L'opinione

Maghi e Draghi

119

I Tg di giovedì 21 gennaio – “A Draghi è riuscita la magia”: con questo giudizio Tg3 interpreta la profonda inversione sui mercati europei prodotta dalle parole del Presidente della BCE, che ha confermato come i tassi resteranno invariati, che l’inflazione non scenderà oltre e che gli istituti italiani sono stabili. Aperture per I Tg Rai, Tg5 e Tg La7. Sono quindi bastate poche parole e i toni d’allarme dei giorni scorsi sembrano già dimenticati, con la borsa italiana che quasi recupera le perdite di ieri (+4,2%) e gli indici bancari che tornano in auge con le azioni MPS che, dopo 3 giorni in caduta libera, “resuscita” (Tg La7) guadagnano oltre il 43% (metà delle perdite degli scorsi giorni). Ma, nei fatti, cosa sia successo realmente nessuna testata si azzarda a spiegarcelo, lasciando nell’ombra ciò che, ad avviso di Mentana, “è stato un attacco speculativo” di incerta provenienza. Tg2 fa intervenire il presidente Abi Patuelli, che però inquadra il problema “a monte” – calo prezzo del petrolio – senza riferimenti specifici ai crolli di ieri. Una cosa è certa: quando si tratta di mercati finanziari, oggettività e credibilità non sono di casa.

Il secondo o terzo titolo di tutte le testate è dedicato alla conferenza stampa con cui oggi il governo ha presentato la legge sui licenziamenti facilitati per la Pubblica Amministrazione ed il nuovo concorso per l’assunzione di 63.700 insegnanti della scuola pubblica. Le polemiche dell’altro ieri sembrano anche qui “dimenticate”, con Renzi che commenta in modo quasi bonario (Tg5) le dichiarazioni di Junker. Molto spazio sulle testate Mediaset, ma attenzione anche per Tg La7 e Tg1, all’inciampo della maggioranza alla Camera su un emendamento alla legge sull’omicidio stradale. Tg3, Tg2 e i Tg delle 20 (buon servizio Tg1) riflettono sulle nomine di tre senatori verdiniani alle vicepresidenze di commissione che suscitano polemiche e sospetti sia fuori che dentro la maggioranza.

Le dimissioni di Rosa Capuozzo dalla carica di sindaco di Quarto sono, presenti nei titoli su tutti i Tg, sono per Tg La7 “la conclusione” di una vicenda imbarazzante che ha visto protagonista, suo malgrado, l’incerta linea di comando di M5S. Le dichiarazioni dell’ex prima cittadina “Così perde la politica e vince la camorra” vengono gravemente riprese da tutte le testate, segnali di una richiesta di responsabilità che va ancora soddisfatta.

Tornando sui fatti di Colonia (Apertura per Tg4), dove le denunce per molestie sessuali sono arrivate ad oltre 800, i Tg Mediaset producono servizi fortemente critici verso le dichiarazioni di un imam salafita
ultraconservatore di Colonia che, in sostanza, ha dato la “colpa” delle aggressioni alle donne “per come vestivano e profumavano”. Ci ha fatto piacere come, questa volta, le critiche di Tg4 siano state rivolte alla singola persona senza attacchi generalisti alle comunità o alla fede islamica.

Rimanendo agli esteri, tutti i tg riportano le dichiarazioni della magistratura inglese che individua nel presidente Russo Putin il mandante dell’omicidio dell’ex spia sovietica rifugiata a Londra Litvinenko. Buono il servizio del Tg3 che parla di “venti di guerra fredda” tra Russia e Regno Unito.

I nuovi morti nel Mare Egeo (11, di cui 3 bambini) trovano spazio sui titoli e nei servizi dei soli Tg Rai. Da segnalare il buon approfondimento del Tg2 sui “migranti di ritorno”, ossia quelle migliaia di profughi che, respinti dai paesi del Nord Europa a cui hanno chiesto asilo, convergono di nuovo verso l’Italia. I nuovi attacchi dell’Isis in Libia e le proteste che montano in Tunisia vengono coperte, rispettivamente, da Tg1 e Tg5.

Segnaliamo, in chiusura, l’intervista “esclusiva” a Piersilvio Berlusconi andata in onda su Tg5, dove il presidente Mediaset rivendica i meriti della sua azienda non solo per i contributi dati all’economia italiana, ma anche per la capacità di esportare la cultura italiana nel mondo attraverso il cinema e la fiction. Tre minuti di auto-elogio che, almeno a noi, non è sembrata una notizia.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli