Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

La notte di Parigi

L’analisi dei Tg di serata lascia inevitabilmente il passo alle immagini e agli echi delle stragi nella capitale francese che le diverse testate hanno seguito con edizioni straordinarie fino a tarda notte.  È stato così possibile fino oltre le ore 2 compartecipare in qualche modo della tragedia che ha paralizzato e paralizza Parigi come se si stesse svolgendo in una quartiere di una città italiana, della nostra città.

Sarebbe eccessivo pretendere di giudicare la qualità dell’informazione in una notte in cui tutte le redazioni sono state annichilite dai numeri delle vittime e dall’evidenza di un attacco che ha colpito 7 aree della città e i simboli stessi di quella che sarebbe dovuta essere una tranquilla e giocosa serata di svago, di cultura: un venerdì notte che vede le strade e i locali di grandi, medie e piccole città europee animarsi di gente pacifica al termine di una settimana di lavoro.

Inevitabilmente la cronaca è stata caotica, come caotica è stata la notte di Parigi. Lo stadio del calcio, il locale etnico, la sala di concerti divenuti scenario di una mattanza jihadista, le strade del centro percorse da migliaia di cittadini disperati in cerca di salvezza: questo il quadro fedelmente ripreso dall’informazione notturna, cui va comunque riconosciuto lo scontato merito di aver buttato all’aria i palinsesti per seguire in diretta attraverso i circuiti internazionali e le televisioni francesi ciò che stava avvenendo.

Per quello che riguarda le analisi, si dovrà attendere più di qualche ora. Al momento si può sottolineare che segnali premonitori come la strage di curdi ad Ankara sono stati colti assai poco, perché ritenuti erroneamente “estranei”, non indirizzati a noi. I più di 100 morti nella capitale turca non valgono l’equivalente numero di vittime parigine. Tutto ciò è comprensibile, ma non giustificabile. Così come carenti sono le sinapsi del sistema informatico che difficilmente collega le guerre in corso nella penisola arabica, gli scempi nel medio oriente, i conseguenti flussi di profughi, gli attentati jihaidisti.

Ma oltre alle inevitabili carenze e farraginosità del circuito dell’informazione, vanno segnalati anche alcuni evidenti errori che sono rimbalzati nella notte attraverso alcune prime pagine ed editoriali alquanto isterici dei quotidiani italiani. Il principale? Quello di rispondere al dramma di Parigi e dell’intera Europa con slogan e invettive quali “Islamici bastardi”, o l’accettazione della logica di guerra che rappresenta l’obiettivo principale che il terrorismo persegue. Forse l’elmetto dovrà essere indossato, ma è decisivo non regalare al jihadismo un miliardo di mussulmani, alcuni dei quali vivono pacificamente da noi, con noi.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu