Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Lascia o raddoppia

I Tg di lunedì 7 marzo – I Tg Rai, Tg5 e Tg La7 aprono sul rilancio del premier turco che, al vertice di Bruxelles sull’immigrazione, ha deciso di “alzare la posta” (Tg1 e Tg5) chiedendo un’altra tranche da tre miliardi di euro e un percorso facilitato per l’ingresso nell’eurozona del suo paese, in cambio della gestione dei flussi migratori. Se i Tg Rai si mostrano cauti nel giudizio sulle istanze turche, ricordando che i tre precedenti miliardi non sono ancora stati stanziati, Tg4 e Tg La7 non usano mezze parole: si tratta di un “ricatto”, un lascia o raddoppia con il futuro di Schengen come posta. Sempre Mentana rilancia da studio quella che parrebbe essere una delle condizioni “di bandiera” poste da alcuni paesi europei, ed in primo luogo del governo italiano: che il governo la smetta di vessare le opposizioni interne e di chiudere i giornali incarcerando giornalisti e direttori. I Tg delle venti annunciano una “cena non programmata” in corso tra i leader europei, che potrebbe riservare portate più “digeribili”. Continuano intanto sui Tg Rai le cronache ed i collegamenti dal campo profughi di Idomeni sul confine greco-macedone. Ottimo quello di Tg3.

Le testimonianze, forti e dignitose, dei due tecnici italiani Calcagno e Pollicardo rientrati ieri in Italia dopo 7 mesi di prigionia, e l’attesa per la restituzione delle salme dei loro colleghi sono nei titoli per tutti ed esauriscono la pagina degli esteri sulle testate minori Mediaset. TgLa7 propone “sulla base di informazioni in suo possesso”, la ricostruzione più credibile sulla dinamica della divisione dei due ostaggi, che poi si sono liberati da soli, dagli altri due rimasti vittima durante un trasferimento in uno scontro tra milizie di tripoli e rapitori. Di Libia e Siria trattano Tg3 e i Tg delle 20, con Tg1, Tg5 e Tg La7 che riprendono la vera e propria battaglia Libia e Tunisia per li tunisini, con un bilancio di almeno 50 morti. Ottimo il collegamento dell’inviato Chartroux dal fronte siriano avanzando contro l’Isis, supportate dalla coalizione occidentale. Tg La7 ritorna, in splendida solitudine, sulle polemiche dei giorni scorsi legate all’intervento italiano in Libia, segnalando come l’indicazione dei “5.000 uomini”, avanzata dall’ambasciatore americano, sarebbe stata avanzata, a detta di quest’ultimo, proprio dal governo italiano, che rigorosamente smentisce.

Le previsioni di crescita sul Pil italiano riviste al ribasso da Fitch e la probabile lettera della Commissione al governo italiano, occupano la pagina d’economia dei Tg (titoli per Tg3, Tg5 e Tg La7); sulla Rai ampio spazio alle dichiarazioni del ministro Padoan che sembrano scongiurare nuove manovre ed i dati odierni sulla riduzione dei licenziamenti (titolo per Tg1). Tg La7 prova, in un servizio alquanto didascalico, ad “interpretare” questo paradosso di dati “buoni” dall’economia reale a cui si accompagnano previsioni “non buone”, trovando il responsabile nel peso del debito pubblico che, ci si aspetta, sarà domani l’oggetto di una “letterina” di richiamo da parte della Commissione.

Sul fronte delle amministrative, le primarie del Pd con la vittoria di Giachetti a Roma e di Valente a Napoli tengono banco su tutte le testate, eccetto le minori Mediaset. Tg5 illustra ampiamente gli attriti e le polemiche sulla scarsa affluenza al voto nella Capitale, dove si è comunque registrato un forte calo dell’affluenza. Meno acrimonie sui Tg Rai, con Giachetti brevemente intervistato sul Tg1. Sporadici nei servizi dei Tg delle 20 i riferimenti alle possibili irregolarità nelle votazioni a Napoli.

L’apertura di Tg4 dedicata agli oltre 30.000 supplenti nella scuola italiana che, da diversi mesi, non ricevono regolarmente lo stipendio causa di “disguidi e rimpalli di responsabilità” tra ministeri.

Anche stasera la cronaca si impone sulle scalette dei Tg, con l’assurdo omicidio “per noia” compiuto da due giovani romani che ottiene titoli su Tg1 e Mediaset ed un servizio anche su Tg La7.

In questa vigilia dell’8 marzo, e nel 70esimo anniversario dal primo voto delle donne in Italia, Tg5 e Tg2 dedicano, rispettivamente, copertina ed approfondimento (con diversi servizi) alla condizione della donna in Italia nel passato ed in un presente ancora condito di disuguaglianze, soprusi e, talvolta, violenza maschile.

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu