Le belle bandiere

I Tg di martedì 3 maggio – Abbiamo scomodato il titolo di una splendida lirica di Pasolini del 1962 per introdurre il grande spazio riservato questa sera da tutte le testate alla favola di Claudio Ranieri che, novello David, sconfigge i tanti Golia della Premier inglese con il suo Leicester operaio. Una vera epopea che non è figlia di sciovinismo italiota ebbro per la vittoria dell’ “anziano italiano” nella perfida Albione, visto che i riflessi dell’impresa della “squadretta” di Leicester li ritroviamo in queste ore nei cinque continenti. Tornando ai nostri Tg, en plein di titoli per tutti e lunghi servizi. Il più interessante è, forse, quello del Tg2 che oltre a rinverdire la storia dell’allenatore umile e (finalmente) vincente, evidenza la composizione fortemente multietnica di 300.000 abitanti di Leicester, accumunati nei festeggiamenti dal vessillo della squadra di casa. Le belle bandiere, dicevamo. Certo quelle di Pasolini erano sventolate dagli operai della seconda metà degli anni ’40, mentre quelle di oggi propongono i colori sociali o il volto di Ranieri (ma anche quello del “Divo Totti”). E’ “solo” calcio, insomma. Ma forse anche il segno che di bandiere che garriscono ci sarebbe un gran bisogno, e in diversi ambiti.

L’arresto del sindaco Pd di Lodi, accusato di aver pilotato il bando per gli appalti di due piscine comunali, ottiene le aperture su Tg3, Tg4, Studio Aperto e TgLa7, ed è secondo titolo per gli altri. La vicenda in sé è quasi “asfaltata” dalle polemiche del M5S, che lanciano la propria legge anticorruzione. Per Mentana si tratta di “vicenda che non sembra di enorme portata”, ma che porterà “altra benzina sul fuoco” in vista delle amministrative. Sempre per la pagina politica, le grandi manovre verso il referendum costituzionale rimbalzano soprattutto su Tg5 e Tg1. Le manovre della destra a Roma, figurano invece su Tg3.

La diminuzione delle stime di crescita per il 2016 sono in apertura su Tg1, Tg2 e Tg5, che riportano ampiamente le parole di Padoan sui pericoli per l’Europa che deriverebbero più dalla crisi di Schengen che dai problemi dell’euro. Tg2 parla delle proposte di Renzi per il prossimo vertice europeo, mentre Tg4 calcola in 18 miliardi i maggiori costi che verrebbero causati dal revival delle frontiere. Tg2 fa parlare Patuelli dell’Abi sul Fondo Atlante, ritenuto iniziativa buona e da rafforzare.

La censura imposta dal ministero della comunicazione egiziano sul caso Regeni è nei titoli per Tg1 e Studio Aperto. Tg4 ipotizza che ci siano spaccature nell’esecutivo di Al Sisi che avrebbero prodotto questa fuga di notizie. Mentana propone un servizio dalla diga di Mosul, mentre i Tg Rai (titolo per Tg3) ritornano sui bombardamenti ad Aleppo, ad opera di ambo le parti del conflitto.

Spazio su tutte le testate ai disegni della bambina uccisa a Caivano, che su Studio aperto e Tg1 vengono analizzati da una esperta forense. Oltre 13 minuti in apertura su Tg4 attestano che è oramai partita la consueta deriva morbosa di cui avremmo fatto volentieri a meno.

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer