L'opinione

Alitalia, tra nostalgia e scetticismo

89

I Tg di martedì 2 maggio – La giornata del Primo Maggio si è portata via l’attenzione alle primarie del Pd e alla vittoria di Renzi: questa sera, infatti, nessun titolo nei Tg di serata. Solo un riferimento di TgLa7, in coda alla vicenda degli arresti a Terni, oltre a un discreto servizio su Tg2, e ciò è alquanto sintomatico della superficialità che caratterizza il flusso forsennato dell’informazione.

Per qualche ora si parlerà di Alitalia, che nel giorno della nomina dei 3 commissari da parte del Governo vede lì apertura di Tg1, Tg2, Tg4, Tg5 e titolo per TgLa7. Gentiloni ribadisce il no alla nazionalizzazione, e su molte testate si riprende con qualche nostalgia la storia gloriosa della compagna di bandiera.

La vera apertura che non ci si aspetta, e che si spera abbia concreti addentellati con la realtà, è quella di Mentana dedicata all’accordo che sarebbe stato raggiunto tra Tripoli e Tobruk. Prevederebbe elezioni condivise entro il 2018 e l’eliminazione delle milizie, con il controllo del territorio affidato ad un esercito nazionale sotto il comando di Haftar. C’è da augurarsi che Tg La7 non si sbagli, perché tutto ciò preluderebbe alla possibilità di un maggior controllo dei flussi di disperati e renderebbe possibile il piano di Gentiloni (ed europeo)per la loro gestione.

Intanto la questione immigrazione domina la polemica politica, nel giorno in cui le maggiori Ong e il Procuratore di Siracusa ascoltati in Commissione smentiscono i sospetti del Procuratore Capo di Catania Zuccaro. Apertura per Tg3 e titoli per tutti gli altri, con l’esclusione di Tg2 che però dedica un servizio a metà edizione. Il leghista a capo del Copasir smentisce Salvini e Di Maio, negando che esista un dossier italiano sulle presente collusione delle ong con gli scafisti. Mentana, che nei giorni scorsi si era “spinto avanti” nelle critiche a Zuccaro, dopo aver attenuato le sue posizioni questa sera ridà fiato alla censura del magistrato che non ha parlato “con gli atti”, bensì con le ipotesi. Il Capo di Catania domani sarà a sua volta ascoltato in Parlamento.

Gli arresti a Terni (sindaco e assessore Lavori pubblici entrambi del Pd) per gli appalti “sbilanciati” a favore delle operative sociali, rappresentano una “grave tegola” per il Pd il giorno dopo e primarie. Nei titoli per Tg3, Tg1 e Tg5. Quest’ultimo dedica ampio spazio all’intervista con cui Berlusconi “spiega” che il Paese non vuole il bipolarismo, ma una legge elettorale che riconosca i 3 poli e, quindi, necessariamente proporzionale. Ripreso in breve anche dalle altre testate.

I nuovi dati sull’occupazione, che sollecitano letture non univoche, sono semplificati da Tg4 che la “vede nera” su tutta la linea, fino al punto di oscurare la diminuzione della disoccupazione giovanile: potenza delle linee editoriali!

Sui Tg Rai compare Marco Cappato, per cui la Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione dopo la sua autodenuncia per aver aiutato a morire in Svizzera Dj Fabo. Presente anche su Tg5.

Per gli esteri, “alto” lo scivolone della Le Pen che nel discorso di ieri ha copiato patri di un precedente discorso di Fillon, mentre TgLa7 “entra” nel merito dei sondaggi per il ballottaggio della prossima domenica, segnalando che Macron non potrà contare sui voti di Malenchon. Nei Tg delle 20 spazio anche all’incontro Putin-Merkel, e alle polemiche a distanza tra Trump e il dittatore nord-coreano.

Concludiamo con l’ampio spazio dedicato un po’ da tutti alla morte di Valentino Parlato. Nei titoli per Tg3 e Tg1, e nei servizi per gli altri maggiori, il saluto al fondatore de Il manifesto, un protagonista della vita politica e del giornalismo per più di 60 anni.

 

 

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli