Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Libia – Calma e gesso

I Tg di venerdì 4 marzo – Ieri le due vittime italiane, questa sera i due colleghi liberati, riportano le aperture dei Tg a Sabrata. Gino Policardo e Filippo Calcagno ce l’hanno fatta, dopo quasi 8 mese di prigionia e a poche ore dalla scoperta dei cadaveri dei due colleghi della Bonatti che, come loro, lavoravano alle infrastrutture degli impianti petroliferi in Libia. Nei servizi di tutte le testate alla gioia delle famiglie dei liberati si accompagnano le domande dei famigliari dei due morti, che sulle testate Mediaset, e soprattutto Tg4, assumano i consueti toni di attacco al governo che non sarebbe intervenuto efficacemente. Ma come nella serata di ieri alla cronaca seguono dopo pochi minuti gli interrogativi sul “che fare”. Mentana nei titoli parla di un “forte dietrofront” da parte di Renzi, che ha derubricato le notizie sull’imminente intervento militare dei giorni scorsi a “indiscrezioni della stampa”. Le cautele mostrate dal premier sono riprese da tutte le testate. Tg5 giustappone lo stop del governo alle dichiarazioni bipartisan di Prodi (di ieri) e di Berlusconi che oggi torna a dichiararsi contrario all’intervento. Chi l’intervento lo dà per scontato è l’ambasciatore americano in Italia che sul Corriere ha “dato i numeri”: 5.000 militari italiani pronto ad intervenire (Tg1, Tg5 e Tg La7). Peccato che Palazzo Chigi smentisca. Intanto su Tg3 l’ambasciatore libico assicura che dal caos del suo paese sta emergendo finalmente il governo unitario. Non sappiamo come finirà ma, certo, la guerra è un’opzione che non ha mai prodotto soluzioni giuste e durature, senza parlare del prezzo di sangue che esige e provoca. Quello che ci vuole è “calma e gesso”, accompagnato da un dibattito interno che rispetti la gravità della situazione. Il governo al momento sembra ben orientato.
Per gli esteri continua sui Tg Rai una buona copertura con la situazione ai confini tra Grecia e Macedonia, a pochi giorni dall’ennesima “riunione decisiva” in ambito Ue. Anche TgLa7 torna ad occuparsene, mentre Tg5 propone un buon servizio sui 400 minori non accompagnati presi in carico dalle associazioni di volontariato a Calais.
I nuovi dati dell’Istat che lasciano intravedere per il 2016 una crescita meno gracile, fanno brindare Via XX Settembre, e trovano ampio spazio soprattutto su TgLa7 che, per altro, torna sui problemi del sistema bancario (accorpamenti difficoltosi e difficoltà di Carige) affibbiando una parte delle colpe dei ritardi nelle ristrutturazioni bancarie all’”occhio” troppo vigile e interessato delle istituzioni finanziarie tedesche.
Tornando alla politica “dei partiti”, Mediaset dà ad intendere che dopo l’odierna uscita di Berlusconi a fianco di Bertolaso, per Roma tutto sarebbe ok; smentita da Tg2 e TgLa7 che riportano le dichiarazioni contrarie di Salvini delle ultime ore.
Tanta cronaca stasera e, soprattutto “trasversalmente”. Le dichiarazioni in aula dell’imputato Bossetti rimbalzano su tutte le testate, comprese quelle in genere non “votate” alla cronaca criminale. Il processo per l’omicidio di Yara è nei titoli per tutti, tranne Tg2.
L’ex Presidente Lula, interrogato in Brasile nell’ambito di un’inchiesta sulle tangenti petrolifere alla politica, è nei titoli dei Tg Rai e di La7. Tg2 riferisce che gli inquirenti brasiliani hanno preso a modello per loro indagini il po

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica