesi, oltre a ferirne 6 sparando dal balcone. La strage nella periferia napoletana rivive nei Tg miscelando colori, squarci e reazioni tipicamente partenopei con dinamiche tipiche della follia di tante storiacce nordamericane.
I primi 5 articoli della buona scuola passati al voto della Camera, mentre a 100 metri di distanza – in Piazza del Pantheon – protestavano sindacati, opposizioni e minoranza Pd, riempiono la pagina di politica in tutte le edizioni. I Tg Rai illustrano con precisione il contenuto degli articoli già votati, ed il fatto non paia scontato, dato che l’informazione in questa come in altre vicende surfa sulla cresta dell’onda ma non scende mai in profondità. Il dibattito sulla buona scuola e sulle tante contrarietà che incontra per i Tg è rimasto, almeno al momento, ai solo titoli di testa. Mentana segnala che la protesta di piazza ha visto impegnati molti sindacalisti e onorevoli dell’opposizione, e assai pochi di quei studenti e dei questi professori che qualche giorno fa hanno animato i cortei in tante città.

La campagna di trasparenza dell’Inps fornisce dati che vengono ripresi da tutti, anche perché fa effetto il confronto tra la media delle pensioni degli ex dipendenti pubblici e quella dei privati. I Tg Mediaset “aggiungono” quelli pubblicati oggi da Libero che mostrano come pensioni e vitalizi per tanti personaggi noti che hanno attraversato la Prima e la Seconda Repubblica oltre ad essere mostruosi non hanno alcuna relazione con i contributi versati. Da qualche giorno la campagna elettorale si nutre proprio di scuola e pensioni, anche perché l’immigrazione “è scesa” in attesa di valutare gli effetti della politica europea.

Sembra che Tavecchio abbia fatto scuola, e con un giorno di ritardo rispetto al web e ai quotidiani i Tg Rai riprendono il sessismo omofobo del dirigente della Lega dilettanti di calcio che dà delle “lesbiche” alle sue atlete.
Il giudizio di Standard & Poor equivale per TgLa7 ad una scarsa sufficienza, Un paese da 6 – ma con outlook stabile e rating bbb -. I leggeri miglioramenti per S&P sono generati dalle politiche di Draghi e da fattori esterni, anche se poi si fa esplicito e positivo riferimento al jobs act e all’Italicum.

Per la cronaca il giorno dei funerali a Parma del diciannovenne è presente su tutti, mentre le indagini della magistratura milanese proseguono nel massimo riserbo e nulla trapela sulla dinamica che ha portato il ragazzo a schiantarsi dal quinto piano di un albergo. Anche stasera Tg1 mostra di ammiccare più del necessario alla cronaca criminale, mandando in onda l’ennesima intercettazione ambientale della conversazione tra Bossetti e la moglie. Non è la prima volta, e sinceramente rivedere sul Servizio Pubblico quello che quotidianamente già propone la Tv commerciale, non ci manda in brodo di giuggiole.

Dati auditel dei Tg di giovedì 14 maggio 2015

Schermata 2015-05-15 alle 23.32.11

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili