Legittima difesa e illegittime sceneggiate

I Tg di giovedì 4 maggio – Il passaggio alla Camera delle nuove norme sulla legittima difesa è in apertura per tutti ( secondo titolo per Tg5). Ma gli obbiettivi sono quasi tutti sugli scontri, molto meno sui contenuti del provvedimento, totalmente assenti nei Tg Mediaset , decentemente ripresi da quelli Rai. La7 parla fin dai titoli di “sceneggiate”. Molto critico, Mentana – assai critico – osserva che un tema di così evidente sensibilità non va modulato secondo i sondaggi, ma che la mediazione che è stata rabberciata (e criticata da sinistra, da destra e dai Cinque Stelle) è un mezzo pastrocchio. Mediaset riprende Salvini e dice che ci si può difendere “solo di notte”, ma anche la Rai (vedi il Tg2) afferma che il diritto di reagire (anche sparando) è ampliato quando fa buio. La destra avrebbe voluto tenere fuori la Magistratura, la sinistra non Pd critica la libertà di pistola.

La querelle sulle ong si arricchisce della notizia di un primo reale fascicolo della Procura di Trapani su una organizzazione non governativa che opererebbe fuori dalla regole e, forse, in rapporti diretti con gli scafisti. Apertura per Tg5, titoli alti per gli altri. Tg3 intervista il Vice Presidente del Csm Legnini che assicura appoggio al Procuratore di Catania Zuccaro ma, allo stesso tempo, annuncia una riflessione sui confini corretti della comunicazione dei magistrati. Ma l’interesse massimo è sullo scontro tra Cinque Stelle e Pd. Di Maio, forte della “non punizione” di Zuccaro e dell’inchiesta di Trapani, dagli States rivendica le scuse del Pd. Su questo tasto Mentana lo contesta, affermando che chi dovrà chiedere scusa lo si stabilirà eventualmente dopo i rinvii a giudizio e le condanne.

Due buone notizie, assai rare visto il clima generale del Paese. L’accordo siglato dal governo con 13 grandi aziende per limitare la delocalizzazione del lavoro dei call center. Nei titoli per i Tg Rai, nei servizi per Mediaset quanto meno perché tra le 13 aziende c’è anche lei. Si tratta del primo caso di intervento (speriamo organico) in Europa. Lo stesso vale per l’altra buona notizia: i 300 milioni abbondanti che Google verserà all’erario per mettersi a posto con una decennale elusione evasione fiscale. Nei titoli per Tg5 e TgLa7. Speriamo che l’accordo faccia scuola, e che Bruxelles, una volta tanto, prenda ad esempio l’Italia.

A proposito di Bruxelles, titolo per La7 e servizio ampio su Tg1 per l’ok della Commissione alla manovrina dei 3,4 miliardi.

In una serata in cui l’Italia per alcuni aspetti “fa bella figura”, c’è anche il “mal comune, mezzo gaudio”: per Mentana il confronto Le Pen-Macron è stato pessimo, e i due candidati si sono comportati peggio dei cugini italiani.

Sempre per gli esteri, su Mediaset spazio a go-gò al ritiro del Principe Consorte della Gran Bretagna: titoli per Tg4 e Studio Aperto, ma anche per Tg1 e Tg2. La repressione in Venezuela compare a fine edizione su Rai e Medisaet. Il viaggio di fine maggio di Trump in Medio Oriente ed Europa, con “intrigante” tappa anche dal Papa, è nei servizi di TgLa7.

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse