L'opinione

Zuccaro – Il Magistrato e il cittadino

117

I Tg di mercoledì 3 maggio – In una serata dalle aperture diversificate, l’audizione del Procuratore di Catania Zuccaro in commissione al Senato, con cui rilancia i sospetti sulla collusione tra alcune ong ed il trafficanti di esseri umani del Mediterraneo, s’impone su Tg1 e Tg5 (secondo titolo per Tg3 e Tg4, terzo per Tg2 e Studio Aperto). L’intervento da “magistrato”, così come le motivazioni che lo portano da “da cittadino” (??) a puntare il dito contro flussi che considera eccessivi, ricevono nel complesso adeguato spazio , mentre per altro rimane alto l’interesse e lo scambio polemico tra le forze politiche. Anche i Tg sono schierati: da una parte quelli Mediaset, che rimarcano come “tra le ong non ci sono solo filantropi”, dall’altra le testate Rai che raccolgono le testimonianze dei loro difensori (intervento di Casini su Tg1 e Tg2). I primi sembrano plaudire sia al “magistrato” che al “cittadino”.

Sempre per la politica, anche stasera Tg La7 si distingue con un’apertura sulle tensioni che accompagnano legge elettorale, dopo l’odierno rinvio richiesto in commissione della maggioranza e da Forza Italia(presente a metà edizione, e senza troppa enfasi sui Tg delle 20). Maggiore spazio(terzo titolo su tutti i Tg delle 20) alla legge sulla legittima difesa, parzialmente emendata dai partiti della maggioranza nel senso di un maggior garantismo per le vittime, ma che non soddisfa le destre, con l’appello di Berlusconi ripreso sia da Tg5 che, con un’ottica più critica, da Tg La7. Inutile dire che fino a ieri Forza Italia sembrava apprezzare il nuovo testo, che modifica l’attuale normativa per altro varata dal governo Berlusconi.

Ma a tener banco stasera (titoli alti per i Tg Rai e La7) è soprattutto la replica di Grillo alle critiche contenute in un articolo del New York Times che imputava a M5S (in quanto movimento populista alfiere “dello scetticismo a tutti i livelli”) di portare avanti una campagna antivaccini nel Paese. Se per il comico-leader le osservazioni del NYT sono “una balla”, in molti servizi si richiamano le campagne del Movimento che esprimono dubbi sui vaccini, riprendendo i post e le clip presenti nella rete e la stesse proposte di legge dei parlamentari grillini.

Anche la pagina degli esteri è dominata da uno scontro che si riaccende, quello tra Londra e l’Unione Europea, con la premier May che, dopo le notizie diffuse dal Financial Times secondo cui l’Unione si prepara a chiedere al Regno Unito fino a 100 miliardi di “fattura” per la Brexit (giudicata una cifra eccessiva), accusa Bruxelles di voler influenzare le imminenti elezioni. Apertura per Tg3, ultimo titolo per La7 che segnala un rapporto giunto oramai ai ferri corti.

Molto alta stasera la cronaca con la morte a Roma di un ambulante senegalese, in concomitanza di un blitz anti abusivi delle forze dell’ordine nei pressi sull’Isola Tiberina Discordanti le versioni: gli extracomunitari che accusano i vigili di averlo investito con uno dei loro mezzi, la Questura che nega. Apertura per Tg4, secondo titolo Tg5, comunque alto per gli altri. Presente fin dai titoli anche la morte di un 77enne a Monopoli, apparentemente gettato sugli scogli da una coppia di 17enni nel corso di una bravata o di un tentativo di rapina.

Nella giornata mondiale della libertà dell’informazione, nei servizi dei Tg delle 20 il pensiero è andato agli oltre 150 giornalisti prigionieri nella vicina Turchia. Tg5 ospita l’intervento di Ferruccio De Bortoli che sulla situazione in Italia propone una lettura non allarmata, ma comunque tutt’altro che soddisfacente.

Segnaliamo in chiusura l’interesse di Tg La7 all’incontro tenutosi senza troppa pubblicità a Palazzo Chigi tra Gentiloni ed il noto finanziere Soros (finanziatore di diverse ong), che sarà oggetto di una interrogazione di Forza Italia. Ma se i contenuti di un colloquio alquanto riservato possono intrigare molti, la visita del Presidente Federale tedesco Steinmeier, che assieme al Capo dello Stato Mattarella ha reso omaggio – prima volta in assoluto – alle Fosse Ardeatine, sembra non interessare più di tanto: servizio basso e solo su Tg3 e Tg2.

Altre opinioni dell'Autore
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario