L'opinione

Le unioni che dividono

100

I Tg di martedì 10 maggio – Ci siamo. Ma lo storico passaggio di civiltà, su cui il governo chiede la fiducia rivendicandone il grande valore politico, divide trasversalmente e diventa occasione di sterili contrapposizioni, impedendo di festeggiare adeguatamente l’imminente varo delle unioni civili. Apertura per i Tg Rai, secondo titolo per La7; più in basso su Tg5. Tg1 riassume il senso concreto del provvedimento, ma i teleutenti rimangono schiacciati sotto il peso delle diatribe politiche fini a se stesse che impediscono di capire perché i Cinque Stelle le osteggiano, perché la sinistra parlamentare storce il naso, perché la destra “liberale”, pur con diverse eccezioni, le rigetta. E’ la politica, bellezza! Chiara – e ampiamente ripresa – l’opposizione della Cei, mentre il candidato della destra a Roma Marchini, colto da un torcicollo istituzionale per il troppo guardare a destra, ci regala lo strafalcione del “sindaco che non le celebrerà” (nei titoli per Rai e La7). E se non fosse uno strafalcione, si dovrebbe parlare di una sorta di obbiezione di coscienza che farebbe ridere i polli. Nelle cronache dei Tg quasi assente quella “stepchild adoption” che aveva dominato le scalette e il pubblico dibattito durante la precedente discussione al Senato. Domani il voto di fiducia, una volta tanto “appropriato” perché non dettato dai rischi del pallottoliere, ma della volontà di sottolineare il riconoscimento delle “unioni che uniscono”.

Il linguaggio aggressivo e talvolta scurrile della politica è oggetto di servizi su diverse testate in relazione allo scontro Boschi-Cuperlo e agli attacchi di De Magistris a Renzi. Per Mentana le “spiegazioni” del sindaco di Napoli non convincono.

Soprattutto su Mediaset ampio spazio agli arresti di 3 presunti jiadisti in Puglia e agli accoltellamenti in Germania. Alfano è ripreso da tutti mentre plaude all’attività degli inquirenti che “bloccano” gli islamisti prima che entrino in azione. Per TgLa7 la reale pericolosità dei 3 arrestati sarebbe dubbia.

Per Banca Etruria potrebbero pagare anche le alte sfere, e non solo i direttori di filiale. Questa la buona notizia che discende dalle indagini che hanno scoperto circolari interne che invitavano a vendere i prodotti tossici anche ai piccoli risparmiatori. Nei titoli per TgLa7 che, in apertura, ritorna su Tempa Rossa nel giorno in cui il vice ministro De Vincenti viene ascoltato dai Pm.

Tg2 torna sul tema delle libertà di stampa ampiamente conculcata in Turchia, anche per questo un “partner” alquanto infido per l’Europa.

Alberto Baldazzi

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata